CARC. EPATICO  
Il Diario    
Quadro Clinico     
Il mio Protocollo     
Alimentazione    
La Scelta     
Home Page     
INFODAY  
100 news    
Salute    
Scienza    
Cultura    
Arte    
Costume    
Tecnologia    
Cronache    
Politica    
Finanza    
Economia    
Interni    
Governo    
Esteri    
Sport    
Gossip    
BORSA-FINANZA  
Quotazioni  
Congiuntura    
Alleanze    
Cessioni    
Acquis. Fusioni    
Rumors    
AREE GEOGRAF.  
Italia    
Germania    
Francia    
Spagna    
Inghilterra    
Giappone    
Cina    
Iran    
Irak    
INFODAY  
News - Salute


  
18/07/2013
21:04:38

Italiano il primo vaccino contro il meningococco B



Messo a punto a Siena dal team di Rino Rappuoli è indicato per proteggere fin dal secondo mese di vita e rappresenta il mezzo più efficace per prevenire la malattia.





Il meningococco B è responsabile di oltre 6 casi su 10 di meningite meningococcica in Italia, patologia che evolve con rapidità e può uccidere nell’arco di 24 ore o causare gravi disabilità permanenti.

«Finora non era disponibile un vaccino contro il meningococco B – dichiara Rino Rappuoli, Responsabile Mondiale della Ricerca, Novartis Vaccines and Diagnostics –

Ecco perché è molto importante che sia arrivato il via libera anche dell’AIFA.

Questo nuovo vaccino permetterà non solo di salvare molte vite umane, ma anche di cambiare le prospettive della lotta contro la meningite nel mondo.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
21:01:26

Pancreas. Trapianto di isole la speranza che è già realtà



Il problema, per gli oltre 100 pazienti che ogni anno possono fare il trapianto, è quello del rigetto.

Arriva un farmaco che riduce la risposta infiammatoria dell’organismo a questa terapia innovativa






Il problema, per gli oltre 100 pazienti che ogni anno possono fare il trapianto, è quello del rigetto.

Arriva un farmaco che riduce la risposta infiammatoria dell’organismo a questa terapia innovativa.

Le isole pancreatiche, che contengono le cellule produttrici di insulina, vengono isolate dal pancreas di un donatore e impiantate mediante una semplice procedura di infusione nel fegato del ricevente.

Una volta in sede le isole trapiantate iniziano a produrre l’insulina.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
18:52:15

Pazienti diabetici anziani una 'bomba' socio-sanitaria



Secondo lo studio Hysberg, il più importante su scala mondiale per dimensione del campione, i diabetici over 65 sono oltre 1,5 milioni, entro dieci annisaranno 2,5





Un paziente diabetico over 65 su 10 ha nel corso dell’anno una crisi ipoglicemica grave che, nel 63,5 per cento dei casi comporta un ricovero in ospedale, con un costo medio per ricovero di 3500 euro.

Il fenomeno delle ipoglicemie negli anziani, oltre a produrre un forte impatto sul piano sociale, comporta gravi problemi gestionali e di sostenibilità per il Servizio Sanitario Nazionale per il presente e, soprattutto, per il futuro, se si considera che in Italia, fra gli oltre 3 milioni di pazienti diabetici (5,5 per cento della popolazione) 1,5 milioni hanno più di 65 anni



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
18:17:23

La dieta in gravidanza "costruisce" il nostro futuro



Obesità, malattie caerdiache e disturbi mentali: in un libro il rapporto tra l'alimentazione della donna incinta e la salute del figlio.





Dimmi cosa ha mangiato tua madre e ti dirò chi sei.

La dieta durante i nove mesi di gravidanza determina il futuro del nascituro. La tesi è sviluppata in un libro Origins di Anne Murphy Paul che dispensa anche molti consigli sull'alimentazione:

non esagerare con il consumo di cibo perché il bambino rischia di nascere con malformazioni, bisogna mangiare proteine per evitare che il piccolo sviluppi tessuto adiposo e non muscoli rischiando così obesità, diabete e malattie cardiache.

Sì al consumo di pesce ma senza esagerare:



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
18:12:49

Usa, contrordine golosi Cioccolato fa dimagrire



Gli studiosi hanno dimostrato che le persone che assumono spesso il prelibato dolce è più magro di chi non lo consuma.





Difficile credere che il cioccolato faccia dimagrire, eppure una ricerca americana dimostra che le persone che lo mangiano poco ma spesso sono in media più magre di chi lo mangia poco.

È la dolce sorpresa emersa da uno studio di Beatrice Golomb della Università di San Diego



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
18:06:17

Cancro ai polmoni,



Lancet Oncology: “Provocato anche dallo smog”





La conferma scientifica arriva da uno studio, su 300mila persone, che ha stabilito che chi vive in città con record di inquinamento corre più rischi per la salute.

La ricerca europea è stata condotta su residenti in nove Paesi europei, fra cui l’Italia, che ha le città con l’aria più avvelenata in assoluto.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
17:42:48

Aids, ricerca Italia-Usa:



“Più vicini a cura definitiva eliminando riserve virus”

Esperti dell’Istituto Superiore di Sanità coordinati da Andrea Savarino, insieme a colleghi della Duke University nel North Carolina, hanno prodotto la remissione della malattia in macachi, curandoli con un mix di farmaci contenente oltre agli antiretrovirali altre due sostanze.





I ricercatori stanno ora programmando l’inizio di un trial clinico nei primi mesi del 2014.

Una cura definitiva all’Aids, in cui il paziente non debba più assumere i farmaci antiretrovirali senza che il virus torni ad attaccare il suo sistema immunitario: è il Santo Graal dei virologi che studiano l’Aids e sembra una meta un po’ più vicina grazie a uno studio condotto tra Italia e Usa e pubblicato sulla rivista Retrovirology.





................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
17:40:36

Sindrome Down



“Difetto genetico può essere soppresso”

Gli scienziati dell’Università del Massachusetts sono riusciti a dimostrarlo per primi in vitro.





Questo spiana la strada allo studio delle patologie implicate nel disturbo, un obiettivo che si è finora dimostrato sfuggente. E un giorno, secondo la rivista Nature, potrebbe aiutare a trovare potenziali bersagli terapeutici per mettere a punto cure 'ad hoc'

Gli esseri umani nascono con 23 coppie di cromosomi, tra cui due cromosomi sessuali, per un totale di 46 in ogni cellula.

Le persone con sindrome di Down hanno tre copie (invece di due) del cromosoma 21: la cosiddetta ‘trisomia 21′ provoca disabilità cognitiva, insorgenza precoce di Alzheimer e un maggior rischio di leucemia infantile, di difetti cardiaci, del sistema immunitario e una disfunzione del sistema endocrino.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
15:45:03

Guariti 6 bambini da malattie genetiche finora non curabili



Studio su staminali e terapia genica



Lo straordinario traguardo da una ricerca di 15 anni di Telethon e San Raffaele di Milano.

'Battute' la sindrome Wiskott-Aldrich e la leucodistrofia metacromatica.





I ricercatori hanno usato il virus dell'Hiv (ripulito degli elementi pericolosi) per diffondere i geni corretti in tutte le cellule.


Merito di un mix delle tecniche più avanzate della medicina di oggi. La prima è la terapia genica: il dna di una cellula difettosa viene corretto grazie all'introduzione di un gene sano assemblato in laboratorio. Questo metodo, allo studio da oltre 20 anni, prima di oggi era sempre stato avaro di risultati (e in qualche caso addirittura pericoloso).



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


18/07/2013
13:28:02

Benvenuti alla clinica Eternity dove l'illusione genera mostri



Le nuove frontiere miracolose (e grottesche) della plastica facciale. Il miracolo, anzi l'inganno, è che nessuno si vede come realmente è.





Non posso fare il mio nome, per ragioni di segretezza contrattuale, e perché voglio dirvi la verità e posso farlo solo restando anonimo, altrimenti mi licenzierebbero.

Non è una verità gradevole, come tutte le verità.

In pratica mi occupo di chirurgia estetica.

Sono l'addetto agli incontri preliminari, mi sono inventato questo ruolo perché oggigiorno se non ti inventi qualcosa non vai da nessuna parte. I chirurghi estetici sono figli di puttana come me ma non vogliono responsabilità, i clienti devono arrivare da loro già convinti, non vogliono rimorsi di coscienza, io faccio il lavoro sporco.

Qual è il lavoro sporco?



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 



  Ci sono -  110  -  Contenuti  -  Pagina  6  di  6  -  [  Primeira Página   4   5   6  ]


Utenti Connessi: 671



Portale di Informazione
| DISCLAIMER | COME CONTATTARCI | TOOL WEBMASTER | PRIVACY |