CARC. EPATICO  
Il Diario    
Quadro Clinico     
Il mio Protocollo     
Alimentazione    
La Scelta     
Home Page     
INFODAY  
100 news    
Salute    
Scienza    
Cultura    
Arte    
Costume    
Tecnologia    
Cronache    
Politica    
Finanza    
Economia    
Interni    
Governo    
Esteri    
Sport    
Gossip    
BORSA-FINANZA  
Quotazioni  
Congiuntura    
Alleanze    
Cessioni    
Acquis. Fusioni    
Rumors    
AREE GEOGRAF.  
Italia    
Germania    
Francia    
Spagna    
Inghilterra    
Giappone    
Cina    
Iran    
Irak    
INFODAY  
News - Salute


  
12/08/2013
11:07:48

Asma e eczema, roba da fast food



Lo studio è stato condotto ad ampio raggio e in più Paesi. Il risultato, però, è stato lo stesso:





mangiare tre o più volte alla settimana cibo da fast food è probabile causa di eczema, asma e rinocongiuntiviti.

Problemi, questi, che si è visto essere più comuni nei bambini e, soprattutto, negli adolescenti. Sono i risultati di una ricerca pubblicata di recente sul giornale Thorax, una delle principali riviste mediche che si occupa di disagi della respirazione.

Gli autori hanno basato le loro conclusioni su dati derivati da campioni di più di 319.000 giovani (di età compresa tra i 13 e i 14 anni) e 181.000 bambini (tra i 6 e i 7 anni) di paesi diversi.

Nel corso dello studio, i genitori dei bambini e gli adolescenti in esame sono stati interrogati sulla dieta settimanale e sull'eventuale presenza di eczema, sintomi di asma e rinocongiuntivite.


................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


12/08/2013
11:03:53

Io lo so che non sono solo



Anche quando ci pensiamo soli – né un cane, né una zanzara fastidiosa nella stanza - in realtà non lo siamo. No, non è “1984” di Orwell.





Il fatto è che dentro abbiamo milioni di esseri viventi (batteri, funghi e altri microorganismi), per i quali il corpo umano rappresenta quello che per noi è il pianeta Terra.

Questi ospiti invisibili, che formano il nostro “microbioma”, sono fondamentali per la salute, tanto che possiamo immaginarci – noi e loro - come un vero e proprio ecosistema.

Per questo è nato lo Human Microbiome Project, che ora può contare su un numero di dati di riferimento senza precedenti grazie al lavoro di un gruppo di ricerca guidato da Kjersti Aagaard del Baylor College of Medicine di Houston (Texas), pubblicato sul giornale della Federation of the American Societies for Experimental Biology (The Faseb Journal) di marzo.


................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


11/08/2013
13:46:00

Nuova influenza aviaria, ricercatori pronti a creare supervirus in laboratorio



E’ tutto pronto per l’avvio dei discussi esperimenti che porteranno a ottenere un supervirus altamente pericoloso per l’uomo a partire dal virus H7N9 della nuova influenza aviaria.





Grazie alla manipolazione genetica gli scienziati vogliono rendereH7N9 ancora più pericoloso per l’uomo, in modo da scoprire i suoi punti deboli e aiutare le autorità sanitarie a sviluppare per tempo le armi necessarie per contrastarne una eventuale diffusione.

  • Il Dipartimento della salute e dei servizi umani (Hhs) degli Stati Uniti annuncia che le ricerche condotte saranno sottoposte a un ulteriore processo di revisione.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


08/08/2013
00:30:32

Così ti trasformo lo zucchero in grasso



Per quale motivo gli zuccheri e i carboidrati che mangiamo si trasformano in grasso? La domanda è delle più interessanti per tutti coloro che lottano con i chili di troppo.





E anche per gli studiosi, chiamati a far luce sui processi molecolari di questo processo fisiologico.

Un gruppo di ricercatori dell'università californiana di Berkeley è riuscito a spiegare come fanno le cellule del fegato ad accorgersi se abbiamo mangiato troppi zuccheri e ad attivare quei meccanismi che li trasformano in grassi.




................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


29/07/2013
02:34:42

L'hamburger fatto con staminali di mucca



Malgrado costi ancora 250.000 sterline (290.000 euro) la risposta alla fame nel mondo e alla salvaguardia dell’ambiente e’ in un hamburger realizzato grazie alle cellule staminali di un mucca sviluppate in vitro fino ad ottenere i 150 grammi di manzo, ‘sintetici’ ma indistinguibili dagli originali, necessari.





CARNE SINTETICA - E’ quanto rivela il quotidiano britannico Independente on Sunday sottolineando come la cosiddetta carne sintetica potra’ rispondere alle crescenti richieste di carne delle popolazioni in via di sviluppo (basti pensare alla domanda crescente in Cina), al momento soddisfatti dagli allevamenti di bestiame che hanno un impatto estremamente pesante sul clima


................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


28/07/2013
03:03:59

Mi Manda Rai 3, replica di Tullio Simoncini 1/3














        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


28/07/2013
00:10:54

Tullio Simoncini e il cancro da curare con il bicarbonato



La storia della morte di Luca Olivotto e la denuncia a Tirana





Ai genitori di Luca ha dato la scelta sulla clinica in cui curarsi: Vienna, Sudafrica, Belgrado, Tirana.

È stato così che il 14 ottobre, Luca è arrivato all’Universal Hospital Group di Tirana: una sorta di albergo a cinque stelle ma non ancora ufficialmente aperto, con una lista di medici supertitolati, dove però – stando al racconto dei genitori di Luca – c’era solo un manipolo di volenterosi giovanissimi infermieri e un paio di medici che lavoravano senza cartelle cliniche.






Al momento del ricovero, Simoncini ha preteso due terzi della somma pattuita in contanti: 14.500 euro:

Ma il papà di Luca, che non pensava di dover pagare anticipatamente, non li aveva con sé. «Mi dispiace, allora non se ne fa niente», ha tagliato corto il medico.

Solo quando gli Olivotto, tra bancomat, carte di credito e un bonifico sul conto di un prestanome, hanno versato in giornata la somma richiesta, Simoncini ha cominciato la “cura”.

Luca si è sentito male già dopo la prima somministrazione di 140 mg di bicarbonato. Racconta il padre: «Alle 4 non muoveva più una mano, alle 6 non parlava più, alle 9 era immobilizzato ». E poi vomito continuo, dolori feroci e Simoncini che tranquillizzava: «Benissimo, è proprio la reazione che volevo, abbiamo fatto una dose d’attacco, ora ci fermiamo».

Due giorni di pausa in cui Luca sembra riprendersi:

Simoncini parte, poi giovedì per telefono ordina a un medico albanese di iniettare un’altra fiala di bicarbonato.

Luca entra in crisi immediatamente: è in preda a dolori atroci e convulsioni, non respira. Nella clinica non c’è niente di quello che Simoncini aveva garantito, non una rianimazione, non un’ambulanza, non ci sono medici che sanno come affrontare l’emergenza. Un’ora dopo, a bordo di un furgoncino senza ossigeno e luce, Luca viene portato all’ospedale di Tirana dove muore in pochi minuti tra le braccia del padre.

..................................................................................................................


  • Questa è una morte certificata del metodo simoncini, sulle presunte guarignioni non riesco a trovare nessuna testimonianza certificata.................................


    ................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


27/07/2013
23:23:16

Ambrosia: la nuova allergia estiva



Finora era presente solo al nord Italia. Adesso a Roma colpisce tre piccoli su 10





>Naso chiuso, congiuntivite, prurito sono i sintomi «molto intensi a livello nasale e congiuntivale, meno per fortuna a livello bronchiale», spiega Alessandro Fiocchi, re- sponsabile di Allergologia del Bambino Gesù, milanese, da sei mesi a Roma e per questo particolarmente attento alla possibile diffusione.


Il polline d’ambrosia è fat- to di uncini, frutti spinosi che si at- taccano ai vestiti, alle ali degli uccelli, agli pneumatici dei veicoli negli aeroporti e nelle autostrade. «>L’allergia esplode con il caldo. E’ probabile che duri anche a settembre e arrivi fino a ottobre, se il tempo mite di Roma si conferma.

  • E’ giusto che la gente ne sia a conoscenza».



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
21:31:13

I farmaci per l’ulcera possono aumentare il rischio di diarrea



L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration, ha dichiarato che i farmaci che vengono utilizzati per il trattamento dell'ulcera, gli inibitori della pompa protonica, potrebbero aumentare il rischio di diarrea associata a infezione da Clostridium difficile.





Clostridium difficile è un batterio che può causare colite e altre condizioni intestinali.

L’FDA ha raccomandato che i pazienti che sviluppano diarrea dopo assunzione degli inibitori della pompa protonica siano controllati per diarrea associata a Clostridium difficile.

I farmaci inibitori della pompa protonica ( PPI ) sono ampiamente utilizzati per trattare ulcera, reflusso acido e altre condizioni.
I più comuni inibitori della pompa protonica sono: Esomeprazolo, Omeprazolo, Lansoprazolo, Pantoprazolo. ( Xagena )


Fonte: FDA, 2012


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
21:25:05

Potenziale terapeutico degli inibitori SK1 nei tumori umani



La sfingosina chinasi 1 ( SK1 ) è un enzima lipidico con proprietà oncogeniche che converte i lipidi proapoptotici, ceramide e sfingosina, nel lipide antiapoptotico sfingosina-1-fosfato, e attiva le vie di trasduzione del segnale che portano alla proliferazione cellulare, migrazione, attivazione della risposta infiammatoria, e ad alterazione del processo apoptotico.





Ci sono prove convincenti che l’attivazione di SK1 contribuisce alla progressione del cancro; è stato riscontrato un aumento della trasformazione oncogenica, crescita del tumore, resistenza alle terapie, neovascolarizzazione tumorale, e diffusione metastatica.

Alti livelli di espressione o di attività di SK1 sono risultati associati a prognosi non-favorevole in diversi tumori umani.

Recenti studi che hanno fatto uso di cellule tumorali e modelli murini hanno mostrato un significativo potenziale delle terapie SK1-target nel creare sinergie con gli effetti della chemioterapia e della radioterapia.

Fingolimod ( FTY720 ) è un farmaco dotato di attività inibitrice di SK1. Attualmente questo farmaco, con il nome commerciale di Gilenya, trova impiego nel trattamento della sclerosi multipla recidivante-remittente.


fonte: Advances in Cancer Research, 2013


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
21:14:31

Infezione da nCoV, un nuovo coronavirus



nCoV è un nuovo ceppo di coronavirus mai identificato prima nell’uomo..




I coronavirus sono una grande famiglia di virus, noti per causare malattie negli esseri umani tra cui il comune raffreddore e la sindrome respiratoria acuta ( SARS )..

La maggior parte dei pazienti infettati dal nuovo coronavirus ha presentato una sindrome respiratoria acuta grave, che ha richiesto l’ospedalizzazione con febbre, tosse, affanno e difficoltà respiratoria.
Alcuni pazienti hanno sviluppato insufficienza renale acuta, danni viscerali ( pericarditi ).


................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
20:48:19

La mia pelle



il nuovo sito tematico del Ministero per conoscere e proteggersi dal melanoma e dagli altri tumori della pelle





Il Ministero della Salute e gli Istituti Fisioterapici Ospitalieri – IFO promuovono la conoscenza delle principali misure di prevenzione contro il melanoma e i tumori della pelle più diffusi attraverso la pubblicazione on line del nuovo sito tematico dedicatoLa mia pelle

www.lamiapelle.salute.gov.it.

"La prevenzione è sicuramente una carta vincente – ha dichiarato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin - che consente da un lato di diminuire i costi per il sistema sanitario derivanti dai ricoveri e dall’assistenza e dall’altro di salvare tante vite salvaguardando la salute delle persone. Non fare ammalare i sani, questa è la grande sfida della medicina e di una società avanzata e la prevenzione è la chiave di volta: costa poco e richiede sinergia ed azione di penetrazione nei territori.


................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
20:43:27

Il mio frigo



In estate, con le alte temperature, è fondamentale conservare i cibi in maniera adeguata.




Non bisogna sottovalutare la gestione casalinga degli alimenti (igiene dell’ambiente domestico, preparazione e conservazione dei cibi) perché, dal momento dell’acquisto, la sicurezza alimentare dipende da noi, cioè dalla corretta gestione in ambito domestico degli alimenti. Il giusto modo di conservazione e di stoccaggio degli alimenti ti permette di poterli utilizzare anche dopo un certo periodo di tempo rispetto all’acquisto.

La corretta conservazione è importante, non solo per la nostra salute, ma anche per garantire le proprietà organolettiche dell'alimento stesso, ossia l’insieme delle sue caratteristiche fisiche e chimiche (sapore, odore, aspetto, consistenza) e le caratteristiche nutrizionali; possono subire alterazioni quali/quantitative le proteine, gli zuccheri, i grassi, ma anche le vitamine, i sali minerali, l'acqua contenuti nei cibi.

Gli alimenti vengono distinti in:

  • alimenti stabili
    non necessitano di essere tenuti in frigorifero e possono essere conservati bene a temperatura ambiente (la pasta, il pane, i legumi secchi, lo scatolame)

    alimenti deperibili
    devono essere riposti in frigorifero per la loro conservazione e consumati entro pochi giorni dall’acquisto (prodotti freschi e crudi)

    alimenti surgelati o congelati
    devono essere conservati nel congelatore fino al momento del loro utilizzo.


    • occhio alla temperatura, leggi


      ................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
14:28:31

A Varese il primo impianto per la stimolazione del midollo spinale



Effettuato un intervento che offre una copertura estesa e una terapia costante nel tempo per combattere il dolore cronico, che colpisce 16 milioni di persone in Italia con un costo annuo per il pubblico di oltre 18 miliardi di Euro





È un paziente che risiede nell’area varesina il primo italiano cui è stato impiantato uno stimolatore di midollo spinale in grado di erogare una terapia stabile nel tempo e con copertura elevata per combattere un dolore cronico invalidante e perdurante da alcuni anni

È un paziente che risiede nell’area varesina il primo italiano cui è stato impiantato uno stimolatore di midollo spinale in grado di erogare una terapia stabile nel tempo e con copertura elevata per combattere un dolore cronico invalidante e perdurante da alcuni anni

  • “Siamo molto contenti di avere potuto offrire a un paziente sofferente da anni di un dolore cronico invalidante una terapia innovativa che, grazie alla stabilità della stimolazione nel punto del midollo opportunamente selezionato o dei nervi periferici, ha permesso di trattare un’area estesa difficilmente trattabile.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


26/07/2013
11:11:18

Neurochirurgia, primo intervento con 'bacchetta magica': salvato 18enne



La chiamano ‘‘bacchetta magicaecografica”, traduzione letterale del suo nome “Sonowand’’. Inventata in Norvegia, è insieme neuro-navigatore e apparecchio ecografo ultrasuoni...





Inventata in Norvegia, è insieme neuro-navigatore e apparecchio ecografo ultrasuoni che entra direttamente nel cervello.

Un gioiello tecnologico di ultima generazione che è stato usato per la prima volta in Italia a Torino.

Il giovane era arrivato all’ospedale Molinette in crisi epilettica conseguente un’emorragia cerebrale.

  • L'equipe: "Risultati eccellenti"



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


24/07/2013
10:23:16

Rischio calcoli renali con troppe bibite gassate e zuccherate



Caffè e tè, invece, non solo non sono controindicati per la salute dei reni, ma possono essere potenzialmente benefici





Chi consuma un bicchiere o una lattina al giorno di bevande carbonate (gassate) ha un rischio di sviluppare calcoli renali del 23-33% maggiore rispetto a chi consuma meno di una lattina alla settimana.

È quanto hanno scoperto ricercatori della Facoltà di Medicina della Cattolica di Roma, insieme ai colleghi dell'Harvard University di Boston.

  • La scoperta è frutto di un maxi-studio durato otto anni che ha coinvolto 194 mila persone.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


24/07/2013
10:15:52

L’insalata preziosa dello sportivo



Il crescione protegge chi svolge attività fisica dall'accumulo di radicali liberi che potrebbero danneggiare le cellule





Al bando i piatti di pasta ricchi di carboidrati e le bistecche grondanti proteine.

Il cibo migliore per chi fa sport potrebbe essere una tenera e ipocalorica insalata.

Secondo uno studio dell’University of Ulster pubblicato sul British Journal of Nutrition le foglie del crescione aiuterebbero a prevenire i danni causati da un duro esercizio fisico.

La ginnastica è un toccasana per la salute, ma la continua richiesta di energia dovuta un’attività sportiva intensa può causare un accumulo di radicali liberi potenzialmente dannosi per il DNA.


A dieci giovani di 23 anni è stato chiesto di consumare giornalmente piccole porzioni di crescione e di eseguire un allenamento sul tapis roulant per due mesi.

Lo stesso esperimento è stato poi ripetuto eliminando l’insalata dalla dieta. Le analisi del sangue degli atleti hanno evidenziato che cibarsi dell’ortaggio riduceva i danni al DNA e la perossidazione dei lipidi, fenomeni sintomo dell’accumulo di radicali liberi.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


24/07/2013
10:12:19

Quando è la tiroide a scegliere la vacanza



Il mare è il posto ideale se la tiroide funziona poco. Ma se è iperattiva, meglio optare per la montagna





Sono oltre sei milioni gli italiani che hanno problemi con la tiroide. E in estate, con il caldo e l’afa, aumentano i loro disagi e le loro sofferenze.

Ma le soluzioni per tentare di alleviarli non sono uguali per tutti.

Chi soffre d'ipotiroidismo (quando la tiroide “lavora” male e produce pochi ormoni) può, durante la stagione calda, trovare sollievo al mare.

Al contrario, per chi è afflitto da ipertiroidismo, e quindi ha una ghiandola che genera troppi ormoni tiroidei, è preferibile una vacanza in montagna.


................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


23/07/2013
10:43:18

Donne e tumore al seno Giovani, vitali e sole!



Le donne colpite da tumore al seno metastatico lottano con coraggio contro la malattia, ma sentono il bisogno di non essere sole nella battaglia





Le donne colpite da tumore al seno metastatico lottano con coraggio contro la malattia, ma sentono il bisogno di non essere sole nella battaglia

Un trattamento specifico per le metastasi ossee è ritenuto necessario e fondamentale per rallentare l’evoluzione della malattia. L’indagine è curata da GfK Eurisko per Europa Donna Italia

Isa Cecchini, direttore del dipartimento GfK Eurisko Healthcare, che ha condotto l’indagine, a cui hanno aderito 84 donne affette da carcinoma metastatico al seno, non ha dubbi: “Il tumore viene descritto da molte come un mostro, una bestia, crudele, indomabile, inarrestabile. Una presenza scomoda, inaspettata e subdola

  • Ma le donne non si lasciano sopraffare dalla malattia, non si arrendono



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


23/07/2013
02:27:57

Tumori del polmone,



la vecchia chemioterapia è più efficace





La terapia tradizionale funziona meglio dei farmaci molecolari (che colpiscono solo le cellule malate) nei pazienti fumatoriTumori del polmone,

Uno studio italiano, pubblicato su The Lancet Oncology, dimostra che per il trattamento del 90% dei tumori del polmone non a piccole cellule, la chemioterapia standard è più efficace rispetto al trattamento con i più costosi farmaci a bersaglio molecolare, cioè in grado di colpire solo le cellule malate.

Il lavoro dimostra in particolare che i pazienti trattati con la chemioterapia hanno una sopravvivenza superiore rispetto a quelli trattati con erlotinib, uno dei nuovi farmaci a bersaglio molecolare.

  • Lo studio, lanciato dal team dell'Oncologia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 



  Ci sono -  110  -  Contenuti  -  Pagina  4  di  6  -  [  Primeira Página   2   3   4   5   6   Ultima Página  ]


Utenti Connessi: 1389



Portale di Informazione
| DISCLAIMER | COME CONTATTARCI | TOOL WEBMASTER | PRIVACY |