CARC. EPATICO  
Il Diario    
Quadro Clinico     
Il mio Protocollo     
Alimentazione    
La Scelta     
Home Page     
INFODAY  
100 news    
Salute    
Scienza    
Cultura    
Arte    
Costume    
Tecnologia    
Cronache    
Politica    
Finanza    
Economia    
Interni    
Governo    
Esteri    
Sport    
Gossip    
BORSA-FINANZA  
Quotazioni  
Congiuntura    
Alleanze    
Cessioni    
Acquis. Fusioni    
Rumors    
AREE GEOGRAF.  
Italia    
Germania    
Francia    
Spagna    
Inghilterra    
Giappone    
Cina    
Iran    
Irak    
INFODAY  
News - Iran


  
20/07/2013
21:19:29

Il paese in cui le donne non possono andare da sole al mercato


 

Le pakistane di Karak non potranno piu’ uscire di casa per andare al mercato o a fare shopping al bazar senza essere accompagnate da un parente di sesso maschile.





E’ l’ultima decisione arrivata dagli ulema di questo distretto della provincia di Khyber Pakhtunkhwa, nel Pakistan nordoccidentale, protagonisti di una ‘guerra’ contro l”’immoralita”’

Il divieto e’ stato stabilito durante un incontro di leader ed esperti religiosi che si e’ tenuto ieri in una moschea di Karak e che, si legge sul quotidiano locale Dawn, e’ stato presieduto dall’ex capo del distretto Hafiz Ibn-i-Ameen, esponente del partito religioso Jamiat Ulema-i-Islam (F).


  • MAI PIU’ DONNE SOLE AL MERCATO



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


13/06/2010
13:23:56

Riad apre il cielo ai jet di Israele contro l’Iran


 

Fonti americane nel Golfo: l’Arabia Saudita è pronta a garantire un corridoio aereo verso Teheran in caso di attacco alle installazioni nucleari degli ayatollah. Anche Giordania ed Egitto preoccupate dei piani atomici di Ahmadinejad




Nel compleanno delle sanguinose elezioni iraniane, il Times di Londra ha impacchettato un bel regalo per Mahmoud Ahmadinejad: è la notizia che l’Arabia Saudita avrebbe compiuto test significativi nel campo aeronautico e della difesa missilistica. Avrebbe sperimentato la disattivazione dei sistemi di scrambling, ovvero di messa in avaria di meccanismi utili a chi viola il suo spazio, e quella dei sistemi missilistici destinati a colpire qualsiasi velivolo si azzardi a sorvolare il regno sunnita. Lo scopo è evidente: consentire a Israele di utilizzare lo spazio aereo dell’Arabia Saudita, paese che non riconosce Israele, aprendo una scorciatoia verso il bombardamento delle strutture atomiche iraniane. Sarebbe stato anche previsto il rifornimento in volo dei jet. In caso di attacco israeliano alle installazioni nucleari iraniane, infatti, gli obiettivi distano circa 2.250 chilometri, un’immensità se non si accorcia la strada passando per il Nord dell’Arabia saudita.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


07/04/2010
13:11:13

Nucleare, l'Iran minaccia: romperemo i denti agli Usa


 

Il presidente iraniano: «Se seguirà la strada del signor George W. Bush, la risposta sarà da rompere i denti»





MILANO - Il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad ha avvertito il presidente americano Barack Obama, con un messaggio alla tv pubblica iraniana, che avrà una «risposta fragorosa».

Martedì Obama, rendendo nota la nuova strategia americana sulle armi nucleari, non aveva escluso la possibilità di utilizzare l'arma atomica contro l'Iran e la Corea del Nord.

LA DICHIARAZIONE - «Mi auguro che le dichiarazioni pubblicate non siano vere», ha detto Ahmadinejad, in un discorso trasmesso in diretta dalla tv di Stato.

«(Obama) ha minacciato di (utilizzare) armi nucleari e chimiche contro quegli Stati che non si sottomettono all'ingordigia degli Stati Uniti.

Faccia attenzione: se seguirà la strada del signor (George W.) Bush, la risposta dei Paesi da lui indicati sarà da rompere i denti, esattamente come con Bush».


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


03/04/2010
14:04:14

Ahmadinejad a Obama: "Le pressioni sul nucleare ci rendono determinati"


 

All’indomani delle dichiarazioni di Obama, Ahmadinejad respinge ancora una volta il pressing americano sulla nucleare: "Potete tagliarvi la gola, ma non fermerete il progresso e la ricostruzione della nazione"





Più l’Occidente manifesta la sua "animosità" verso l’Iran più l’Iran "sarà determinato ad andare avanti".

All’indomani delle dichiarazioni del presidente Usa, Barack Obama, il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha così respinto ancora una volta il pressing sulla questione del nucleare definendo anche il presidente Usa "inefficace" nel portare avanti risultati concreti.

"Potete tagliarvi la gola, saltare avanti e indietro, fare dichiarazioni e passare risoluzioni. Non fermerete il progresso e la ricostruzione della nazione iraniana", ha detto Ahmadinejad parlando dalla città di Sirjan.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


20/02/2010
04:17:25

Il miglior giornalista dell’anno? Un passante di Teheran


 

Il prestigioso Polk Award all'anonimo che ha ripreso la morte della giovane iraniana Neda, uccisa negli scontri di piazza a Teheran il 21 giugno 2009


Il giornalista più bravo dell’anno non è un giornalista, ma un oscuro cittadino di Teheran. A sceglierlo sono stati i giurati del George Polk Award, premio giornalistico poco conosciuto in Italia ma considerato negli Usa pari al Pulitzer.






Per la prima volta nella storia il riconoscimento è andato a un autore anonimo: a essere premiato è stato il video che mostra la morte di Neda, la giovane uccisa dalle milizie degli ayatollah durante una manifestazione di protesta, un’immagine diventata l’icona della resistenza iraniana. «Nel mondo di oggi un coraggioso passante con un telefonino può usare i siti per la condivisione di immagini e quelli di social-networking per diffondere notizie», spiega la motivazione del riconoscimento attribuito dall’Università di Long Island.



................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


16/02/2010
14:49:29

Uranio, Ahmadinejad: "Scambio ancora possibile Sanzioni? Risposta dura"


 


Il presidente iraniano alla comunità internazionale: "La questione sullo scambio di combustibile non è chiusa. Ma dev'essere equo".

E sulle possibili sanzioni: "La risposta sarà dura, li faremo pentire"






Teheran - Bastone e carota. Minacce e proposte di accordo. Non parla mai una lingua sola il presidente iraniano, Mahmud Ahmadinejad, quando si rivolge alla comunità internazionale.

"La questione dello scambio di uranio non è chiusa" e l’Iran è sempre "pronto ad uno scambio in una cornice di equità" ha detto su un possibile accordo con la comunità internazionale. Ahmadinejad ha sottolineato che Teheran continua a chiedere che lo scambio avvenga "simultaneamente e sul territorio iraniano".

Contro le sanzioni L’Iran reagirà con fermezza a eventuali nuove sanzioni: lo ha preannunciato Ahmadinejad. "Ovviamente se qualcuno agisce contro l’Iran la nostra risposta sarà dura abbastanza da farli pentire" ha detto il presidente nel corso della conferenza stampa trasmessa in diretta televisiva. Ahmadinejad ha inoltre assicurato che le sanzioni, minacciate ancora stamattina dal Cremlino, non creeranno alcun problema al Paese.




        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


16/02/2010
14:43:59

Catturato il capo militare dei taleban


 

Il blitz degli agenti Cia in Pakistan: "Baradar era il vice al mullah Omar"


Un blitz improvviso e mirato. Un’operazione frutto della collaborazione tra l’intelligence pachistana e la Cia.

Un raid che non prevedeva margini di errore. Abdul Ghani Baradar è finito così nella rete dei servizi segreti di Islamabad e Washington dieci giorni fa, a Karachi, in Pakistan.

È la personalità più importante catturata dalle forze internazionali dall’inizio della guerra in Afghanistan, nel 2001. E secondo fonti dei servizi segreti, adesso, starebbe «parlando» con chi lo interroga.






Chiaro l’obiettivo: entrare in possesso di tutte le informazioni possibili per giungere alla cattura del ricercato numero uno nel paese asiatico: il mullah Omar.

Numero due dei taleban afgani, braccio destro di Omar, principale comandante militare e responsabile delle finanze della jihad, leader indiscusso della "Shura di Quetta", il consiglio direttivo del gruppo di combattenti islamici. Abdul Ghani Baradar è stato catturato «alcuni giorni fa» ma la notizia del suo arresto è stata riferita solo oggi dal New York Times.

Un’informazione, d’altra parte, smentita da uno dei portavoce taleban, Yousuf Ahmed. «Le voci riportate oggi sull’arresto del mullah Baradar sono assolutamente false, si tratta di una grande menzogna», ha dichiarato. Baradar «è attualmente in Afghanistan, dove dirige tutte le attività della Jihad, è con noi e siamo in contatto con lui». Un tentativo di propaganda probabilmente senza effetti.




................................continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 


12/02/2010
03:41:03

Scontri in Iran, spari sulla folla


 

Dal web: "Sono morte tre persone"


Scontri a Teheran nel giorno del 31esimo anniversario della rivoluzione islamica.

Ahmadinejad annuncia la produzione del primo lotto di uranio arricchito al 20%.

Su Twitter la notizia non confermata di una ragazza di 27 anni colpita a morte.






"Gli scienziati iraniani hanno già prodotto la prima barra di uranio arricchito al 20 per cento e dispongono delle competenze necessarie per arricchirlo fino all'80 per cento, ma non lo faranno".






Lo ha detto il presidente iraniano, Ahmadinejad, parlando dinanzi a migliaia di persone riunite a piazza Azadi, a Teheran, in occasione del 31esimo anniversario della Rivoluzione Islamica.

In particolare, Ahmadinejad ha detto che il suo Paese è "così coraggioso che, se cercasse la bomba atomica, lo annuncerebbe in anticipo".

Ahmadinejad ha anche preannunciato che il regime ha intenzione di triplicare la produzione di uranio a basso arricchimento. …………continua


        fonte notizia - vai  Ultima Página

 




Utenti Connessi: 468



Portale di Informazione
| DISCLAIMER | COME CONTATTARCI | TOOL WEBMASTER | PRIVACY |