L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi




 

 

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali.

A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'.

Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe essere un trattamento potenzialmente sicuro, efficace e a basso costo per combattere il tumore ovarico e altri tipi di neoplasie.

I ricercatori Usa sembrano avere superato uno degli ostacoli che in passato avevano frenato l'utilizzo della vitamina C in campo oncologico, e cioè che il corpo espelle rapidamente la sostanza quando viene assunta per via orale.

Ora il nuovo studio ha dimostrato che l'uso dell'iniezione può aiutare l'assorbimento della vitamina C, e renderla efficace nell'uccidere le cellule cancerogene senza pregiudicare quelle sane.

Il trattamento a base di vitamina C per via endovenosa ha agito insieme ai tradizionali farmaci chemioterapici per rallentare la crescita del tumore nei topi.

Nel frattempo, un piccolo gruppo di pazienti (22) ha riferito un minor numero di effetti collaterali quando gli veniva somministrata la vitamina C insieme alla chemioterapia.

Ad allarmare gli scienziati è lo scarso interesse dell'industria farmaceutica nei confronti di un composto organico che non si può brevettare. "Poiché la vitamina C non ha le potenzialità commerciali di una nuova molecola, crediamo che il suo sviluppo in campo oncologico non sarà supportato dalle aziende farmaceutiche", concludono i ricercatori.

 

Roma, 10 feb. - (Adnkronos Salute) - fonte : libero.it

 

 

 

La vitamina C combatte il cancro

 

 

Nuovi studi, dopo che la ricerca era stata praticamente abbandonata, dimostrano che la vitamina C, se iniettata nel corpo, potrebbe essere trattamento efficace, sicuro ed economico per combattere il cancro.

Le case farmaceutiche, però, non investono in questo genere di ricerca perché le vitamine non sono brevettabili

Le ricerche che riguardano gli effetti “medicinali” delle vitamine sono poche, e soprattutto non supportate da finanziamenti o aiuti delle case farmaceutiche perché le vitamine non sono brevettabili, a differenza di un principio attivo o altra sostanza che si riesca a sintetizzare. Anche per questo motivo, nel tempo gli studi in questo campo sono spesso stati abbandonati o non approfonditi.

Già negli anni Settanta, il duplice premio Nobel Linus Pauling aveva studiato gli effetti della vitamina C, che sono poi sfociati in un libro dal titolo “Come vivere più a lungo e sentirsi meglio” in cui ha ampio spazio proprio l’utilizzo della vitamina C. Lo stesso Pauling aveva affermato che questa vitamina, se somministrata per via endovenosa, era efficace nel trattamento del cancro.

Sugli effetti della vitamina C sul cancro si è poi detto di tutto: molti studi che si erano per esempio concentrati sull’effetto a seguito dell’assunzione orale non avevano trovato evidenze che questa fosse efficace contro il cancro. Forse per questo, e altri motivi, non si è più ritenuto che la vitamina C potesse essere un potenziale, efficace, sicuro ed economico trattamento anticancro.

Ora, un nuovo studio riapre il dibattito dimostrando che, su modello animale, la vitamina C somministrata per endovenosa tramite iniezione è in grado di uccidere le cellule cancerose lasciando intatte quelle sane.

Ad aver suggerito questo ruolo della vitamina C sono stati i ricercatori dell’Università del Kansas che hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista Science Translational Medicine. La differenza dell’effetto della vitamina, spiegano i ricercatori, è che quando questa è assunta per via orale il corpo la espelle con rapidità, mentre se iniettata per endovenosa, il corpo l’assorbe e questa può compiere il suo lavoro anticancro.

Sebbene i risultati dello studio siano stati incoraggianti, poiché è stato condotto in parte su modello animale e su colture di cellule, gli esperti ritengono siano necessari ulteriori studio prima di sapere con certezza quali vantaggi alte dosi di vitamina C possano avere per i pazienti umani. Nello studio, i ricercatori hanno iniettato la vitamina C nelle cellule tumorali ovariche umane in laboratorio, in topi, e in pazienti con carcinoma ovarico avanzato. I test hanno poi mostrato che le cellule tumorali ovariche erano sensibili al trattamento con la vitamina C, e le cellule sane restavano illese. Altro effetto della somministrazione di vitamina C è che i pazienti che seguivano i trattamenti con la chemioterapia hanno riferito un minor numero di effetti collaterali.

 

Anche se lo studio ha mostrato risultati promettenti nella lotta al cancro, sarà difficile che qualche casa farmaceutica s’impegni in ricerche di questo genere.

 

«Poiché la vitamina C non è brevettabile, il suo sviluppo non sarà supportato dalle aziende farmaceutiche – ha sottolineato il dott. Qi Chen, coautore dello studio – Crediamo che sia arrivato il tempo per le agenzie di ricerca di sostenere con forza le sperimentazioni cliniche attente e meticolose sulla somministrazione endovenosa di vitamina C».

Speriamo che qualcuno raccolga l’appello dei ricercatori.

 

 

fonte: lastampa.it

 

 

Somministrata per via endovenosa - vitamina C come terapia del cancro: tre casi

I primi studi clinici hanno dimostrato che alte dosi di vitamina C, somministrati per via endovenosa e per via orale, può migliorare i sintomi e prolungare la vita nei pazienti con cancro terminale.

Studi in doppio cieco, controllati con placebo della terapia con vitamina C per via orale non hanno mostrato alcun beneficio.

Dati recenti indicano che la somministrazione orale della dose massima tollerata di vitamina C (18 g / d) produce concentrazioni plasmatiche di picco di solo 220 mmol / L, mentre la somministrazione endovenosa della stessa dose produce concentrazioni plasmatiche di circa 25 volte superiore.

Dosi più elevate (50-100 g), somministrato per via endovenosa può causare maggiori concentrazioni plasmatiche di circa 14 000 micromol / L. A concentrazioni superiori a 1000 pmol / L, vitamina C è tossico per alcune cellule tumorali, ma non alle cellule normali in vitro.

Abbiamo trovato 3 casi ben documentati di tumori avanzati, confermati da esame istopatologico, in cui i pazienti avevano tempi di sopravvivenza inaspettatamente lunghi dopo aver ricevuto alte dosi di terapia con vitamina C endovena.

Abbiamo esaminato i dati clinici di ogni caso in conformità con il National Cancer Institute (NCI) Migliori orientamenti Caso Series. Patologia tumorale è stata verificata dai patologi del NCI che erano a conoscenza della diagnosi o trattamento. Alla luce dei recenti risultati clinici di farmacocinetica e in prove in vitro dei meccanismi anti-tumorali, queste case report indicano che il ruolo di alte dosi di terapia endovenosa di vitamina C nel trattamento del cancro deve essere rivalutato.

 

Trent'anni fa Cameron, Campbell e Pauling segnalati effetti benefici della vitamina C (acido ascorbico) terapia ad alte dosi per i pazienti con cancro in fase terminale. 1 - 4 successivo in doppio cieco, studi clinici randomizzati della Mayo Clinic non è riuscito a dimostrare alcun beneficio, 5 , 6 e il ruolo della vitamina C nel trattamento del cancro è stato scartato da oncologi tradizionali. 7 , 8 Vitamina C continua comunque ad essere utilizzati come terapia del cancro alternativa. 9 , 10

 

In questo articolo, usiamo le linee guida NCI Caso migliore serie di segnalare 3 casi di pazienti con malattia maligna solitamente progressiva che hanno ricevuto la terapia endovenosa di vitamina C come terapia unica significativa del cancro ei cui corsi clinica erano insolitamente favorevoli. Materiale diagnostico originale ottenuto prima del trattamento con vitamina C è stata valutata da patologi presso il National Institutes of Health (NIH), che non erano a conoscenza delle diagnosi e dei trattamenti.

 

 

Fonte dati: www.cmaj.ca

 

 

 

Concentrazioni di acido ascorbico farmacologici uccidono selettivamente le cellule tumorali: Azione come un pro-farmaco per fornire perossido di idrogeno ai tessuti

 

Dati farmacocinetici umani indicano che l'acido ascorbico iv (ascorbato) in concentrazioni farmacologiche potrebbe avere un ruolo imprevisto nel trattamento del cancro.

I nostri obiettivi qui erano per verificare se ascorbato ucciso selettivamente le cellule tumorali, e in caso affermativo, determinare i meccanismi, utilizzando condizioni clinicamente rilevanti.

La morte cellulare in 10 cancro e 4 tipi di cellule normali è stata misurata utilizzando 1-h esposizioni.

Le cellule normali erano influenzato da ascorbato di 20 mm, mentre 5 linee di cancro avevano CE 50 valori di <4 mm, una concentrazione iv cellule di linfoma umano facilmente realizzabili sono stati studiati nel dettaglio a causa della loro sensibilità alla ascorbato (CE 50 di 0,5 mm) e di idoneità indirizzamento meccanismi.

Extracellulare ma non intracellulare mediata ascorbato di morte cellulare, avvenuta per apoptosi e pyknosis / necrosi. La morte cellulare era indipendente chelanti metallici e assolutamente dipendente H 2 O 2 formazione.

La morte cellulare da H 2 O 2 aggiunta alle cellule era identico a quello trovato quando H 2 O 2 è stato generato mediante trattamento ascorbato. H 2 O 2 generazione era dipendente dalla concentrazione ascorbato, tempo di incubazione, e la presenza di siero 0,5-10%, e visualizzata una relazione lineare con ascorbato formazione di radicali. Sebbene ascorbato Oltre a medio generato H 2 O 2 , ascorbato Oltre a sangue generato alcun rilevabile H 2 O 2 e solo tracce ascorbato rilevabile radicale. Presi insieme, questi dati indicano che l'ascorbato a concentrazioni ottenuti solo mediante somministrazione IV può essere un pro-farmaco per la formazione di H 2 O 2 , e che il sangue può essere un sistema di erogazione del pro-farmaco ai tessuti. Questi risultati dare plausibilità iv acido ascorbico nel trattamento del cancro, ed hanno implicazioni inaspettate per il trattamento di infezioni da dove H 2 O 2 può essere utile.

 

Fonte: www.pnas.org

 

 

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



 

| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 675

Privacy Policy