Carcinoma epatico scarsamente differenziato di verosimile origine primitiva.



 

Carcinoma epatico scarsamente differenziato di verosimile origine primitiva.

Oggi voglio provare a spiegarvi il meccanismo della cellula non differenziata (staminale cattiva) più comunemente denominata:

1) tumore ( quando la stessa si moltiplica in un unico punto)

2) cancro (quando la stessa tramite il sistema linfatico o sanguigno si sposta dalla sede centrale per insediarsi e proliferare in altra parte del corpo, organo), - la meta-stasi.

Il nostro corpo è formato più o meno da 100 mila miliardi di cellule .

Si stima che ogni anno o poco più ognuno di noi rinnovi-sostituisca tutte le 100 mila miliardi di cellule vecchie con cellule nuove…

La proliferazione-rinnovamento cellulare avviene tramite sdoppiamento, ad un certo punto la cellula staminale si divide in due cellule con due dna e tutte le informazioni ad esso legate..


A un certo punto la cellula staminale si divide in due cellule, (mitosi) una cellula predisposta all'immediata differenziazione e una staminale che manterrà una condizione dormiente (quiescente) come fosse di scorta, pronta a differenziarsi in caso di bisogno, tipo la sbucciatura della cute,la riformazione di una frattura, la sostituzione di cellule morienti (apoptosi-necrosi), entrambe le cellule portano con se tutte le informazioni della cellula d'origine, le cellula differenziate, intossicate dal liquido nel quale sono immerse, circondate (matrice extracellulare oppure liquido interstiziale - sono due cose diverse) moriranno - e verranno sustitute dalle nuove cellule staminali pronte a differenziarsi per prendere il loro posto.

Se la vecchia cellula differenziata non si suicidasse (apoptosi) o morisse avvelenata dalla matrice extracellulare continueremmo a crescere di volume in maniera esponenziale, diventeremmo esseri enormi schiacciati dal proprio peso, una cosa simile a quella che avviene per il tumore, (ma questo ve lo spiego dopo), oppure avremmo staminali (non differenziate) tutte dormienti.

Il filosofo Alexis Carrel dimostrò ampiamente che la cellula è immortale se immersa in una matrice extracellulare sana, pura, pulita.


La cellula staminale è una cellula nuova che nel suo dna ha tutte le informazioni ma nei fatti non è in grado di compiere il suo dovere rispetto all’organo dove si è formata per sdoppiamento…

Per acquisire la capacita di fare la cellula del fegato se nasce nel fegato oppure la cellula dell’intestino se nasce nell’intestino subisce una serie di passaggi denominati Differenziazione.


La differenziazione gli permette di diventare una cellula funzionale all’organo dove si trova.

In pratica, la cellula del fegato nata dallo sdoppiamento(mitosi) all’inizio non è capace di fare la cellula del fegato, per diventare una cellula del fegato subirà una serie di passaggi che la cresceranno differenziandola e adattandola alla funzione dell’organo…

La staminale nel suo dna a tutte le informazioni necessarie affinche durante le prime fasi dello sviluppo si possano differenziare circa 200 tipi diversi di cellule a seconda della funzione che svolgeranno: nervose, muscolari, di rivestimento, cellule che producono sostanze (quelle delle ghiandole), e altre che le assorbono (quelle dell'intestino). Non è fantastico?

Saranno le cellule già differenziate vicine che nei vari passaggi di differenziazione gli spiegheranno in che modo si deve differenziare, un poco come fanno i genitori quando crescono i figli…

I figli dei nobili sono educati per fare i nobili, i figli dei rom per fare i rom e così via..


Dovete sapere che in questo continuo lavoro di sdoppiamento, rinnovamento, si stima che ogni giorno in ognuno di noi si formino un migliaio di cellule staminali difettose = tumore….

Ognuno di noi, chi più chi meno, ogni giorno sviluppa un migliaio di tumori, la cosa fantastica è che la cellula nelle informazioni custodite nel suo dna ne ha alcune che le dicono di suicidarsi immediatamente (apoptosi) appena si accorge di non essere completa, perfetta (tumorata)… Incredibile vero?

Ogni giorno sviluppiamo centinaia di tumori ma le cellule pre-tumore si suicidano perché così è scritto nelle loro istruzioni genetiche.

Fantastico il corpo umano, un peccato non trattarlo bene vista la sua stupefacente complessità funzionale, nulla è lasciato al caso, è previsto anche l’errore ed è previsto pure il rimedio all’errore, la cellula va in auto-diagnosi, scopre di essere difettosa e si suicida per il bene della familia, sa perfettamente che se non lo farà, diventerà un problema grave per tutti, il famigerato tumore

Allora direte voi, se è così facile perché si sviluppano masse tumorali?

Semplice, in alcune cellule staminali nate dallo sdoppiamento viene persa l’informazione che gli dice di farsi l’autodiagnosi e di suicidarsi nel caso scopra di non essere completa-perfetta..

Questo errore è la molla che avvia lo sviluppo del cancro, la cellula staminale si sdoppia e forma una cellula dormiente pronta ad avviare la differenziazione in caso di bisogno e una cellula nuova staminale pronta a differenziarsi, in questo sdoppiamento alcune staminali perdono frammenti di dna ma siccome il nostro sistema è quasi perfetto la cellula staminale difettosa si suicida per il bene comune..

A volte però, lo sdoppiamento fa perdere alla nuova staminale parte delle informazioni tra le quali anche quella che le dice di suicidarsi se difettosa…

A questo punto la staminale diventa una cellula impazzita, non si suicida, non si differenzia, quindi non acquisisce le capacità di fare la cellula dell’organo nel quale si trova, il suo sdoppiamento è molto più veloce delle differenziate, la staminale è giovane e molto più energica delle differenziate, ha cicli di raddoppiamento molto più frequenti perché è giovane e vigorosa, la stessa differenza che possiamo riscontrare in un confronto fisico tra un giovane e un vecchio della nostra razza..

Ogni massa tumorale che ci trovano ha inizio da una singola cellula, ecco perché si dice che quando gli strumenti ci diagnosticano il tumore nei fatti lo stesso è partito 3/4 anni prima, è solo che prima di raggiungere dimensioni visibili agli attuali strumenti impiega tot numeri di raddoppiamento-sdoppiamento esponenziale e quindi passa il tempo, quantificato appunto in 3/4 anni a seconda dell’aggressività (vigore) della staminale, le mie ad esempio sono ad alta proliferazione (40%) il che vuol dire che sono molto vigorose e si raddoppiano ogni 80/100 giorni.

Il fatto è che parte tutto da una cellula, quindi dopo 80 giorni erano due cellule, dopo altri 80 giorni erano 4 –poi 8 poi 16 – poi 32 e cosi via, quando le mie staminali arrivano ad una massa di un centimetro dopo 80 giorni sono 2 centimetri, dopo altri 80 giorni sono 4 centimetri e dopo altri100 giorni sono 8 centimetri..

Capite il malefico meccanismo?

Ci hanno messo anni a diventare una massa di 1 centimetro, poi nell’arco di 10 mesi passano da 1 centimetro ad 8 centimetri, mentre crescono portano via spazio alle cellule sane e spingono sugli organi vitali adiacenti provocando dolori insopportabili…

Ora ritorniamo al momento nel quale la staminale inizia a differenziarsi, uno si domanda, come fa a sapere la staminale che si trova nel fegato quindi si deve trasformare in una cellula del fegato? Il meccanismo è complesso ma tra i vari fattori ad influire sono informazioni che riceve dalle cellule vicine, quelle vecchie, cresciute e già differenziate…

E’ qui che salta in ballo la teoria del dottor biava…

Il dottor biava si è accorto che nelle staminale del feto il tumore non attacca, insomma, le cellule difettose muoiono oppure si aggiustano, non ha scoperto il perché ma ha capito che in quella fase tra le cellule esiste una connessione che impedisce ad una staminale di impazzire di smettere di differenziarsi e di non suicidarsi…

Per il dottor biava in quel momento esiste un fattore che impedisce la degenerazione della cellula, (il senso della vita), non sa se il fattore porta all’apoptosi la staminale difettosa anche se non ha le informazioni per farlo o piuttosto lo stesso insegna alla cellula a differenziarsi pur avendo perso le informazioni nel suo dna…

Il dottor biava sa una cosa, in quello stadio il tumore non attecchisce, ecco allora che isola pepti di pesce relativi a quella fase embrionale, i pepti vengono assorbiti dal nostro corpo, arrivano sulle nostre cellule tumorate e a quel punto o le istruiscono all’apoptosi oppure le riprogrammano e gli ridanno le informazioni necessarie per la differenziazione..

Ecco perché considero l’intuizione del dottore qualcosa di fantastico..

Ecco perché non farei mai a meno delle mie gocce di syncrholevels..

 

Altra cosa, la cellula staminale difettosa incapace di suicidarsi e quindi capace solo di riprodursi senza essere capace di cresce ed imparare a fare la cellula adulta ad ogni passaggio subisce delle modifiche..

Essendo una cellula difettosa il suo sistema di sdoppiamento è corrotto quindi ad ogni sdoppiamento può succedere che si sviluppi una nuova staminale con un difetto diverso dall’originale, la cosa triste è che la staminale difettosa a differenza della differenziata, quando si sdoppia-raddoppia non si invecchia, non si suicida, cosi abbiamo un continuo raddoppiamento di cellule ignoranti, (la massa tumorale che cresce).

 

Qui salta in ballo il discorso del mio oncologo, i ceppi più resistenti che per selezione naturale supereranno l’effetto della cura che sta sconfiggendo il tumore..

 

Facciamo l’esempio sul mio carcinoma, è evidente che il mio protocollo ha trovato il modo di fermare il mio cancro, l’insieme dello stesso uccide più cellule staminali di quelle che riescono a riprodursi, abbiamo una situazione di regresso demografico, muoiono più cellule pazze di quelle che sono capaci di riprodurre con lo sdoppiamento..

 

Il rischio:

Siccome ad ogni passaggio la staminale essendo pazza e incompleta delle informazioni potrebbe generare delle nuove staminali pazze in modo diverso da essa, questa nuova forma di pazzia potrebbe essere più debole al mio protocollo ( in questo caso vinco io) oppure più forte al mio protocollo, è chiaro che se nello sdoppiamento si sviluppa una sola cellula staminale resistente al mio protocollo riparte il ciclo, tecnicamente sembro in guarigione perché la massa principale delle cellule sta morendo grazie al mio protocolla ma la nuova pazza resistente allo stesso sta lavorando in silenzio, riparte da una, poi due, poi 4 poi 8 ecosivia, queste sono le cosidette recidive a due tre anni…

 

 

Questo è il motivo per il quale, anche se il tumore sparisce la medicina (giustamente) non ci da guariti prima di 4/5 anni, potrebbe essere in corso un nuovo ceppo diverso da quello sconfitto, è solo che riparte da 1 cellula quindi gli servono tot cicli - tot anni per ripresentarsi come massa tumorale….

 

Ecco ancora perché noi non dovremo abbassare la guardia quando gli strumenti ci diranno che non si vede più massa tumorale, tutto potrebbe essere ripartito da 1 sola cellula e tutto potrebbe venire allo scoperto tra 3/4 anni..

 

Tutto questo ragionamento vi spiega anche perché io non credo nella chemioterapia, la chemioterapia punta ad uccidere tutte le cellule tumorali, nei fatti mentre uccide le cellule tumorali ci distrugge il sistema immunitario i tessuti di fegato, stomaco, intestino ecc ecc..

 

 

Secondo me la chemio è un veleno, lo dimostrano i collaterali che hanno tutti coloro che si sottopongono alla stessa, perché il loro corpo sta male? Chiaro, perché le cellule sane e i tessuti sani sono avvelenati – si potrebbe accettare un avvelenamento momentaneo se la chemio ci garantisse di uccidere tutte le cellule staminali impazzite, il fatto è che non ci riesce, alla chemio serve tempo, il suo problema è che ci avvelena quindi deve essere interrotta a cicli, quando interrompiamo la chemio il cancro si riprende, le cellule staminali raddoppiano col rischio che si formino nuovi ceppi.

 

 

E' un po come quando hai il pugile quasi suonato pronto a cadere sotto i ganci dell'avversario e suona il gong, nell'intervallo il pugile si riprende e torna in campo da una situazione migliore di quella nella quale si trovava al momento del gong, se non ci fosse stato il gong, (per la chemio la sospenzione - ciclo) sarebbe caduto a terra sconfitto, il gong lo ha salvato e quando riparte l'incontro se la può rigiocare..

 

Tutto questo avviene in un terreno favorevole al tumore creato dall’avvelenamento e dall’indebolimento del sistema immunitario da parte della chemio..

Secondo me (che non ho studiato medicina) la chemio prepara il terreno per l’attacco finale della degenerazione, lo predispone alle condizioni più favorevoli per il cancro…

In un primo momento da una promettente risposta, la massa tumorale si riduce – ma intanto sta indebolendo il sistema immunitario, i tessuti, le cellule, il fegato, gli intestini, l'equilibrio cellulare ecc ecc – dopo poco il paziente non sopporta più l’avvelenamento, si interrompe la chemio e il corpo è bello pronto per l’attacco finale del tumore. (la chemio non ha tempo per uccidere tutte le cellule tumorali perchè il nostro corpo non la sopporta e siamo costretti ad interromperla a cicli che vanno solo a vantaggio del cancro).

Quando sospendiamo il ciclo il cancro ha il tempo di riprendersi, rinforzarsi, io il mio protocollo non lo sospendo mai, MAI, il mio corpo non solo lo sopporta, ne trae infiniti benefici, io e il mio protocollo non diamo tregue al nostro carcinoma epatico, il mio corpo lo sopporta perfettamente quindi non attuiamo sospensioni di incontro, lo teniamo sempre sotto pressione, io nutro il mio corpo con la natura, do al mio corpo quel che gli serve per funzionare al massimo delle sue potenzialità (altro che veleno), al resto pensa il mio sistema immunitario, e dove non potrà arrivare il mio sistema immunitario alla massima efficienza non potrà certo arrivarci la chemioterapia.

Alcuni sostengono che:
chi è guarito con la chemio sarebbe guarito anche senza la chemio
, io credo a questi medici, Ecco perché io non mi farò mai la chemioterapia, se la facciano i dottori che la prescrivono ;-)

 

 

Lo so , lo so che in questa spiegazione ci stanno un sacco di inesattezze, cari dottori, io ho cercato solo di dare una spiegazione terra-terra, il tutto è molto più complesso, però una cosa è certa, è chiaro che non puoi vincere il cancro che si sviluppa in un ambiente avvelenato usando il veleno e quindi continuando ad avvelenare l’ambiente dove prolifera, è come concimare il terreno dove cresce e prolifera, ………

In ultimo, potete crederci o non crederci, mentre scrivevo queste stupidate mi sono bevuto 800 cl di succo verde centrifugato..

Io non mi faccio la chemio, io mi sparo dei succhi verdi, dall’inizio dell’anno ho un carcinoma epatico con proliferazione del 40% nel sistema linfatico, sto benissimo, in tutta la mia vita non sono mai stato bene come adesso che bevo succhi verdi - ….

 

 

Ho deciso di utilizzare la tattica della terra bruciata....

quella utilizzata dalla russia nel conflitto con napoleone (campagna di russia 1812) e utilizzata sempre dai russi contro le armate tedesche di hitler lungo il fronte orientale nel 1942-1943

Non voglio affrontare il tumore in una tragica battaglia frontale - tipo waterloo, una battaglia sangiunosa,.
Il combattimento durò complessivamente circa otto ore, nelle quali i francesi ebbero circa 25.000 morti e feriti, gli alleati circa 15.000 perdite e i prussiani 7.000.

Eccoci, la chemio usa la strategia frontale di waterloo, ingenti morti e danni su tutti i fronti..

io invece utilizzo la strategia russa della terra bruciata, lavoro per togliere le risorse al tumore..
inaridisco il terreno dove lui prolifera e degenera, lo privo del suo ambiente ideale (Acido) costringendolo ad una resa forzata senza scontro frontale dove lo stesso non ha rivali.

Pure la chemio spessissimo, nello scontro frontale ripiega e perde, il tuomore è troppo forte se affrontato nel suo campo...

Va invece vinto strategicamente, rendendo alcalino il proprio corpo, riportanto l'equilibrio biochimico e la funzionalità ottimale dell'apparato digerente, del sistema immunitario, dei reni del fegato..

Io voglio vincere e VINCERO'....................

 

p.s. la disastrosa battaglia di waterloo, napoleone perse causa l'arrivo delle truppe prussiane,
altrimenti gli inglesi col cavolo

 

Chi vivrà vedrà..

 

 

 

Ricordatevi che io non ho consigli da darvi, non sono abilitato e non ho le conoscenze scientifiche per darvene, io mi limito a raccontarvi come curo il mio cancro, vi spiego cosa mi somministro e quali risultati ottengo, mi raccomando, voi non fate come me che sono matto e mi curo da solo, rivolgetevi sempre al vostro medico curante.

 

 

A differenza di molti menestrelli del web anti-sistema io non giudico chi sceglie la strada della chemioterapia, sono vicino anche a loro, li ritengo miei fratelli di battaglia, non mi permetterei mai al mondo di puntare il dito contro chi sceglie una strada diversa dalla mia, più convenzionale, scegliere la strada meno battuta come ho fatto io è difficile, nessuno ti garantisce nulla e il supporto istituzionale e spesso familiare viene a scemare, a volte ti senti solo contro tutti, per me questa situazione è di stimolo ma per molti potrebbe essere uno scoglio invalicabile

- io voglio bene a tutti gli ammalati di cancro - TUTTI.

 

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

 

 

Ti va di aiutarmi a pagarmi le mie cure?
Lo stato ITALIANO non me le passa.

O faccio sorafenib che non mi da speranza di vita.

Oppure mi devo arrangiare.
Io ho deciso di arrangiarmi, i risultati li leggi in questo sito.

ho capito il mio cancro, questa partita la vinco io.
però mi devo pagare da solo i costi del mio protocollo
1.200 euro al mese....

Sto guarendo ma HO FINITO I SOLDI....

Se mi fai una piccola donazione, partecipi alla mia VITTORIA

se non la fai, va bene ugualmente,
leggiti le informazioni che trovi su questo sito

e fai in modo di non doverti mai trovare nella mia situazione...

Se come me decidi di salvarti la vita da solo...

Lo STATO ti volta le spalle, la SANITA' ti volta le spalle.

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



 

| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 132

Privacy Policy