Potassio alto e basso: alimenti, sintomi e pericoli



 

La maggior parte del potassio presente nell’organismo si trova all’interno delle cellule ed è fondamentale per il loro corretto funzionamento, oltre che per la funzionalità di nervi e muscoli.

L’organismo deve mantenere praticamente costanti i livelli di potassio nel sangue, se il livello diventa eccessivo od inferiore alla norma si possono avere conseguenze gravi, ad esempio un’aritmia cardiaca o addirittura l’arresto cardiaco (situazione in cui il cuore cessa di battere).

L’organismo può usare il potassio immagazzinato nelle cellule per mantenere costante il livello del minerale nel sangue.

L’organismo riesce a mantenere costante il livello di potassio nel sangue bilanciando la quantità persa e quella assunta con l’alimentazione; lo si elimina soprattutto attraverso le urine, ma parte del potassio va anche persa con il sudore e durante il transito intestinale.

Se i reni funzionano correttamente, riescono ad adeguare la quantità di potassio eliminata dall’organismo ai cambiamenti del fabbisogno.

Alcuni farmaci ed alcune patologie sono in grado di alterare la quantità di potassio che entra ed esce dalle cellule, e questo influenza profondamente il livello di potassio nel sangue.


Pompa sodio-potassio


Ipokaliemia

L’ipokaliemia è la carenza di potassio nel sangue.

La carenza può avere diverse cause, ma di solito è causata dal vomito, dalla diarrea, dai disturbi delle ghiandole surrenali o dall’uso di diuretici.

Se il potassio è carente, i muscoli si indeboliscono, si hanno crampi o spasmi o addirittura si rimane paralizzati.

Si può inoltre sviluppare un’aritmia cardiaca. Il livello del potassio nel sangue può essere misurato tramite gli gli esami del sangue, che sono l’unica modalità di diagnosi dell’ipokaliemia.

Di solito, per guarire, il paziente si limita ad assumere alimenti ricchi di potassio o integratori orali.

Di solito la quantità presente nel sangue diminuisce perché c’è qualche problema a carico dell’apparato digerente.

In alcuni casi può essere eliminato troppo potassio con le urine, perché i diuretici fanno secernere ai reni il sodio, l’acqua e il potassio in eccesso.

In diversi disturbi delle ghiandole surrenali, ad esempio nella sindrome di Cushing, le ghiandole surrenali producono troppo aldosterone, un ormone che induce i reni a secernere grandi quantità di potassio.

Alcuni farmaci aumentano la quantità di potassio che passa dal sangue alle cellule e possono provocare l’ipokaliemia, tuttavia questa condizione è di solito temporanea, a meno che non siano presenti patologie che aggravano la carenza del minerale.

L’ipokaliemia è causata solo in rari casi da un’assunzione insufficiente di potassio, perché il potassio si trova in molti alimenti diversi.


Sintomi e diagnosi

Una leggera diminuzione dei livelli di potassio nel sangue di solito non causa alcun sintomo. Se il potassio diminuisce in modo considerevole, invece, si possono verificare: debolezza muscolare, crampi, spasmi muscolari, paralisi.

Si può sviluppare addirittura un’aritmia cardiaca.

Se la diminuzione del potassio è minima, ma il paziente soffre di una patologia cardiaca o assume la digossina, i sintomi possono presentarsi comunque.

La diagnosi è effettuata misurando la quantità di potassio presente nel sangue; i medici, poi, cercano di identificare la causa della diminuzione che può essere evidente, dati i sintomi (come il vomito) o l’uso di farmaci o di altre sostanze.

Se la causa non è chiara, i medici misurano la quantità di potassio eliminata con le urine, per capire se l’ipokaliemia è data dall’escrezione eccessiva del potassio.


Cura

Se l’ipokaliemia è causata da una patologia a monte, la patologia va curata.

Di norma si riesce a reintegrare il potassio assumendo alimenti ricchi di questo minerale oppure integratori orali.

Il potassio può irritare l’apparato digerente, quindi gli integratori vanno assunti in piccole dosi, durante i pasti, diverse volte al giorno, e non in una singola dose più grande.

Alcuni tipi di integratori, ad esempio quelli impregnati con cere o il cloruro di potassio microincapsulato, hanno molte meno probabilità di provocare irritazioni.

Il potassio è somministrato tramite flebo nelle situazioni seguenti:

La quantità di potassio nel sangue del paziente è pericolosamente bassa. Gli integratori assunti per bocca non sono efficaci. Il paziente continua a perdere una quantità di potassio tale che gli integratori per via orale non riescono a reintegrarla. La carenza di potassio provoca un’aritmia cardiaca.

La maggior parte dei pazienti in terapia con i diuretici non ha alcun bisogno di assumere gli integratori di potassio ma, nonostante ciò, i medici effettuano controlli periodici dei livelli di potassio nel sangue, per poter cambiare il dosaggio del diuretico in caso di necessità.

In alternativa, possono essere usati diuretici particolari che aiutano i reni a conservare il potassio (risparmiatori di potassio), come l’amiloride, l’eplerenone, lo spironolattone o il triamterene, che vanno somministrati solo se i reni sono sani.



Iperkaliemia

L’iperkaliemia è l’eccesso di potassio nel sangue. L’iperkaliemia ha molte cause diverse, tra cui ricordiamo i disturbi renali, particolari farmaci che influiscono sul funzionamento dei reni e il consumo eccessivo di integratori di potassio.

Di solito l’iperkaliemia è asintomatica: i sintomi, perlopiù anomalie del battito cardiaco, compaiono soltanto in caso di iperkaliemia grave.

Di solito i medici diagnosticano l’iperkaliemia quando il paziente fa gli esami del sangue o l’elettrocardiogramma per altri motivi.

La terapia comprende: la diminuzione del consumo di potassio, l’interruzione delle terapie farmacologiche che potrebbero causare l’iperkaliemia e l’uso di farmaci che aumentano l’escrezione del potassio.

Di norma l’iperkaliemia è provocata da diversi problemi concomitanti, tra cui ricordiamo i seguenti:

- Disturbi renali (come l’insufficienza renale) che impediscono ai reni di eliminare una quantità sufficiente di potassio.

- Farmaci che impediscono ai reni di secernere la normale quantità di potassio, e sono una delle cause più frequenti dei casi di iperkaliemia lieve.

- Dieta ricca di potassio.

- Terapia con farmaci a base di potassio.

La causa più frequente dei casi di iperkaliemia lieve è l’uso di farmaci che fanno diminuire l’afflusso di sangue ai reni o impediscono ai reni di eliminare la giusta quantità di potassio. L’iperkaliemia si può verificare anche quando le cellule secernono una quantità di potassio maggiore del normale. Il rapido spostamento del potassio dalle cellule al sangue può sovraccaricare i reni e provocare un’iperkaliemia in grado di mettere in pericolo la vita del paziente.

Sintomi e diagnosi

L’iperkaliemia lieve di solito causa pochi sintomi o rimane asintomatica. Se si aggrava, però, può causare anomalie del battito cardiaco. Se il livello di potassio è molto alto, si può avere l’arresto cardiaco, cioè il cuore può cessare di battere.

Di solito l’iperkaliemia viene diagnosticata in seguito a normali esami del sangue o se il medico nota particolari anomalie dell’elettrocardiogramma. Per diagnosticarne la causa, i medici si informano sulle terapie farmacologiche che il paziente sta seguendo e prescrivono gli esami del sangue per controllare la funzionalità renale.

Terapia

L’apporto quotidiano di potassio in Italia è più o meno pari alle dosi consigliate (3 g contro i 3.2 g circa di fabbisogno indicati dai LARN), perchè presente ed abbondante in numerosi alimenti come:

- fagioli,
- piselli,
- asparagi,
- patate,
- albicocche,
- banane,
- cavolfiori,
- spinaci,
- arachidi.

In generale la presenza è comunque rilevante in frutta, verdure e carni fresche, mentre l’apporto di potassio con l’acqua da bere è modesto.

L’assorbimento avviene passivamente nel duodeno e nel digiuno (intestino) senza particolari difficoltà.

 

 

Sezione di una cellula 2/2.
La membrana di plasma

Descrizione

In questa elaborazione grafica è raffigurata la sezione di una cellula: sono visibili la membrana di plasma e i canali ionici. Occorre ricordare che per molte attività biologiche, come ad esempio la trasmissione degli stimoli nervosi, è fondamentale la concentrazione degli ioni (potassio, sodio, calcio ecc.); il flusso di questi ioni attraverso la membrana cellulare è garantito da alcune strutture chiamate canali ionici.

 

Descrittori cellula; scienze biologiche; biochimica Aree tematiche Scienze naturali; Chimica Curatori della selezione Grossi, Edoardo Ente fornitore dell`immagine: Olycom S.p.A. Creative Commons: attribuzione-non commerciale-non opere derivate 2.5 Italia Sito web www.olycom.it

 

Fonte Principale: Manuale Merck
(traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

 

 

Ti va di aiutarmi a pagarmi le mie cure?
Lo stato ITALIANO non me le passa.

O faccio sorafenib che non mi da speranza di vita.

Oppure mi devo arrangiare.
Io ho deciso di arrangiarmi, i risultati li leggi in questo sito.

ho capito il mio cancro, questa partita la vinco io.
però mi devo pagare da solo i costi del mio protocollo
1.200 euro al mese....

Sto guarendo ma HO FINITO I SOLDI....

Se mi fai una piccola donazione, partecipi alla mia VITTORIA

se non la fai, va bene ugualmente,
leggiti le informazioni che trovi su questo sito

e fai in modo di non doverti mai trovare nella mia situazione...

Se come me decidi di salvarti la vita da solo...

Lo STATO ti volta le spalle, la SANITA' ti volta le spalle.

 

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 

 




CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1023

Privacy Policy