Il medico privo di camice ascolta la voce del sangue

Vive da eremita sull'Appennino. In fila alle 5 di mattina col biglietto per avere la dieta basata sui gruppi 0, A, AB e B. "Evitate il latte: conduce all'Alzheimer"

 

Crede nella predestinazione?

«Credere... Mio padre credeva in Dio. Io no. Però mi sto impegnando per rifare il tetto della chiesa di San Cristoforo, che ha visto salendo qui. Avrà notato che la facciata e i muri perimetrali presentano cinque ordini di pietre nere. Quei macigni scuri se li portò sulle spalle a uno a uno il prete che agli inizi del Novecento saliva da Bobbio a celebrare messa, pensi che fede! Io invece diffido dei dogmi, quindi anche di vegetariani e vegani, propagatori di ideologie spaventose».

 

Com'è nata la sua vocazione per la medicina?

«C'è un percorso segnato per ognuno di noi. Mio zio Guido era medico, mia zia Antonietta pure. Ho sempre avuto fin da bambino la passione di scoprire perché gli uomini s'ammalano».

 

Perché non ha mai esercitato?

«Detesto il camice bianco e gli ospedali: odorano di malattia e di morte, non di salute e di vita. Chi ha bisogno di una visita, sa dove trovarmi».

 

Ha amici medici che seguono i suoi precetti salutistici?

«No. Però diventiamo amici dopo che li ho curati. I miei colleghi sarebbero disposti a trapiantare anche il cervello. A tutti, tranne che ai loro familiari. Ho proposto al presidente dell'Ordine dei medici di Piacenza: raduna 20 colleghi, 10 che accettano i miei consigli e 10 che seguono la medicina ufficiale, e vediamo chi ottiene i risultati migliori, cioè guarire senza farmaci. Campa cavallo. Eppure un medico di Parma che ha passato i 40, il dottor Pasquale, il cognome non lo dico, obeso, iperteso, imbottito di medicine dall'età di 26 anni, in 12 mesi l'ho fatto scendere da 100 chili a 70. Oggi non prende più nulla e sta benone».

 

Con la sola dieta?

«Certo. Anziché indagare sulle cause delle malattie, i medici rimuovono tonsille, adenoidi e appendici, cioè le pattumiere del corpo umano, senza capire che quegli organi sono i primi custodi della nostra salute. Nessuno che indaghi sul cibo. I governanti non hanno capito che l'Occidente va a ramengo per colpa delle diete sbagliate. Basterebbe che un terzo dei malati bisognosi di cure stessero meglio e avremmo soldi per tutto, dalle pensioni al lavoro giovanile. La crisi economica cesserebbe subito».

 

Come mai si fa un gran parlare di lei?

«Lo vede su che bricco abito da 40 anni? Ho subìto tre processi perché il nostro modo di vivere fuori dagli schemi dava fastidio, mi hanno accusato persino di furto di fascine e occupazione di orti. Scendo nel mondo civile solo tre volte al mese, la prima domenica a Pavia, la seconda ad Appiano Gentile e la quarta a Monza, per partecipare ai mercatini biologici con marmellate, ortaggi, estratti di erbe, salsa di pomodoro e dado vegetale prodotti dalla nostra cooperativa. La terza domenica mi riposo, visto che le mie ultime ferie risalgono al novembre di 40 anni fa e che agli appuntamenti pubblici trovo 200 o 300 persone in fila col biglietto numerato sin dalle 5 del mattino per scambiare una parola con me. A tutti do una risposta».

 

Tiene anche molte conferenze.

«Non direi. Sei o sette l'anno».

 

Fa pagare 5 euro d'ingresso.

«Anche 10. Ma non io: gli organizzatori. E non sempre. Sono appena stato a Canzo per la Croce rossa. Se mi offrono qualcosa, va al restauro della chiesa».

 

Perché ha sospeso i contatti attraverso il suo sito?

«Non ci tenevo dietro».

 

Lei sostiene che le malattie sono correlate a cibo e gruppo sanguigno. Non mi pare una teoria scientifica.

«Infatti è statistica, frutto di 40 anni d'osservazioni prima di tutto su me stesso, a cominciare dalle tonsilliti scatenate dalle fragole e dalle bronchiti provocate dai fichi. Poi estese ad almeno 70.000 pazienti affetti da malattie che ho curato correggendo l'alimentazione. In Italia vi sono 4 milioni di diabetici. Potrei dimezzare questo numero nel giro di un anno. Ma poi i produttori d'insulina e i diabetologi di che camperebbero?».

 

Il soggetto di gruppo 0 che caratteristiche presenta?

«Sistema immunitario reattivo. S'ammala in tempi rapidi e altrettanto velocemente guarisce. Vietati cereali, salumi, melanzane, minestroni, patate, caffè, polpo, seppia, latte, yogurt e formaggi, a eccezione di quelli caprini e della mozzarella. Sconsigliata la frutta: lo manda in depressione. Con carne rossa e salmone crudo scaccia ogni malanno».

 

Quello di gruppo A?

«Sistema immunitario poco robusto. Se mangia carne rossa si fa del male. Deve evitare latticini grassi e stagionati, cereali, pomodori, patate, peperoni. Raccomandati trota, merluzzo, salmone, tonno e sgombro, anche in scatola, checché se ne dica».

 

Quello del gruppo B?

«Sistema immunitario robusto, esposto però a malattie del sangue e autoimmuni. Vietati cereali, pollo, crostacei, pomodori e zucca. Se mangia kebab senza pane, campa cent'anni. L'antica Roma sottomise il mondo perché si nutriva di agnello allo spiedo. Perse l'impero quando cominciò a coltivare i cereali».

 

Quello del gruppo AB?

«Se si ammala, ci mette un'eternità a guarire. Per fortuna si ammala poco. Ma se non gli concedi orari umani, week-end liberi e ferie, lo uccidi. Deve astenersi da burro, formaggi, carni rosse. Mangiando agnello, sta benone. La carne ovina è consigliata a tutti, tranne che al gruppo A. Infatti sono pecore e montoni ad aver fatto progredire l'umanità, fornendogli cibo per nutrirsi e lana per coprirsi. L'Occidente sta affondando sotto il peso della sindrome metabolica: peso, pressione, colesterolo, trigliceridi e glicemia. L'islam invece continua a cibarsi di carni ovine e dilaga».

 

 

leggi tutta l'intervista sul giornale.it

 

 

 

 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 236

Privacy Policy