Immunoterapia, grande promessa contro i tumori


Al primo posto di «Science» la strategia che prevede di addestrare il sistema immunitario contro il cancro

Una «profonda trasformazione» all’interno della ricerca anticancro nel 2013. Così l’Associazione Americana per il Progresso della Scienza e gli editori della prestigiosa rivista Science valutano i risultati emersi nel corso del 2013 sull’immunoterapia come nuova ed efficace strategia per curare i tumori.

Tanto da porla al primo posto della top ten delle più importanti svolte scientifiche dell’anno che sta per concludersi, seguita dai notevoli progressi ottenuti, ad esempio, nelle tecnologie a energia solare (cellule fotovoltaiche fatte con la perovskite), nelle tecniche di elaborazione del genoma umano e nell’ideazione di nuovi vaccini.

 

 

 

INSEGNARE AL SISTEMA IMMUNITARIO COME COMBATTERE IL CANCRO -

Gli esiti a cui sono giunte diverse sperimentazioni durante il 2013 hanno richiamato l’attenzione degli studiosi durante i maggiori convegni medici internazionali, rendendo chiaro il potenziale dell’immunoterapia, studiata con crescente interesse negli ultimi decenni.

Questa strategia mira sostanzialmente a rafforzare il sistema immunitario dei malati che viene potenziato attraverso anticorpi o vaccini (per lo più creati in laboratorio sulla base delle cellule cancerose estratte dal singolo paziente) che «insegnano» così all’organismo come aggredire le cellule malate.

Gli esperti americani hanno deciso di porre l’innovativa metodica in cima alla lista delle scoperte fondamentali del 2013 proprio in virtù dei notevoli successi raggiunti in alcuni trial clinici e nonostante manchino ancora risultati definitivi e a lungo termine sulla sua efficacia curativa.

 

 

L’INIZIO DI UNA NUOVA ERA -

«L’immunoterapia quest’anno è apparsa indubbiamente come un’immensa promessa – dice Tim Appenzeller, caporedattore di Science, commentando la top ten pubblicata sulla rivista -.

Per ora si è dimostrata valida solo contro alcuni tipi di cancro e in un gruppi limitati di malati ed è importante non ingigantirne i benefici immediati che si raggiungono.

Ma molti specialisti in oncologia sono convinti che stiamo assistendo alla nascita di un nuovo modo per curare i tumori». Saremmo, insomma, alla soglia di una nuova era, come accadde a partire dagli anni Sessanta, con la scoperta dei primi farmaci con attività anti-tumorale e gli esordi della chemioterapia.

 

 

ARMI DI LABORATORIO PER RAFFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO -

Mentre gli studi di genetica proseguono nel tentativo di «mappare», ovvero individuare, tutti i geni coinvolti nello sviluppo e nella proliferazione dei tumori, si lavora alacremente sul nuovo fronte immunoterapico, su cui stanno investendo anche molte case farmaceutiche, fino a qualche tempo decisamente poco interessate all’argomento.

 

Era la fine degli anni Ottanta quando ricercatori francesi scoprirono uno specifico ricettore sulle cellule linfocitarie (CTLA-4) la cui presenza, come spiegò poi James Allison, impediva al sistema immunitario di attaccare con la massima forza le «cellule cancerose nemiche».

A metà degli anni Novanta lo stesso Allison mostrò, su cavie da laboratorio, che bloccando CTLA-4 si potevano «liberare» i linfociti del nostro sistema immunitario, così finalmente in grado di ridurre notevolmente l’invasione delle cellule cancerose. Nel frattempo, scienziati giapponesi scoprivano un altro «freno» sui linfociti (PD-1) e i trial clinici sui primi pazienti, iniziati nel 2006, davano risultati promettenti.

Nel frattempo, nuovi fronti si sono aperti nel campo dell’immunoterapia e molte sperimentazioni sono in corso (specie nei tumori del sangue) con il metodo CAR che prevede di modificare geneticamente i linfociti T (cellule del sangue che hanno un ruolo chiave per l’azione del nostro sistema immunitario), equipaggiandoli con potenti «munizioni» in grado di cercare, trovare e distruggere le cellule cancerose.

 

 

LA QUARTA STRATEGIA ANTICANCRO -

«La decisione di Science di mettere l’immunoterapia del cancro al primo posto nella lista delle 10 principali innovazioni scientifiche del 2013 è assolutamente condivisibile – commenta Michele Maio, direttore Centro di Immunoterapia Oncologica (unico in Italia) del Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena -

 

E’ vero, come dicono gli editori stessi, che al momento l’immunoterapia ha riscosso i maggiori successi solo in alcuni selezionati tumori (come ad esempio il melanoma cutaneo in cui migliora significativamente la sopravvivenza dei pazienti), che ancora non sappiamo quanti pazienti ne potranno beneficiare, che in molti casi siamo ancora in fase sperimentale.

E’ però indubbio che i risultati che stiamo ottenendo nelle sperimentazioni cliniche in corso dimostrano un forte potenziale di questa metodologia terapeutica anche in molte altre forme di cancro (polmone, rene, prostata, mesotelioma pleurico, per citarne alcuni).

Sulla scorta di questi risultati stiamo ampliando ad altre neoplasie lo studio delle potenzialità dell’immunoterapia che, ne sono convinto, rappresenta la quarta strategia disponibile (in aggiunta a chirurgia, radioterapia e farmaci) per trattare il cancro con sempre maggiore efficacia».

 

fonte: corsera.it

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 

 

 

Ti va di aiutarmi a pagarmi le mie cure?
Lo stato ITALIANO non me le passa.

O faccio sorafenib che non mi da speranza di vita.

Oppure mi devo arrangiare.
Io ho deciso di arrangiarmi, i risultati li leggi in questo sito.

ho capito il mio cancro, questa partita la vinco io.
però mi devo pagare da solo i costi del mio protocollo
1.200 euro al mese....

Sto guarendo ma HO FINITO I SOLDI....

Se mi fai una piccola donazione, partecipi alla mia VITTORIA

se non la fai, va bene ugualmente,
leggiti le informazioni che trovi su questo sito

e fai in modo di non doverti mai trovare nella mia situazione...

Se come me decidi di salvarti la vita da solo...

Lo STATO ti volta le spalle, la SANITA' ti volta le spalle.

 


Sostieni la mia mission

con un piccolo versamento ;-)







| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 372

Privacy Policy