Alimentazione sana con FRUTTA e VERDURE

 

Vi riporto un'interessante intervista a Frederic Patenaude, recentemente intervistato dal "Get Fresh Magazine" a proposito della dieta ad alto contenuto di frutta:

 

 

Quanta frutta pensi che dovremmo consumare, per una salute ottimale, e perché?

Per una salute ottimale, le persone che seguono una dieta crudista dovrebbero consumare una quantità di frutta tale da fornire la maggior parte delle calorie.

La ragione è piuttosto semplice: non c'è altro cibo crudo che possa fornirci sufficienti calorie, vitamine e altri nutrienti e allo stesso tempo avere un basso contenuto di grassi.

La frutta è ricca di vitamine, minerali e contiene calorie sufficienti per mantenere il proprio peso forma.

Un chilogrammo di lattuga contiene 140 calorie, mentre un chilo di banane ne contiene 890.

A una dieta basata prevalentemente sulla frutta, vanno aggiunte da 0,5 a 1,8 kg di verdure e frutti-ortaggio (pomodori, cetrioli, ecc.), che forniscono ulteriori minerali come il sodio, che può scarseggiare nella frutta.

Se non desideri seguire una dieta crudista, allora puoi rimpiazzare alcuni pasti di frutta con una fonte salutare di carboidrati cotti, come le patate dolci, il riso integrale o dei legumi.

 

 

E' piuttosto difficile procurarsi frutta matura al giorno d'oggi.

La maggior parte della frutta commercializzata viene raccolta 1-2 mesi prima che sia matura. Quali sono le conseguenze del mangiare frutta non matura?

E' vero, la frutta viene raccolta acerba, ma continua a maturare dopo la raccolta e nel momento in cui l'acquistiamo dovrebbe essere quasi matura.

Ci sarebbero conseguenze negative se mangiassimo un frutto veramente acerbo, come una banana verde ad esempio, ma nessuno in genere la mangia così. Credo che le persone dovrebbero cercare di procurarsi la miglior qualità di frutta possibile.

Non è così importante se è stata raccolta qualche settimana prima, se ci sono state le condizioni perché potesse maturare adeguatamente in seguito. Perfino ai tropici le banane vengono raccolte verdi, per evitare che vengano mangiate dalle scimmie e da altri animali!

 

 

E' risaputo che il consumo di zucchero accelera il processo di invecchiamento contribuendo a danneggiare il collagene della pelle e alla formazione degli AGE (prodotti finali della glicazione avanzata).

Dato il legame tra zucchero e invecchiamento, non è più saggio limitare o evitare il consumo di frutta e preferire cibi vegetali a basso contenuto di zuccheri?

Non sono gli zuccheri di per sé il problema (dopotutto, le nostre cellule necessitano di zuccheri), ma alti livelli di zuccheri nel sangue, cosa completamente diversa. Uno dei maggiori fattori nel favorire un alto livello di zuccheri nel sangue è il consumo eccessivo di grassi (vedi i lavori del dr. Fuhrman, Barnard, McDougall, Klaper, Graham, Ornish).

Cercando di evitare gli zuccheri, una persona finisce inevitabilmente per consumare più grassi, il che porta proprio al problema che stava cercando di evitare: un alto livello di zuccheri nel sangue. Nell'ambito di una dieta a basso contenuto di grassi, assumere grandi quantità di frutta porta ad avere una glicemia normale, non alta.

 

La Glicemia

Ho sperimentato questo personalmente e con altre persone, usando un apparecchio per misurare la glicemia per controllare gli effetti del consumo di frutta.

Anche dopo aver mangiato grandi quantità di banane, i valori della glicemia sono sempre rimasti stabili e all'interno dei parametri salutari per ore.

Dato che sappiamo che lo zucchero nutre le cellule tumorali, e che queste cellule hanno più recettori per l'insulina rispetto alle cellule normali e quindi sono le prime ad essere nutrite quando viene consumato zucchero, è saggio per una persona malata di cancro evitare tutti gli zuccheri, inclusi quelli che si trovano nella frutta?

Di nuovo, credo che la chiave stia nell'evitare un alto livello di zuccheri nel sangue, piuttosto che gli zuccheri in sé.

Il solo modo per mantenere la propria glicemia stabile e di evitare picchi e ricadute è quello di seguire una dieta a basso contenuto di grassi e mantenere il proprio livello di grasso corporeo a livelli ragionevoli. Altri fattori come l'attività fisica migliorano la sensibilità insulinica.

 

 

Non è possibile evitare gli zuccheri completamente.

Se non vengono consumati zuccheri semplici, i carboidrati complessi vengono trasformati in zuccheri semplici.

Se non si assumono carboidrati, il corpo è costretto a convertire i grassi in acidi grassi e corpi chetonici per sopravvivere in uno stato che viene chiamato "chetosi", che è essenzialmente quello che avviene durante un digiuno.

Il corpo ha bisogno di una fonte di energia e gli zuccheri semplici sono la sua fonte preferita. Il consumo di frutta nell'ambito di una dieta a basso contenuto di grassi favorisce una glicemia stabile, che potrebbe essere un elemento chiave nella cura del cancro.

 

 

E' interessante notare che l' American Cancer Society consiglia il consumo di frutta fresca in abbondanza.

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

 

 

Ti va di aiutarmi a pagarmi le mie cure?
Lo stato ITALIANO non me le passa.

O faccio sorafenib che non mi da speranza di vita.

Oppure mi devo arrangiare.
Io ho deciso di arrangiarmi, i risultati li leggi in questo sito.

ho capito il mio cancro, questa partita la vinco io.
però mi devo pagare da solo i costi del mio protocollo
1.200 euro al mese....

Sto guarendo ma HO FINITO I SOLDI....

Se mi fai una piccola donazione, partecipi alla mia VITTORIA

se non la fai, va bene ugualmente,
leggiti le informazioni che trovi su questo sito

e fai in modo di non doverti mai trovare nella mia situazione...

Se come me decidi di salvarti la vita da solo...

Lo STATO ti volta le spalle, la SANITA' ti volta le spalle.

 








 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 4878

Privacy Policy