La combinazione tra alimenti (parte 2)



 

Dunque amici,

nel primo capitolo abbiamo scoperto che la nostra digestione è un processo più macchinoso di quel che si possa immaginare.

i cibi che vengono ingeriti, devono prima essere scomposti e poi ricomposti in maniera confacente all'assorbimento del nostro organismo

Abbiamo anche appreso che lo smontaggio del cibo che ingeriamo avviene tramite svariate famiglie di enzimi....
ogni famiglia di enzimi è specializzata nello smontaggio di un particolare alimento, all'interno di ogni famiglia enzimatica ogni enzima ricopre un ruolo particolare e unico, il buon lavoro dell'intera famiglia dipende dall'efficienza di tutti i componenti, se un componente della famiglia non fa il suo dovere il processo di smontaggio si inceppa e la nostra digestione si interrompe....

se ad esempio la pepsina non ha trasformato le proteine in peptoni, gli enzimi che devono trasformare i peptoni in aminoacidi non saranno in grado di intervenire sullo smontaggio della proteina.

L'interruzione dello smontaggio proteico o zuccherino comporta la formazione di tossine e veleni che vanno in circolo nel nostro corpo al posto di vitamine, sali minerali, proteine e zuccheri...

fino a qui ci siamo, giusto?

 

Ora iniziamo ad esplorare l'intera digestione....

La prima digestione avviene nel cavo orale....
All'interno del cavo orale il boccone viene sminuzzato, tritato, tagliuzzato, questo avviene ad opera del nostro apparato dentale, sempre nel cavo orale abbiamo la saliva, sostanza solitamente alcalina che però può trasformare il suo ph a seconda del bisogno e del cibo che stiamo masticando......

La saliva svolge tre compiti, il primo è quello di diluire, liquefare il boccome macerato dai nostri denti, il secondo è quello di preparare l'impasto col giusto ph, il tezo è quello di secernere enzimi che nel cavo orale avviano la vera e propria digestione, i primi bulloni del nostro cibo vengono smontati nella nostra bocca tramite l'enzima ptialina...

Dobbiamo dire che la ptialina è in grado di agire (smontare) solo sugli amidi, pertanto possiamo sostenere che la digestione orale sotto l'aspetto prettamente chimico è confinato ai soli amidi, gli amidi iniziano ad essere digeriti nel cavo orale tramite l'enzima ptialina che si trova nella saliva, tutti gli altri cibi inizieranno la loro digestione (scomposizione-smontaggio) nello stomaco.

La ptialina inizia a smontare gli amidi trasformandoli in maltosio, il maltosio è uno zucchero complesso che poi subisce un'ulteriore digestione nello stomaco dove viene trasformato in destrosio, una forma di zucchero semplice....

Ora si capisce che se l'amido non arriva nello stomaco in forma di maltosio gli enzimi dello stomaco non possono assolutamente trasformarlo in destrosio quindi la sua digestione viene interrotta...

in questo specifico caso, ma purtroppo non sempre, il nostro sistema digerente prevede un pronto soccorso.....

mettiamo che noi ingeriamo amidi di fretta senza masticarli e sanza impastarli con la saliva, la ptialina non riesce a trasformare gli stessi in maltosio, l'amido ancora intero arriva nello stomaco dove si trovano enzimi pronti a smontare il maltosio ma non altre forme di sostanza, a questo punto il nostro amido pare spacciato, non verrà digerito e creerà tossine nel percorso che lo attende prima di essere evaquato....

Nel caso specifico però interviene il pronto soccorso, gli amidi che non vengono trasformati in maltosio nel cavo orale passano lo stomaco invariati ma poi incontrano l'amilasi, un enzima pancreatico di riserva che pare riesca a scomporre gli amidi nella stessa maniera della ptialina....

In questo particolare caso ci è andata bene, abbiamo salvato la digestione del boccone grazie all'intervento del pancreas, ma non sempre nel meccanismo della nostra digestione è previsto il pronto soccorso, spesso operazioni incompiute a valle compromettono definitivamente la digestione del boccone ingerito.....

Non sempre abbiamo un enzima pancreatico che si prende carico dell'amido sfuggito alla digestione di cavo orale e stomaco, NON SEMPRE......

oltretuto bisogna sempre valutare in quanto tempo il boccone di amido non digerito sia arrivato all'intestino perchè se il suo stazionamento nello stomaco è stato lungo e si sono avviati su di esso processi fermentativi anche l'enzima amilasi non può nulla, in quel caso il boccone è perso, fermenterà, si decomporrà, fomera tossine e veleni che saranno assorbiti al posto dei nutrimenti.....

Capite mici?
se non digeriamo bene invece di mettere in circolo energia mettiamo in circolo veleni, ecco che poi questi veleni ci sviluppano infinite patologie, dalle più lievi alle più complesse, una buona digestione è fondamentale, mangiare buono si , ma mangiare bene, chi non si pone queste argomentazioni con interesse secondo me è un IDIOTA...

Io sono stato un GRANDE IDIOTA per tanto tempo, speriamo mi riesca di riparare nei supplementari ;-)

 

Passata la prima degistione del cavo orale il nostro bolo arriva nello stomaco, ora voi dovete sapere che in fase di riposo lo stomaco non è affatto acido, nello stomaco quando siamo a digiuno non si trovano quantità rilevanti di acido, assolutamente no, l'acido necessario allo stomaco per sviluppare la digestione viene prodotto da particolari ghiandole proprio nel momento in cui il cibo arriva sulle pareti dello stomaco....

Questo succede perchè ogni tipo di cibo abbisogna di un particolare ph che può andare da neutro a molto acido e in parallelo con il ph anche gli enzimi che passeggiano nello stomaco durante la digestione sono diversi a seconda del cibo ingerito..

nello stomaco troviamo due enzimi, la pepsina che smonta le proteine e la lipasi che invece agisce lievemente sui grassi...

la pepsina riesce ad avviare la digestione di tutte le proteine, possiamo quindi dire che tutto sommato la pepsiana è un enzima multifunzionale, in parte questo discorso è vero ma scopriremo che tra le sue capacità di smontaggio esistono tragici limiti che possono dipendere dal nostro sapere e quindi dal nostro applicare a regola d'arte.

Gli enzimi atti allo smontaggio delle proteine agiscono in diverse fasi della loro digestione...

Diversi enzimi proteici non sono in grado di intervenire sulla proteina quando la stessa si trova in una fase antecedente a quella nella quale il tale enzima risulta efficiente, l'erepsina ad esempio (enzima che lavora negli intestini) non è in grado di smontare le proteine complesse, essa sa smontare solo peptidi o polipeptidi di proteina...

Senza l'azione antecedente della pepsina che smonta la proteina e la riduce in peptidi la povera erepsina risula inerte..

La peptina però ha un limite, può agire solo in ambiente medio-acido, un ambiente alcalino la distrugge, le basse temperature la inibiscono, l'alcool la fa precipitare.....

Ora voi capite, se io mi mangio un bel hamburger e sopra mi bevo una bella birra fredda, succede che il freddo della bevanda mi inattiva la peptina e l'alcool me la fa precipitare, insomma, bevo la birra fredda e distruggo gli enzimi di peptina, a questo punto le proteine dell'hamburger non vengono trasformate in peptidi proteici e quando il mio hamburger arriva negli intestini, siccome le proteine non sono state trasformate in peptidi dalla peptina che ho ucciso, l'erepsina non può procedere al suo smontaggio....

A questo punto le proteine del mio hanburger sono perse, il mio apparato digerente non sarà in grado di smontarle e spedirle al fegato per rimontarle a mia immagine e bisogni....

 

capite amici quanto sia importante conosce i meccanismi della digestione?

p.s. la stessa cosa succederebbe se io mangiassi l'hamburger e mi bevessi 2 bicchieri di acqua alcalina, magari a ph 9 fatta dal mio ionizzatore....

 

il nostro corpo è fantastico, gli idioti siamo noi che non ci preoccupiamo di conoscerlo sebbene ci viviamo dentro una vita ;-)

 

arturo villa

 

 

Herbert M. Shelton
La Facile Combinazione degli Alimenti

Editore: Igiene Naturale Srl
Data pubblicazione: Gennaio 1985
Formato: Libro - Pag 157 - 14x21

Leggi recensione

 

 

Attinente al tema potrebbe interessarti

La Combinazione tra gli Alimenti (parte1) - (clicca qui)

Mangiar Male - (clicca qui )

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



 

| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 319

Privacy Policy