LA DIFFICILE COMBINAZIONE DEGLI ALIMENTI



(dedicato al grande igienista H.M Shelton)

 

“Gioisci della vita, gioisci delle tue amicizie e soprattutto della tua famiglia. La salute renderà possibile tutto questo, ed essa deriverà soltanto da una alimentazione sana e da un modo di vivere naturale” (H.M Shelton 1951)

“Questa putrefazione è la causa principale di tutti i tipi di stress digestivo, compreso il gas, bruciore di stomaco, crampi, gonfiore, costipazione, emorroidi, colite, mal di stomaco e diarrea” (Daniel Reid, 2006).

Tutto in linea col principio “Più semplice il cibo e meglio ci sentiamo”. Ed in questo senso il mono-cibo, come insegnano molti animali, è assai migliore del cibo combinato ed elaborato.” (Valdo Vaccaro 2012)

 

MANGIARE MALE

Mangiar male alla fine della fiera si può tradurre semplicemente in:

- Introdurre cibo non adatto al nostro organismo biologicamente fruttariano

- Mangiare in fretta, masticando poco e velocemente o mangiare con ansia e preoccupazioni

- Non rispettare i cicli circadiani (colazioni abbondanti, zero merende, spuntini serali etc etc)

- Combinare a casaccio gli alimenti, tanti e troppi, senza tener conto del rapporto acido/alcalino.

Se avessimo un’ipotetica macchina a raggi x con la possibilità di vedere cosa accade nel nostro apparato digerente dopo un normale pasto cambieremmo senza indugio le nostre pessimi abitudini.

La filosofia alimentare moderna è invece quella del “occhio non vede, cuore non duole” con il sistematico e autolesionistico avvelenamento del sangue.

 

COMBINARE MALE GLI ALIMENTI

Oggi ci occuperemo del punto D (che io e Corrado chiamiamo “i mescoloni”) praticamente sconosciuto alla medicina moderna, in realtà sottovalutato e importantissimo.

Combinare senza criterio gli alimenti produce a tutti gli effetti:

- fermentazioni, gas, disbiosi, gastriti e dispesie (altre le ho aggiunte sotto per non angosciarvi) e nella migliore delle ipotesi ha comunque un impatto deleterio sul nostro organismo in quanto ci de-vitalizza depauperandoci di energie preziosissime.

Da evidenziare con il pennarello che si vede anche di notte che la questione non si pone per i vegano crudisti. Il motivo? I food enzyme!

E’ stata proprio l’uscita del libro “Enzyme Nutrition” di Edward Howell del 1985, una delle prime grandi vittorie dell’alimentazione vegano crudista. Gli enzimi si autodigeriscono! In questo modo svolgono la parte più problematica per il nostro sistema gastro enterico anche perché non c’è nulla che immesso nel nostro corpo sia gratuito o privo di effetti collaterali, persino l’acqua, che entra comunque più facilmente di quanto esce.

Le proteine per esempio, si digeriscono bene in un ambiente acido (mi riferisco sempre a proteine vegetali perché quelle di origine animale sono l’opposto del cibo) e richiedono particolari tempi di digestione rispetto ai carboidrati di frutta e amidi che esigono un ambiente alcalino.

Le proteine non digerite tendono a marcire a causa della costante presenza di batteri nel tratto digestivo.

I batteri nel canale alimentare anziché fornire sostanze nutritive rilasciano tossine.

A questo punto il sangue raccoglie le tossine di questo pasticcio che passa lentamente attraverso l'intestino ed ecco che scatta l’avvelenamento.

Ci state arrivando?

Il fatto che nessuno ce ne abbia mai parlato, che non faccia parte di una tradizione medica e preventiva, culturale e sociale, mi fa rabbrividire. Oltre alle conseguenze di cui vi ho parlato sopra vorrei aggiungere che tutto questo, è per l’igienismo (SCIENZA DELLA SALUTE) causa di :

allergie,
nausee,
mal di testa,
depressione,
debolezza,
impotenza,
irritabilità.

 

 

DEFINIZIONI ALIMENTARI

 

PROTEINE (noci, semi, soia, legumi secchi, olive, avocado)

CARBOIDRATI AMIDACEI (tutti i cereali, legumi secchi, patate, patate dolci, castagne, zucche, mais)

CARBOIDRATI MEDIO-AMIDACEI (carote, bietole, rape, carciofi)

CARBOIDRATI DOLCI (banane, datteri, fichi, uva, prugne, cachi, frutta secca-dolce).

 

 

LE CORRETTE COMBINAZIONI ALIMENTARI -

VEGETALI, combinabili con la maggior parte dei cibi (cavoli, cavolfiori, cime di rapa, sedani, melanzane, cetrioli, zucchini, asparagi, sedano-rapa, rape, bietole, piselli giovani, tegoline o fagiolini giovani). -

AMIDI, combinabili con verdure verdi e non coi pomodori, incompatibili con frutta e con proteine (mais, papaia, zucche, carciofi, patate, patate dolci, carote, castagne, cocco, riso integrale). -

PROTEINE, combinabili con le insalate, incompatibili con carboidrati dolci e con amidi (tutte le noci, i germogli, i legumi secchi, le arachidi, i semini di girasole e simili). -

CARBOIDRATI/FRUTTI DOLCI, combinabili con lattughe-sedani, incompatibili con frutti acidi tipo agrumi (banane, cachi, cachi secchi, mele secche, albicocche secche, prugne secche, uvetta, datteri). -

CARBOIDRATI/FRUTTI SUB-ACIDI, combinabili con frutta acida e frutta dolce, ma non con entrambe assieme, e combinabili anche con lattughe-sedani (mele, pere, uve, pesche, prugne, fichi d’India, manghi, susine).

CARBOIDRATI/FRUTTI ACIDI, combinabili coi sub-acidi ma non coi frutti dolci, e combinabili con lattughe e sedani (arance, limoni, pompelmi, melograni, fragole, kiwi, ananas, pomodori). Evitare mescole con proteine (noci, latte vegetale). -

CARBOIDRATI/MELONI, non combinabili con niente e da consumarsi ben lontano dai pasti (angurie e vari tipi di meloni). -

AVOCADI/CIBO ALTO-GRASSO-VEGETALE, combinabili con sedani-lattughe-insalate, ma anche con patate e amidacei purché nel pasto si includano anche le verdure verdi. Mai usare avocado in presenza di noci e semini, pure ad alto contenuto di grasso. -

ACQUA NATURALE E NON GASATA, da bersi solo in condizioni di sete reale. Non bere durante i pasti per non diluire gli enzimi naturali dei cibi e gli enzimi corporali eventualmente sollecitati ad intervenire nella digestione (nel caso di cibi cotti).

 

L’acqua è bevibile 15 minuti prima dei pasti, 30 minuti dopo un pasto di frutta, 2 ore dopo un pasto amidaceo, 4 ore dopo un pasto proteico. Buona salute a tutti da Gianluca e Corrado

 

“Il sistema digestivo umano, secondo natura, non `e predisposto a digerire pasti elaborati. I pasti a sette portate o a ventuno non erano stati programmati dalla natura quando questa creò il sistema digestivo dell’uomo. La persona che si siede di fronte ad una tavola imbandita di ogni genere di alimenti e che mangia di tutto, “dall’antipasto al dolce”, sicuramente soffrirà di indigestione. Se mangiare pasti complicati diventa un’abitudine, trascurando i propri limiti enzimatici, i disturbi intestinali diverranno cronici. Ovunque andrà , dovrà portare con sè la sua scorta di medicine. Infatti, l’abitudine di portare le pillole in tasca, viene fortemente incoraggiata dagli operatori del settore. Sembra più importante avere a disposizione un rimedio arti?ciale , piuttosto che imparare a mangiare in maniera tale da evitare che si presenti il bisogno di ricorrere ai medicinali. Sembra più importante arricchire le case farmaceutiche, che tutelare la propria salute.” (Helbert Sheldon “La facile combinazione degli alimenti”)

 

Fonte: bio-haus.it

 

Herbert M. Shelton
La Facile Combinazione degli Alimenti

Editore: Igiene Naturale Srl
Data pubblicazione: Gennaio 1985
Formato: Libro - Pag 157 - 14x21

Attinente al tema potrebbe interessarti

La Combinazione tra gli Alimenti (parte1) - clicca qui

: La Combinazione tra gli Alimenti (parte2) - clicca qui

 

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



 

| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 410

Privacy Policy