COTTURA DEI VEGETALI E NUTRIZIONE OTTIMALE



 

Ci sono oggi sempre più seguaci del Crudismo (o Raw Foodists in inglese) che ritengono che la cottura dei vegetali ne distrugga, almeno in parte, la dotazione di sostanze nutrienti, soprattutto enzimi ed antiossidanti.



E' stato però più volte riportato dal mondo scientifico, ed anche annunciato sui media più popolari, che la cottura dei vegetali ne aumenterebbe le capacità nutritive.

La verità, come sempre, è più complessa; non c'è solo il cotto contro il crudo: l'apporto nutritivo varia secondo il vegetale considerato ed il metodo di cottura scelto! In questo post, dunque, cercherò di riassumere lo stato attuale della ricerca scientifica sull'argomento, in modo da trarne principi utili nella vita quotidiana.

Il Dr. Michael Greger Questo post è basato su una serie di video appartenenti ai Volumi 2 e 4 della raccolta "Latest in Clinical Nutrition" ("Novità nella Nutrizione Clinica") in cui il Dr. Michael Greger riassume e divulga tutte le ultime novità apparse in articoli scientifici pubblicati su riviste mediche serie; il Dr. Greger dona in beneficenza tutti i proventi della vendita dei suoi DVD, e ogni giorno pubblica gratuitamente un nuovo video estratto dall'ultimo DVD sul sito NutritionFacts.org.

Il Dr. Greger è estremamente preparato, serio e professionale nel suo lavoro, ma anche molto simpatico e divertente da seguire nel suo modo di porgere contenuti che altrimenti rischierebbero di essere noiosi; da non perdere l'ultima presentazione recentemente pubblicata sul sito, in cui parla di come si possano prevenire (quasi tutte), curare (molte) e addirittura guarire (alcune) delle 15 principali cause di morte negli USA (e in tutto il mondo "occidentale"...), ecco il link: "Uprooting the Leading Causes of Death" ("Sradicare le principali cause di morte").

 

EFFETTO DEI METODI DI COTTURA SU CAROTE, ZUCCHINE E BROCCOLI

Uno studio di ricercatori italiani delle università di Pavia e Napoli ha nel 2008 messo a confronto l'effetto che i nostri metodi di cottura tradizionali (bollito, al vapore e fritto) hanno sulle caratteristiche nutritive di tre tra le verdure più comunemente consumate: carote, zucchine e broccoli. Le caratteristiche nutritive studiate sono: carotenoidi, cioè vitamina A e suoi precursori; fenoli, cioè antiossidanti colorati; vitamina C; potere antiossidante totale: una misura In Vitro del potere antiossidante secondo 3 diversi metodi (TEAC, FRAP, TRAP) che simulano complesse reazioni biologiche; solo per i broccoli: glucosinolati, sostanze presenti in tutta la famiglia delle Crucifere e di particolare valore nutritivo, come vedremo più avanti.

 

I risultati indicano una realtà piuttosto variegata:

 

LE CAROTE:

danno il massimo di carotenoidi da bollite (134mg/100g), poi crude, al vapore e infine fritte, con variazioni di meno del 30% tra i diversi metodi; danno il massimo di fenoli da crude (70mg/100g)), poi fritte (circa 2/3), al vapore (circa metà) e per niente da bollite; danno il massimo di vitamina C da crude (31mg/100g), poi bollite (-6%), al vapore (-40%) e per niente da fritte; hanno il massimo potere antiossidante totale da fritte (4,86mmol/100g), poi bollite(-50%), al vapore (-60%) e infine crude (-75%);

 

LE ZUCCHINE:

danno il massimo di carotenoidi da crude (50mg/100g), poi bollite (-3%), al vapore (-20%) e infine fritte (-35%); danno il massimo di fenoli da crude (59mg/100g), poi al vapore (-40%), fritte (-65%) e infine bollite (-70%); danno il massimo di vitamina C da crude (194mg/100g), poi bollite (-4%), fritte (-14%) e infine al vapore (-15%); hanno il massimo potere antiossidante totale da fritte (10,36mmol/100g), poi bollite (-20%), al vapore (-30%) e infine crude (-60%);

 

I BROCCOLI:

danno il massimo di carotenoidi da bolliti (37mg/100g), poi al vapore (-10%), crudi (-25%) e infine fritti (-75%); danno il massimo di fenoli da crudi (100mg/100g), poi al vapore (-38%), fritti (-60%) e infine bolliti (-73%); danno il massimo di vitamina C da crudi (847mg/100g), poi al vapore (-32%), poi bolliti (-48%) e infine fritti (-87%); hanno il massimo potere antiossidante totale al vapore (19,08mmol/100g), poi frittI (-25%), bolliti (-30%) e infine crudi (-60%); danno il massimo di glucosinolati al vapore (94µmol/g), poi crudi (-24%), bolliti (-65%) e infine fritti (-84%).

 

Le informazioni presentate in questo studio devono essere valutate con cura: ho infatti inserito i valori assoluti dei parametri della ricerca, proprio per fare dei confronti tra una verdura e l'altra nell'ottica della nutrizione ottimale

 

le carote sono in genere consumate per il loro apporto di carotenoidi, di cui sono le più dotate in assoluto, e quindi sono da preferire bollite o crude; le ZUCCHINE non sono particolarmente interessanti, in termini relativi, per nessuna delle categorie nutrizionali qui investigate: 1)carotenoidi: le carote ne forniscono molti di più; 2)fenoli: sia i broccoli che le carote ne forniscono di più; 3)vitamina C: i broccoli ne danno molta di più, ed è oltretutto ben presente in tutta la frutta; 4)potere antiossidante totale:

 

i broccoli sono molto superiori. per i BROCCOLI il discorso è molto articolato:


tra le verdure qui presentate, i broccoli sono i più ricchi di sia di vitamina C, che porterebbe a preferirli crudi, che per il potere antiossidante totale; ma siccome è sempre possibile scegliere fonti di vitamina C molto più abbondanti, per i broccoli va privilegiato l'aspetto antiossidante, preferendoli quindi cotti al vapore; ma i broccoli sono anche l'unica verdura qui testata a fornire glucosinolati, e anche questa loro particolarità spinge a consumarli cotti al vapore, ma con un caveat di cui parliamo più avanti.

 

I GLUCOSINATI: BIODISPONIBILITA’ DEL SULFORAFANO E COTTURA DEI BROCCOLI

Sostanzialmente il sulforafano è uno dei glicosinolati contenuti in tutte le crucifere ma più abbondante proprio nelle infiorescenze dei broccoli; per l'esattezza, i broccoli contengono un precursore del sulforafano ed il relativo enzima di conversione, ben separati dalle pareti cellulari; poi mentre un erbivoro mastica il broccolo, l'enzima ed il precursore entrano in contatto e la reazione può avvenire, ottenendo abbondante sulforafano giusto in tempo per la deglutizione!

La cottura sopra 50-60 gradi distrugge l'enzima, quindi non si ottiene più sulforafano masticando i broccoli cotti in qualunque modo; per la precisione, mangiando il broccolo crudo, circa il 34% del sulforafano appena formato passa nel sangue entro 1 ora dalla deglutizione, mentre mangiandolo cotto si ha solo il 3,4% del sulforafano potenziale, e solo dopo 6 ore; questo indica che la flora batterica ha fatto del suo meglio per sintetizzare il sulforafano sostituendosi all'enzima distrutto, ma comunque non è abbastanza!

 

Questi risultati provengono da uno studio olandese del 2008 il cui testo completo non è ancora disponibile gratuitamente;

Quindi malgrado tutto quanto detto sopra a proposito della cottura dei broccoli, per ottenere il massimo del sulforafano i broccoli vanno consumati crudi. In alternativa, una ricetta di "pesto di broccoli cotto" del Dr. Greger prevede di: frullare i broccoli a crudo, aggiungendo acqua per facilitare il processo (che è come masticarli); attendere qualche minuto per la completa sintesi del sulforafano; cuocere "delicatamente" il pesto, cioè solo per allontanare l'acqua prima aggiunta in eccesso, ottenendo una crema. Condire a piacere.

 

VALORE CURATIVO SPECIFICO DEL SULFORAFANO

Benché vi sia abbondante copertura mediatica circa le potenzialità anti-cancro del sulforafano, nulla è (almeno al momento) detto circa una sua azione peculiare e specifica sui condrociti. In particolare, un recentissimo studio italiano pubblicato da ricercatori dell'Università di Bologna nel 2011, mostra spiccate qualità protettive del sulforafano verso i condrociti, che risultano protetti da morte cellulare indotta in un gran numero di modi diversi (tutti comuni in determinate condizioni a livello microcellulare nel nostro corpo); l'effetto è evidente già a basse concentrazioni locali, del tutto compatibili con l'assunzione quotidiana di dosi "normali" del "Pesto di broccoli cotto" preparato secondo la ricetta del Dr. Greger vista sopra. Nell'articolo, che per ora non è disponibile gratuitamente per il download, si ipotizza l'utilità di un simile trattamento nei casi di Osteoartrite.

 

Fonte:

 

 

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

 

 

Ti va di aiutarmi a pagarmi le mie cure?
Lo stato ITALIANO non me le passa.

O faccio sorafenib che non mi da speranza di vita.

Oppure mi devo arrangiare.
Io ho deciso di arrangiarmi, i risultati li leggi in questo sito.

ho capito il mio cancro, questa partita la vinco io.
però mi devo pagare da solo i costi del mio protocollo
1.200 euro al mese....

Sto guarendo ma HO FINITO I SOLDI....

Se mi fai una piccola donazione, partecipi alla mia VITTORIA

se non la fai, va bene ugualmente,
leggiti le informazioni che trovi su questo sito

e fai in modo di non doverti mai trovare nella mia situazione...

Se come me decidi di salvarti la vita da solo...

Lo STATO ti volta le spalle, la SANITA' ti volta le spalle.

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More




CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 264

Privacy Policy