Beta carotene:

 

Introduzione

Il beta carotene appartiene alla categoria dei carotenoidi, pigmenti vegetali che rappresentano i precursori della vitamina A (retinolo); tuttavia, l'importanza nutrizionale del beta carotene non è soltanto quella di essere il precursore della suddetta vitamina. Tra le diverse centinaia di carotenoidi, infatti, il Beta carotene si è conquistato una sua vera e propria indipendenza, come vedremo nel corso di questo articolo dove si affronteranno le proprietà, gli effetti collaterali e la dose consigliata.

 

Curiosità.

L'etimologia del termine "carotene" è curiosa e ci ricollega alle carote.

Infatti, questa pro-vitamina fu chiamata così dallo scienziato Wackenroder, che riuscì ad isolare il composto, appunto, dalla radice della carota. Si è poi dovuto attendere fino al 1907 (Willstatter e Mieg) per chiarire la struttura del Beta carotene, sino al 1911 per il suo isolamento diretto dalle carote (Willstatter e Escher), e sino al 1950 per la sua sintesi chimica (Milas et Al.; Karrer e Euguster).

 

Fonti di beta carotene

I carotenoidi sono delle sostanze altamente pigmentate, il cui colore varia dal rosso all'arancione, liposolubili (non si solubilizzano nell'acqua) e sensibili alla luce e al calore; il beta carotene si trova in molti frutti, nei cereali, negli oli e nelle verdure a foglia verde, in patate dolci, zucca, spinaci, albicocche, peperoni... e naturalmente nelle carote.

 

Proprietà

Alfa e gamma-carotenoidi sono altre forme di pro-vitamina A, ma come anticipato il Beta carotene riveste sicuramente la maggior importanza nutrizionale, in quanto:

1) vanta proprietà antiossidanti, contrastando l'insorgere dei radicali liberi

2) è la fonte principale di vitamina A per i vegetariani: in caso di necessità, il beta carotene viene convertito dall'organismo in vitamina A, coinvolta in funzioni biologiche molto importanti (per esempio la sintesi di glicoproteine)

3) è convertito in retinolo (indispensabile per la visione), che a sua volta viene convertito in acido retinoico, essenziale per la crescita ed il differenziamento delle cellule: infatti, se non si forma vitamina A, l'organismo si trova in carenza, con la conseguente crescita anomala delle ossa, secchezza della cornea oculare (xeroftalemia) e disturbi della riproduzione.

4) La sua potenziale utilità contro la comparsa del cancro e malattie a carico dell'apparato cardiovascolare è in via di sperimentazione: per accertare questo possibile effetto si dovranno attendere studi più approfonditi.

Il beta carotene è presente in commercio all'interno di molte formulazioni di integratori; può essere prodotto in laboratorio, ma può derivare anche da alghe o funghi.

 

 

Studi sul Beta carotene

Dopo che il lavoro svolto da Moore (1957) portò la certezza che il carotene rappresenta il precursore della vitamina A, si è dovuto attendere sino alla fine del Novecento per apprendere, grazie a due scienziati, Garewal e Diplock, che il beta carotene si trasforma in vitamina A solo nel caso in cui l'organismo ne abbia effettivamente bisogno. Infatti, il beta carotene in eccesso si deposita sulla pelle, che appare di un colore giallo (da non confondersi con l'ittero): trattasi di una condizione reversibile, perché basta diminuire la dose assunta per far sì che l'"effetto carota" (carotenodermia o carotenosi) scompaia.

 

Intossicazione da beta carotene?

A parte questi episodi di carotenosi, si può affermare che un'intossicazione cronica di beta-carotene è assolutamente improbabile nel contesto di un'alimentazione corretta: tanto per fare un esempio pratico, una persona può tranquillamente assumere anche 20.000 UI di vitamina A derivata da carotenoidi, senza andare incontro a nessun pericolo.

Da considerare, però, che se le 20.000 UI di vitamina A derivano dal retinolo - che si trova ad alte dosi nel fegato bovino (30.000-50.000 UI per 100 g a seconda della cottura), nel burro, nella margarina (3.000 UI per 100 g), nelle uova (1.800 UI per 100 g) e nel formaggio grasso (1.000 UI per 100 g) - si possono riscontrare problemi nell'organismo, in quanto stiamo parlando di vitamina A immediatamente attiva e disponibile.

 

Dosaggi indicativi

Se la dose giornaliera consigliata di Beta-carotene va da 2 a 4 mg, nei fumatori l'integrazione - che in linea teorica è utile nel contrastare l'aumentato stress ossidativo legato all'abitudine tabagica - potrebbe, in realtà, essere controindicata: infatti, sono stati condotti degli studi sui fumatori che non assumevano supplementi di beta carotene confrontandoli con quelli che non li assumevano; a dispetto delle aspettative, si è registrata un'incidenza più elevata di cancro ai polmoni nel gruppo che assumeva l'integratore.

In altri studi, è stato provato che l'eccessiva supplementazione di beta carotene può aumentare il rischio di cancro alla prostata, ma non solo: problemi cardiovascolari ed emorragia intracerebrale sono possibili conseguenze di un eccesso di beta carotene nei fumatori e nelle persone che si sono esposte ad amianto.

 

Eccesso e carenza

Un altro possibile effetto collaterale derivante da un consumo eccessivo di Beta carotene è quello di bloccare la capacità di recupero di vitamine liposolubili dal fegato, come la vitamina D, impedendo la formazione di una riserva di queste vitamine: questo effetto collaterale può diventare particolarmente importante nei paesi lontani dall'Equatore, dove il deposito della vitamina D è fondamentale per fronteggiare la scarsità di luce invernale.

Non sono registrati sintomi da carenza di beta-carotene, salvo che non vi sia anche una sottostante carenza di retinolo; in tal caso i sintomi comprendono disturbi della visione, problemi cutanei e predisposizione alle infezioni.

Una generosa assunzione di beta carotene sarebbe opportuna nelle persone che si espongono al sole per lunghi periodi, negli anziani, contro la maculopatia senile, e in chi assume alcool, perché l'etanolo distrugge le riserve di vitamina A nel fegato. Visti i potenziali effetti collaterali, si consiglia, comunque, di consultare preventivamente il proprio medico prima di assumere integratori di beta-carotene. Per intenderci, 2 mg di beta carotene (dose giornaliera) sono contenuti in ognuna delle seguenti porzioni:

25 g di carote

40 g di bietole

45 g di formentino

50 g di spinaci

55 g di peperone rosso

65 g di mango

110 g di melone

130 g di albicocche

140 g di cachi

 

 

Effetti positivi del beta carotene

il beta-carotene sembra essere particolarmente efficace per le donne che sono ad alto rischio di ammalarsi di cancro al seno

-può prevenire le scottature solari nei soggetti con pelli sensibili
- Può prevenire bronchite e difficoltà respiratorie nei fumatori
- può potenzialmente ridurre il rischio di carcinoma ovarico nelle donne dopo la menopausa, anche so non ci sono ancora delle certezze può ridurre il rischio di morte associata alla gravidanza
- previene la cecità notturna
- può migliorare la leucoplachia orale
- può migliorare le prestazioni fisiche negli anziani

 

Considerazioni

Da quanto esposto nel corso dell'articolo, si evince per l'ennesima volta l'importanza di una corretta educazione alimentare, piuttosto che il ricorso smodato agli integratori, spinto dall'eccessivo entusiasmo verso tali pratiche. In effetti, se all'interno di una dieta equilibrata ed assunto attraverso gli alimenti che ne sono ricchi, il beta-carotene dimostra tutti i suoi potenziali benefici, l'isolamento di questa provitamina e la sua somministrazione ad alte dosi hanno spesso prodotto effetti contrari a quelli sperati, aumentando addirittura il rischio per lo sviluppo di patologie verso le quali si ipotizzava un'azione preventiva.

Da qui l'importanza di ottimizzare prima di tutto la propria alimentazione e lo stile di vita, per poi eventualmente consultare un medico od un esperto in nutrizione per accertare l'effettiva necessità di un apporto supplementare di beta-carotene od altri nutrienti.

 

Fonte: My-PersonalTriner.it

 

 

 

 

Ti va di aiutarmi a pagarmi le mie cure?
Lo stato ITALIANO non me le passa.

O faccio sorafenib che non mi da speranza di vita.

Oppure mi devo arrangiare.
Io ho deciso di arrangiarmi, i risultati li leggi in questo sito.

ho capito il mio cancro, questa partita la vinco io.
però mi devo pagare da solo i costi del mio protocollo
1.200 euro al mese....

Sto guarendo ma HO FINITO I SOLDI....

Se mi fai una piccola donazione, partecipi alla mia VITTORIA

se non la fai, va bene ugualmente,
leggiti le informazioni che trovi su questo sito

e fai in modo di non doverti mai trovare nella mia situazione...

Se come me decidi di salvarti la vita da solo...

Lo STATO ti volta le spalle, la SANITA' ti volta le spalle.

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More


Sostieni la mia mission

con un piccolo versamento ;-)







| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1266

Privacy Policy