Storia delle vitamine anticancro




 

E 'iniziato 30 anni fa con la vitamina A:

l'idea che alcuni tipi di cancro potrebbero essere causati da carenze vitaminiche.

Modelli sperimentali animali ci ha portato alla nozione che il rischio di cancro potrebbe essere "materialmente" ridotto del supplementazione con beta-carotene, un precursore retinolo .

Sebbene tale idea era seducente, eravamo tutti delusi quando due grandi studi randomizzati controllati che ha avuto inizio nel 1985 in Finlandia e negli Stati Uniti hanno registrato un aumento del 18% del rischio di cancro ai polmoni causato da alte dosi di supplementazione di beta-carotene e di un 28% maggiore del polmone rischio di cancro causato da una combinazione di beta-carotene e retinolo . La vitamina A era era finita.

 

 

Poi vennero le vitamine del gruppo B.

 

 

Ancora una volta, sulla base di evidenze sperimentali animali e supportato da evidenze epidemiologiche di collegamenti tra le diete a basso contenuto di vitamine del gruppo B e aumento del rischio di cancro, un ampio studio controllato randomizzato fu iniziata nel 1985 in Cina centrale, dove la carenza di micronutrienti era comune e dove i tassi di cancro del stomaco ed esofago erano straordinariamente elevato.

Tuttavia, diversi anni di supplementazione con una combinazione di riboflavina (vitamina B 2 ) e niacina (vitamina B 3 ) non ha avuto effetto sull'incidenza di tumori del tratto gastrointestinale superiore .

L'interesse per l'acido folico (vitamina B 9 ) persisteva, anche se, in parte a causa del suo effetto notevole sui difetti del tubo neurale nei nascituri, accoppiato con la speculazione su possibili benefici del cibo fortificazione per le malattie come il cancro del colon-retto che sono stati inversamente associati con le diete ricche di folati -contenenti alimenti e integratori. Prova Tuttavia, un anno 7 randomizzato e controllato ha scoperto che gli integratori di acido folico ad alte dosi in realtà aumentato rischio di adenomi colorettali . L'era della vitamina B era finita.

 

 

Poi venne la vitamina C, una carica popolare guidato da nientemeno che Linus Pauling, il 2 volte premio Nobel brillante e carismatica.

 

 

Di tutti i tumori che si pensa essere correlato a carenza di vitamina C, il cancro gastrico ha aperto la strada, e di tutti i luoghi sulla Terra dove un processo di correzione carenza di vitamina C può produrre benefici per il cancro gastrico, Linxian, la Cina, sarebbe il migliore. Infatti, la vitamina C è stato testato nello studio Linxian, ma proprio come per le vitamine B, la vitamina C non ha prodotto alcun cambiamento nei tassi di cancro gastrico .

 

 

Avanti, un po 'fuori ordine alfabetico, è venuto vitamina E.

 

 

Nel 1993, abbiamo lanciato a capofitto in una storia d'amore con la vitamina E alimentata da osservazioni interessanti che chi ha scelto di prendere integratori di vitamina E erano a basso rischio di malattie cardiache ( 7 , 8 ) .

Supplementazione di vitamina E è diventato di gran moda come sono stati montati diversi studi di grandi dimensioni, randomizzati e controllati. Quando tali risultati finalmente venuto in, i risultati sono stati deludenti: la supplementazione di vitamina E non ha offerto alcun beneficio per le malattie cardiache, ed è leggermente aumentata mortalità generale.

 

 

Nel frattempo, però, a causa di una osservazione secondario che l'incidenza del cancro della prostata è stata inferiore nel braccio vitamina E dello stesso processo finlandese che testato il beta-carotene (vitamina E era anche stato incluso come fattore) , una grande fattoriale prova di vitamina E (e selenio) è stata effettuata per ridurre l'incidenza del cancro della prostata. Delusione di nuovo: non vi è stato alcun effetto di una selenio o vitamina E sulla incidenza del cancro della prostata . L'era vitamina E finì in un gemito.

 

 

Ora è arrivato il turno della vitamina D

 

 

Oltre 2 anni di ricerca di un antitumorale della vitamina, sembrava saltare la vitamina D nella sua corretta sequenza alfabetica. Nel mio ruolo di membro del gruppo di esperti World Cancer Research Fund di esperti che ha esaminato la prova da commissionati meta-analisi della letteratura mondiale su epidemiologia nutrizionale, mi ricordo la sensazione preoccupazione come abbiamo finito il nostro lavoro che potremmo avere sottovalutato l'importanza della vitamina D perché la maggior parte delle prove disponibili in quel momento è stato derivato da studi ecologici .

Successivamente, l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha condotto una revisione globale delle prove per la vitamina D e la prevenzione del cancro, concludendo che la vitamina D può avere un ruolo protettivo nel cancro del colon-retto, ma non per il cancro alla prostata, e che l'evidenza è debole per il seno cancro ( 14 ).

La conclusione da parte della Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro per la debolezza delle prove per il cancro al seno è stata una fonte di polemiche tra i protagonisti di vitamina D, ma i successivi studi di coorte nidificate hanno trovato alcuna relazione tra il rischio di cancro al seno e di circolazione livelli di vitamina D.

Tuttavia, la vitamina D rimane la vitamina cancro-prevenzione du jour. Basta cercare la frase "la vitamina D e il cancro" su Internet per vedere quali tipi di informazioni e prodotti ora vengono commercializzati al pubblico.

 

La vitamina D è la nuova vitamina A, il nuovo acido folico, la nuova vitamina C, la nuova vitamina E.

 

Una serie eccezionale di documenti in questo numero del Journal of Epidemiology relazioni sui risultati sul rapporto tra livelli circolanti di vitamina D e conseguente rischio di cancro in una serie di studi di coorte combinati condotti negli Stati Uniti, Europa e Asia.

Questi studi non hanno trovato il suggerimento di una associazione inversa tra livelli di vitamina D nella circolazione e successiva incidenza di 6 tipi di tumori (del tratto gastrointestinale superiore, dell'ovaio, dell'endometrio, del pancreas, del rene e linfoma non-Hodgkin).

Anche se questi tumori sono caratterizzati come "raro", questa serie di siti di conti insieme per circa un quarto di tutti i decessi per cancro negli Stati Uniti.

Questi studi offrono una prova convincente contro l'ipotesi che i livelli circolanti di vitamina D sono rilevanti per il rischio di questi tumori. Questa nuova informazione è importante perché una Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro riesame aveva deciso che la prova era già insufficienti per trarre conclusioni su questi 6 sedi tumorali .

Ogni volta che si trovano risultati nulli, è importante considerare i soliti motivi sospetti, e di questi documenti gli autori hanno fatto un lavoro eccezionale di questo.

La dimensione di questa analisi globale è grande abbastanza per scontare preoccupazioni bassa potenza statistica; c'è un buon livello di coerenza interna delle associazioni precedentemente documentati tra i livelli di vitamina D e di fattori quali la stagionalità, la razza, il sesso, la dieta, l'attività fisica, e indice di massa corporea; non vi era variazione interindividuale sostanziale delle stesse coorti; e non sembrano essere confusione tra i fattori di confondimento o fattori potenzialmente nel percorso causale.

La questione se l'intervallo di tempo studiato era quella corretta rimane senza risposta, però. Se le associazioni ecologiche geografiche tra esposizione al sole e rischio di cancro sono, infatti, a causa di effetti cumulativi a lungo termine delle esposizioni di vitamina D per tutta la vita, quindi studi di coorte in età adulta non saranno pienamente informativo.

Tuttavia, è importante notare che questa possibilità ecologico a lungo termine non è coerente con l'altra osservazione ecologica della variazione stagionale dell'incidenza del cancro che viene spesso attribuito anche a livelli di vitamina D nella circolazione.

L'unica associazione osservata in questo set di 6 analisi è stato un dato preoccupante : il rischio di cancro al pancreas è stata raddoppiata per quelli nel quintile più alto dei livelli circolanti di vitamina D.

Questa osservazione è sconcertante sia perché il cancro del pancreas è la quarta causa di morte per cancro negli Stati Uniti e perché i sostenitori dell'ipotesi vitamina D sono ora sostenendo che elevando notevolmente le concentrazioni ematiche circolanti in tale intervallo dovrebbe essere un obiettivo politico nutrizionale per la popolazione generale.

Come sottolineato dal Dr. Helzlsouer in questo numero del Journal , molti processi in corso controllati e randomizzati stanno ora utilizzando piuttosto alte dosi di vitamina D. In attesa di prove più chiare dei benefici da questi studi, ci sarà anche bisogno di essere preparati essere vigili circa il loro potere individuale e collettivo per valutare eventuali danni potenziali

 

 

.È tempo per noi di riflettere ora sulla storia degli ultimi 25 anni del nostro approccio alfabetico per studiare singoli stati di carenza di vitamina come fattori causali per il cancro.

Abbiamo imparato alcune lezioni dure lungo la strada alfabetico. Ora sappiamo che i livelli supernutritionali di vitamine presi come integratori non emulano i vantaggi apparenti di diete ricche di cibi che contengono queste vitamine , e ora sappiamo che l'assunzione di vitamine in dosi supernutritionali può causare gravi danni.

 

In breve, abbiamo trovato che la realtà della biologia umana è molto più complessa di quanto suggerito dalle nostre idee semplici.

Infine, è importante riconoscere gli sforzi di molti vitamina D Pooling Progetto di tumori più rari collaboratori che ha effettuato una tale serie notevole di studi.

Come sottolineato dall'Istituto di Medicina, ora siamo in un'epoca di "big science", in cui risposte definitive alle grandi domande saranno sempre più richiederà sforzi enormi e collaborazioni su larga scala.

Effettuare questi tipi di collaborazioni richiede lungimiranza, abilità e pazienza. Collaborazioni su larga scala sono di fondamentale importanza, anche se, per la nostra migliore comprensione della vera natura dei determinanti della salute umana.

I problemi duali di tipo 1 e tipo 2 errori sono stati meglio esemplificato in epidemiologia genetica, ma falsa la scoperta è stato un problema in epidemiologia nutrizionale pure.

Anche se c'era coerenza nelle osservazioni nulli complessive attraverso la maggior parte delle coorti in questa analisi globale, c'era qualche variazione. E 'facile immaginare che, senza questa analisi collaborativa, ci potrebbe essere stato portato giù diversi vicoli ciechi derivate da analisi di vari sottogruppi e interazioni. Noi tutti dovremmo essere grati alla vitamina D Pooling Progetto di tumori più rari investigatori per averci salvati da anni di depistaggi, nonché per la loro visione e abilità nella realizzazione di questo straordinario progetto di collaborazione.

 

 

 

Tim Byers

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1061

Privacy Policy