Tumori, per non ammalarvi mangiate come i gorilla


 

La loro dieta è ricca di fitoestrogeni. L’esperta precisa: «Non esiste un cibo che da solo è in grado di prevenire i tumori ma bisogna seguire un corretto stile di vita»

 

Le abitudini alimentari dei gorilla e delle scimmie colobo potrebbero aiutarci a prevenire i tumori estrogeno-dipendenti, ovvero neoplasie come il cancro al seno o al colon retto.

È quanto emerge da una ricerca di un team dell’Università della California - Berkeley pubblicata sull’American Journal of Physical Anthropology.

Analizzando la dieta di questi primati, che mangiano grandi quantità di piante contenenti fitoestrogeni, quali soia e trifoglio rosso, gli studiosi si sarebbero infatti resi conto che il loro regime alimentare pare proteggerli da alcuni tipi di cancro.

 

 

 

LO STUDIO -

«I fito-estrogeni vegetali presenti in queste piante funzionano come l’ormone sessuale femminile – spiega Katharine Milton, ricercatrice presso l’ateneo californiano e primo autore dello studio -: gli estrogeni sono potenti sostanze chimiche, se produci in quantità eccessive possono interferire con la fisiologia riproduttiva ma nelle dosi giuste presentano effetti positivi».

Michael Wasserman della McGill University di Montreal, coinvolto nello studio, aggiunge:«I potenziali effetti sulla salute dei fito-estrogeni sono già stati studiati, ma nessuno ha verificato se oltre agli esseri umani vi fossero anche altri primati a preferire piante che contengono sostanze chimiche di questo tipo, come per esempio la soia e il trifoglio rosso.

Se così fosse - ha aggiunto - se ne potrebbe dedurre che esse presentano anche dei vantaggi evolutivi». Per questo i ricercatori hanno studiato le diete dei gorilla di montagna (Gorilla beringei) e rossi (colobi Procolobus rufomitratus) in un parco nazionale in Uganda, scoprendo che il 10,6 per cento delle piante presenti nella dieta dei primi e l’8,8 per cento della dieta dei secondi contengono fito-estrogeni. «Poichè abbiamo riscontrato in questi primati un’elevata capacità di distruggere i tumori legati alla presenza di estrogeni, pensiamo - ha concluso Milton – che le loro abitudini alimentari possano rappresentare un buon punto di partenza per sviluppare delle forme preventive di questo tipo di patologie».

 

 

«NON ESISTE “UN ELEMENTO MAGICO”-

«Questo studio conferma per i primati quanto già si era evidenziato in altri autorevoli studi sull’uomo – commenta Anna Villarini, biologa e nutrizionista dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano -.

Sappiamo che i fitoestrogeni, se assunti attraverso il cibo e non utilizzati come integratori, proteggono nei confronti del tumore della mammella e delle sue recidive.

È importante sapere però, che non esiste un cibo che da solo è in grado di prevenire i tumori né un nutriente che possa essere di per sé una panacea per la prevenzione.

Se si vuole ridurre il rischio di ammalarsi di tumore è necessario adottare corretti stili di vita, mangiare in maniera adeguata e ovviamente non fumare».

Quindi, primo: evitare sovrappeso e obesità, che si sono solidamente dimostrati associati ad un maggior rischio di cancro.

Le persone con un peso eccessivo si ammalano di più di tumore della mammella, dell’endometrio, del rene, dell’esofago, dell’intestino, del pancreas, e della cistifellea, specialmente se la massa grassa è concentrata a livello addominale.

Di qui l’importanza di mantenersi snelli per tutta la vita e di evitare il consumo frequente di cibi ricchi in grassi (come, ad esempio, i formaggi), i carboidrati raffinati (come, ad esempio, quelli che contengono farine 0 e 00) e in zuccheri (come le bevande zuccherate, che le linee guida internazionali consigliano di evitare). Questi alimenti, più di altri, favoriscono l’obesità.

 

 

NO ALLA VITA SEDENTARIA, SI A 5 PORZIONI DI FRUTTA E VERDURA AL GIORNO -

Secondo, la vita sedentaria è un’altra causa importante di obesità, ma è una causa di cancro anche indipendentemente dal peso: studi epidemiologici hanno evidenziato che le persone sedentarie si ammalano di più di cancro dell’intestino, della mammella, dell’endometrio. E, sembra, anche del pancreas e del polmone.

Per uscire dalla sedentarietà è sufficiente fare 30 minuti di camminata a passo veloce tutti i giorni (ma se ne può fare di può fare di più, la raccomandazione importante è farla tutti giorni) e limitare il tempo dedicato a guardare la tv o stare davanti al computer.

«Altri fattori che un gran numero di studi coerentemente indicano come cause di cancro – conclude Villarini - sono: il consumo elevato di bevande alcoliche, associato ai tumori del cavo orale, della faringe, della laringe, dell’intestino, del fegato e della mammella.

Il consumo di carni rosse e soprattutto di carni conservate (tipicamente i salumi), associato al cancro dell’intestino e dello stomaco».

Mentre gli alimenti vegetali appaiono come protettivi nei confronti delle patologie oncologiche.

 

Il Fondo Mondiale della Ricerca sul Cancro consiglia di consumare cereali integrali e legumi in ogni pasto assieme a 5 porzioni di verdura e frutta ogni giorno da cui sono però escluse le verdure amidacee come le patate. Le linee guida inoltre sottolineano l’importanza di variare molto nel consumo di cibi vegetali e di evitare invece l’utilizzo di supplementi alimentari (vitamine o minerali)».

 

Fonte: Corsera.it

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1130

Privacy Policy