Succo gastrico - Reflusso Gastrico



Il succo gastrico è un liquido semitrasparente ed ipotonico rispetto al plasma, fortemente acido ed inodore.

Come il nome stesso fa intuire, viene secreto dalla mucosa dello stomaco, in misura di un litro / un litro e mezzo al giorno.

Il succo gastrico è costituito da un insieme eterogeneo di sostanze, come acqua, acido cloridrico, bicarbonati, muco, sodio, potassio, fattore intrinseco ed enzimi digestivi come la pepsina, la lipasi gastrica, la gelatinasi e la rennina.

Acido cloridrico: è presente nel succo gastrico in concentrazioni molto elevate, tali da rendere l'ambiente particolarmente acido (pH 1,5/3). La sua presenza facilità l'azione della pepsina, mentre ostacola l'amilasi salivare (ptialina) fino ad inibirla. L'acido cloridrico è inoltre dotato di un prezioso effetto antimicrobico.

Muco ed ioni bicarbonato: proteggono la mucosa dello stomaco dalla forte acidità dei succhi gastrici.

Pepsina: secreta come precursore inattivo, il pepsinogeno, interviene nella digestione delle proteine. L'attivazione del pepsinogeno (o meglio dei pepsinogeni) è affidata agli idrogenioni (H+) dell'acido cloridrico ed alla pepsina neoformata.

Lipasi gastrica: enzima destinato alla digestione dei lipidi alimentari, ma che presenta una bassa attività a causa delle condizioni ambientali in cui è costretto ad operare.

Gelatinasi: è un enzima proteolitico con azione rivolta prevalentemente all'idrolisi della gelatina.

Rennina: tipica del lattante, fa coagulare le proteine del latte facilitando l'azione della pepsina. Fattore intrinseco: glicoproteina fondamentale per il corretto assorbimento della vitamina B12, che avviene nel tratto finale dell'intestino tenue (chiamato ileo).

 

 

Il lavoro chimico del succo gastrico è facilitato dall'attività contrattile della tonaca muscolare dello stomaco, che provoca un continuo rimescolamento del cibo ingerito, promuovendo l'azione degli enzimi.

I vari componenti del succo gastrico non vengono secreti tutti insieme, ma la loro sintesi è affidata a cellule specializzate:

- le cellule principali o peptiche sono deputate alla secrezione di pepsinogeno e lipasi gastrica;

- le cellule parietali (ossintiche) secernono acido cloridrico e fattore intrinseco;

- le cellule mucose del colletto secernono mucina (la proteina più importante del muco) e bicarbonato.

 

Quando la concentrazione di acido cloridrico nei succhi gastrici è scarsa o addirittura assente (ipocloridria/acloridria), l'organismo è soggetto ad un aumentato rischio di infezioni del tratto gastro-intestinale; spesso si assiste anche ad una carenza di vitamina B12, per mancata secrezione di fattore intrinseco, e alla comparsa di dispepsia (digestione difficile), con sintomi simili a quelli provocati dalla malattia da reflusso.

Quando invece i succhi gastrici sono eccessivamente acidi, come avviene nella sindrome di Zollinger-Ellison, le difese della mucosa gastrica possono essere sopraffatte, con comparsa di ulcere gastriche.

 

 

Il medesimo risultato si può avere anche in pazienti perfettamente sani, con normale acidità del succo gastrico, ma che fanno largo uso di alcuni farmaci antinfiammatori non steroidei (come l'aspirina, il ketoprofene, l'indometacina ed il piroxicam). Questi medicinali, infatti, diminuiscono le naturali difese dello stomaco nei confronti dei succhi gastrici, aumentando la suscettibilità ai fenomeni gastrolesivi.

 

Fonte: MyPersonalTriner

 

 

 

Reflusso gastrico: disturbo causato dalla risalita di succhi gastrici dallo stomaco

 

Il reflusso gastrico è un disturbo dell’esofago, ed è dovuto al malfunzionamento di una valvola posta tra l’esofago e lo stomaco.

Il cibo ingerito, infatti, passa dall’esofago allo stomaco attraverso una valvola che si chiude dopo il passaggio del cibo; se la valvola non si chiude bene, il cibo ingerito può tornare indietro causando il reflusso gastrico, ossia cibo e succhi gastrici che ritornano nell’esofago.

Dal momento che nello stomaco sono presenti i succhi gastrici per la digestione, il materiale che risale dallo stomaco irrita l’esofago causando i sintomi del reflusso. Sintomi tipici e atipici. I sintomi del reflusso sono: dolore gastrico, bruciore di stomaco, rigurgito, difficoltà a deglutire, salivazione eccessiva e tosse cronica. Oltre a questi, spesso sono presenti anche sintomi meno comuni del reflusso gastrico, detti atipici: dolore toracico, odinofagia (dolore percepito quando si deglutisce), sintomi respiratori (asma, bronchite e tosse cronica), sintomi otorinolaringoiatrici (laringiti, raucedini, gengiviti, alitosi e carie).

Appena compaiono i sintomi del reflusso gastrico occorre rivolgersi al proprio medico, che saprà consigliare la cura più adatta ad ogni caso. Esistono, infatti, vari tipi di reflusso gastrico. Il reflusso può essere un disturbo passeggero, si può avere con o senza infiammazioni all’esofago e può anche diventare una vera e propria malattia. Nei casi più leggeri, basta seguire alcune regole, curare l'alimentazione, smettere di fumare e cambiare alcune abitudini di vita.

 

 

Fonte: - Enciclopedia Treccani (Novecento) - Ist. della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani Ed. 1990 - Autori e riferimenti scientifici: - Enciclopedia della Medicina - DeAgostini Ed. 2010 - Autori e riferimenti scientifici: - L'Universale della Medicina - Garzanti Ed. 1995 - Autori e riferimenti scientifici:

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More




CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



 

| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 4553

Privacy Policy