Pleurotus Ostreatus - Storia - Proprietà


 

Il Pleurotus Ostreatus è un fungo comune che si trova in diverse aree geografiche del mondo ed è di facile coltivazione, si sviluppa in autunno e in inverno nelle regioni settentrionali con clima temperato.

E' un fungo parassita e saprofita, cresce organizzato in gruppi o in file sui ceppi o sui tronchi, sia vivi che morti in particolar modo di salici, pioppi e latifoglie.

Ha un cappello carnoso, che può raggiungrre il diametro di 20-25 cm, il suo colore oscilla dal bruno-violaceo al rossiccio e al grigio, la sua superfice è liscia, ma dopo la pioggia e l'umidità diventa viscida.

Il gambo, quando è presente, è bianco generalmente molto corto e decentrato rispetto al cappello.

il Pleurotus Ostreatus, è un fungo dalle elevate proprieta nutritive, infatti durante la seconda guerra mondiale veniva coltivato per fronteggiare la neccesità di cibo della popolazione tedesca: il suo valore nutrizionale è considerevole: 100 gr del fungo forniscono 38 calorie e contengono il 15/25% di proteine, 2,2 gr di grassi, 6,5 gr di carboidrati e 2,8 gr di fibre.

 

 

Proprietà del Pleurotus Ostreatus

Le proprietà e virtù di questo fungo sono note da diversop tempo, in lingua cinese il suo nome è Ping gu, che significa "fungo piatto",nella cucina orientale come in quella occidentale il Pleurotus è considerato un ingrediente prelibato, la sua polpa bianca e compatta è molto apprezzata.

Per il consumo alimentare, in genere vengono scelti esemplari giovani e teneri, in quanto con l'invecchiamento il pleurotus diventa più legnoso e accumula tossine che possono arrecare leggeri disturbi intestinali.

 

 

Nella medicina tradizionale cinese

il Pleurotus Ostreatus è considerato utile particolarmente contro il freddo e per sbloccare l'energia rallentata dalle temperature rigide, per questa sua proprietà, in Cina è ancora usato come rilassante di muscoli e tendini, per curare contratture oltre che dolori muscolari in genere e il mal di schiena.

 

Il suo notevole contenuto proteico si può paragonare a quello dei legumi, e apporta tutti gli amminoacidi essenziali, tranne il triptofano; contiene vitamine del gruppo B, tra cui B1 (tiamina), B2 (riboflavina) e B3 (niacina) nonchè vitamina D, in esso è presente un notevole contenuto di acido folico, utile per contrastare l'anemia, ed è molto ricco di niacina.

 

Nel Pleurotus troviamo anche sali minerali, tra cui fosforo, ferro, calcio, magnesio, rame, manganese, potassio e zinco. La presenza di minerali in questo fungo è superiore a quella che si può trovare in diverse carni di uso comune come maiale o pollo; è ricco di fibre alimentari e povero di grassi, i quali sono in gran parte insaturi.

 

 

Pleurotus e salute

Il Pleurotus Ostreatus incide positivamente sul profilo lipidico del sangue, grazie all'elevato contenuto di fibre e di sostanze naturali (come la lovastatina), che influenzano la produzione di colesterolo;

il suo consumo può essere utile a contrastare e trattare diversi disturbi: protegge il fegato, come già detto regola il livello di colesterolo, combatte i problemi renali, riduce il rischio di diabete, di ipertensione, di malattie cardiache, combatte astenia cronica e le infezioni, in quanto questo fungo contiene compomenti in grado di sviluppare effetti immunomodulanti, di svolgere un'attività antibatterica, antivirale e antinfiammatoria.

Tra i principi bioattivi di cui è ricco il pleurotus ricordiamo anche i betaglucani, vari enzimi, acido palmitico e linoeico otre a numerose sostanze con proprietà antiossidanti.

Le fibre alimentari rendono il Pleurotus un ottimo prebiotico, in quanto non vengono assorbite dall'organismo ma sono molto utili per agevolare l'attività intestinale e la flora batterica che vi risiede, i prebiotici in particolar modo sostengono la corretta crescita dei lactobatteri che si trovano nell'intestino.

Le fibre hanno interessanti proprietà nutrizionali in particolare per le persone che soffrono di diabete, sindrome metabolica, acidosi e obesità , perchè aiutano a regolare la glicemia, e il livello di acidità del corpo, aiutando a ridurre l'assorbimento e l'assimilazione intestinale di zuccheri e grassi.

 

 

 

Pleurotus e metabolismo dei grassi

La Lovastatina è una statina naturale scoperta nel 1970, poi utilizzata come farmaco utile per ridurre il colesterolo "cattivo" LDL.

Questa sostanza è presente nel micelio del Pleurotus e in alcune parti del fungo adulto; riduce sensibilmente la sintesi delle Lipoproteine LDL, che condizionano i livelli di colesterolo, e favorisce la diminuzione dell'assorbimento dello stesso,e la sua eliminazione attraverso gli acidi biliari.

Le vitamine del gruppo B, di cui è ricco il Pleurotus, hanno un ruolo fondamentale per il normale funzionamento del Sistema Nervoso, oltre che per l'assimilazione dei nutrienti, rivelandosi molto utili per l'integrità di pelle e capelli, occhi e fegato.

Regolano la conversione dei carboidrati in glucosio e sono fondamentali per il metabolismo dei lipidi e delle proteine.

 

 

Il Pleurotus contiene anche vitamina C e vitamina PP; contrasta l'invecchiamento, cura la pelle, disintossica l'organismo e rinforza le difese immunitarie, favorisce inoltre l'azione delle vitamine A ed E , dell'Acido Folico e della Tiamina. Il consumo di questo fungo, grazie alla presenza di Acido Nicotinico, stimola anche la produzione di enzimi antiossidanti, che hanno benefico effetto di difesa dai danni prodotti da radicali liberi, e in particolare aiutano a proteggere il fegato.

 

 

Estratto dal libro sotto ...

 

Stefania Cazzavillan
Funghi Medicinali - Dalla Tradizione alla Scienza

Editore: Nuova Ipsa Editore
Data pubblicazione: Settembre 2011
Formato: Libro - Pag 336 - 16,5X23,5


leggi recensione

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 55

Privacy Policy