VOLETE DISINTOSSICARVI? IL KUDZU E' PER VOI!


 

 

Il kudzu è una pianta curiosa originaria di Estremo Oriente.

È utilizzata da migliaia di anni nella medicina cinese per occuparsi delle dipendenze, di emicrania, diarrea, vomito, ipertensione, acufeni, ecc. Oggi, il kudzu è soprattutto utilizzato per aiutare superare la dipendenza da tutte “le droghe„ del quotidiano: alcool, tabacco, zucchero, ecc.

Il kudzu appartiene alla famiglia delle fabaceae, come il fagiolo, il pisello, la lenticchia, l'arachide, la soia, la liquirizia, e i“glicini„ . Del resto, i fiori porpora del kudzu scaturiscono in mazzi come i fiori del glicine.

La storia del kudzu comincia in Cina, in Giappone, in Corea, a Taiwan, nelle Filippine, Vietnam e Malesia, nell'Indonesia ed in Nuova Caledonia .

In seguito, fin dal XIX secolo, il kudzu è stato introdotto negli Stati Uniti:

Nel 1876, in occasione del centenario della nascita degli Stati Uniti, il padiglione giapponese a Filadelfia consisteva in un giardino splendido esotico. Gli americani furono conquistati dal kudzu, dal profumo zuccherato e dalle foglie ampie e carnose . Immediatamente, i giardinieri americani iniziarono a utilizzarlo come pianta decorativa.

Negli anni 1920, una coppia di giardinieri, in Florida, si mise a commercializzare il kudzu come pianta foraggera, molto apprezzata dalle capre. Più tardi, durante la grande depressione degli anni 1930, l'Ufficio Federale per la Preservazione del Suolo ordinò di piantare del kudzu in massa per impedire i fenomeni erosivi del terreno.

Nell’ambito del programma di rilancio economico, si offrirono salari allettanti ai giovani disoccupati che fossero andati a piantare del kudzu attraverso tutto il sud degli Stati Uniti, in particolare in Georgia.

 

 

Un disintosicante„ potente

 

Dal cinese, kudzu si traduce come “eliminatore di intossicazione

Il dott. David Lee aveva già osservato che i cinesi del nord bevevano tisana di kudzu per far passare la sbronza e la bocca impastata dopo una bevuta esuberante.

Nel 1991, il dott. David Lee condusse uno studio in Cina, all'università di Shin-Yanget.

Provò gli effetti di una tisana di kudzu su ratti di laboratorio ai quali si era fatto assumere dell'alcool. Il coordinamento motorio dei ratti risultò migliorato. Sembravano meno intossicati . Altre esperienze hanno segnalato che gli animali non sembravano sviluppare un'assuefazione al kudzu .

 

 

L'anno successivo, il dott. David Lee suggerì ai ricercatori del centro Bowles di studi sull'alcool, nella Carolina del Nord, uno studio supplementare: osservare se il kudzu aiutasse a separare i ratti che hanno geneticamente tendenza a gradire l'alcool. I ricercatori si accorsero che somministrare kudzu ai ratti “alcolisti„ calmava la loro tendenza a bere.

Nel 2011, dopo questi risultati incoraggianti, ricercatori dell'università di Harvard provarono l'efficacia del kudzu contro placebo in un gruppo di uomini e di donne che bevevano regolarmente 3 o 4 pinte di birra al giorno . Scoprirono due fenomeni interessanti:

1. I soggetti che avevano preso kudzu avevano chiaramente meno voglia d'alcool di quelli che avevano ricevuto placebo;

2. I soggetti pretrattati con kudzu avvertivano più rapidamente gli effetti dell'alcool.

Di conseguenza, avevano bisogno di bere meno per raggiungere un livello di felicità equivalente.

Non esistono purtroppo molti altri studi sull'efficacia del kudzu nello svezzamento da alcool. Tuttavia, numerosi consumatori di kudzu hanno ottenuto risultati molto convincenti. A tal punto che il kudzu ormai è preso in considerazione in tutti i tipi di dipendenza: alcool, tabacco, droghe, medicine, caffè, cioccolato, lavoro, sport.

 

 

Il kudzu può agire in tutti i casi di stress acuto legato alle dipendenze e aiutare lo svezzamento. Si trovano numerose testimonianze su Internet, come quella di Laurence, ex-fumatrice : “Per me, il kudzu, funziona meglio del cerotto di nicotina. Ho fumato soltanto due sigarette da allora e non ho mai avuto voglia di ricominciare. Il loro gusto era cambiato.„ Nonostante l'assenza di vaste prove cliniche, i ricercatori sono riusciti a comprendere perché il kudzu risulta efficace.

 

Le sostanze attive del kudzu

 

Le radici del kudzu sono ricche di isoflavoni della famiglia dei flavonoidi: vi si trova la daidzeina, riconosciuta come agente anti-infiammatorio ed antimicrobico. La daidzeina agisce anche contro il cancro.

La genisteina che è un agente anti-leucemico. Ma soprattutto, il kudzu costituisce la sola fonte di puerarina - del resto il nome latino del kudzu è pueraria

Tutti questi isoflavoni sono antiossidanti e permettono di ridurre i danni legati all'alcool. Gli studi condotti hanno dimostrato che questi isoflavoni stimolano “gli oppioidi„ naturali del cervello . Agiscono sui neurotrasmettitori, come la serotonina, il GABA ed il glutammato.

I fattori correnti di dipendenza (alcool, tabacco, droghe, ma anche zuccheri…) comportano distensione e benessere. Ciò avviene attraverso un aumento della produzione di dopamina nel vostro cervello.

Gli isoflavoni del kudzu :

- permettono di alleviare la dipendenza.
- Intervengono nel sistema della ricompensa.
- Stimolano la produzione di dopamina al posto della vostra “droga„ favorita.

Siete allora più rilassati, e la vostra attenzione si devia dell'oggetto della vostra dipendenza. Non considerate più la necessità di prendere un altro bicchiere di vino o alcol, un'altra sigaretta o un ennesimo quadratino di cioccolato o un dolce.

Il kudzu riesce a compensare il piacere che vi procura la vostra “droga„ abituale e permette di ridurre la vostra dipendenza.

Tutto questo senza che il kudzu sia a sua volta un oggetto di dipendenza. Inoltre, numerose prove cliniche hanno confermato la sua innocuità.

Gli isoflavoni, tuttavia, sono sconsigliati in caso di cancro della mammella.

Grazie al kudzu, potete gradualmente sostituire la vostra “droga„ e abituare delicatamente il vostro cervello a ricevere impulsi da dopamine meno forti. Il kudzu contiene anche dei saponosidi che prevengono le lesioni cellulari e proteggono il vostro fegato.

Al di là dell’utilizzo del kudzu nelle cure contro le dipendenze, il kudzu è considerato efficace contro lo stress in generale. Crea sollievo, cosa che facilita il sonno. È anche utilizzato per facilitare la digestione ed il transito intestinale.

 

Quale parte del kudzu è più efficace?
Gli isoflavoni che aiutano al superamento delle dipendenze si trovano nella radice kudzu. Una volta schiacciata, la radice di kudzu può essere messa in capsule per facilitare il suo assorbimento.

 

 


Fonte: MedicinaFunzionale

Riferimenti :
[1] http://fr.wikipedia.org/wiki/Pueraria_montana
[2] http://maxshores.com/the-amazing-story-of-kudzu/
[3] Spivey, Angela. Sobering effects from the lowly kudzu. Endeavor Magazine (April, 1996) University of North Carolina at Chapel Hill.
[4]http://www2.potsdam.edu/alcohol/HealthIssues/1127332920.html#.U7UQ3bHHDe_
[5] D. Penetar et al., http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3074930/, Alcohol Clin Exp Res. Apr 2011; 35(4): 726–734,
[6]http://www.naturamundi.com/skin/frontend/natura/default/images/content/dependance.pdf
[7] http://rue89.nouvelobs.com/on-vous-enfume/2010/09/22/alcool-stress-et-tabac-le-kudzu-est-il-vraiment-un-remede-a-tout-166071
[8] http://arreter-de-fumer.umanlife.com/umanlife-le-kuzu-pour-arrter-le-tabac
[9] http://www.complements-alimentaires.co/kudzu/
[10]http://www.passeportsante.net/fr/Solutions/PlantesSupplements/Fiche.aspx?doc=kuzu

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 4391

Privacy Policy