Ionizzatire dell'Aria


 

Uno ione è un atomo cui sono stati strappati o aggiunti uno o più elettroni.

Nel secondo caso, si ha uno ione negativo.

Quando si parla di ioni in relazione all’aria, in particolare, ci si riferisce a ioni ossigeno negativi. Poiché i raggi solari ultravioletti e i fulmini ionizzano gli atomi di ossigeno, l’aria aperta contiene una quantità di ioni negativi variabile fra i mille e i 4 mila per centimetro cubo.

Lo ionizzatore in sé è un circuito elettrico che mette a contatto gli atomi dell’atmosfera con un’altissima tensione (circa 10-15 mila volt). L’aria che esce dallo ionizzatore è quindi ricca di ioni.

Ionizzare l’aria di un ambiente contribuisce a renderla più pulita: gli ioni negativi, infatti, si legano alle particelle in sospensione nell’aria (polveri, aromi, fumo, pollini e batteri) e le caricano elettrostaticamente. Di conseguenza la polvere tenderà a legarsi alle superfici che incontra (le pareti della stanza, per esempio) anziché svolazzare. In teoria le persone allergiche dovrebbero risentire un netto beneficio dall’utilizzo di uno ionizzatore, ma non tutte le ricerche al riguardo sono concordi.

fonte: focus

 

 

 

 

Lo ionizzatore è un apparecchio che applica alta tensione a uno o più aghi che fungono da emettitori, per caricare elettricamente (ionizzare) le molecole dei gas che costituiscono l'aria. Il capo opposto della tensione è collegato a terra.

La maggior parte degli ionizzatori in commercio è progettata per produrre ioni negativi (anioni), ma è anche possibile produrre ioni positivi (cationi). Nel primo caso, gli emettitori prelevano elettroni da terra e li trasferiscono alle molecole dell'aria circostante; nel secondo caso sottraggono elettroni dalle molecole dell'aria e li scaricano a terra.

In entrambi i casi, le molecole acquisiscono una carica dello stesso segno di quella presente sugli emettitori e ne sono quindi respinte. Questo è verificabile ponendo una mano a pochi centimetri di distanza da uno ionizzatore si può avvertire un flusso d'aria provenire dagli aghi emettitori. Si tratta di un flusso d'aria dovuto alle molecole caricate elettricamente (ioni) che, per il fenomeno della repulsione elettrostatica Coulombiana, si allontanano dagli aghi (la cui carica ha lo stesso segno) producendo una sorta di leggera brezza.

fonte: wikipedia

 

 

Gli Anioni: corretto utilizzo dello ionizzatore e benefici

Gli Ioni negativi (anioni) sono molecole che hanno catturato un elettrone. si formano in natura come conseguenza di molti fenomeni: per frizione fra stati diversi di aria, generando cariche elettrostatiche, durante i temporali, vicino alle cascate ecc... In condizioni naturali, la presenza di ioni positivi e di ioni negativi é analoga. Questa proporzione é peró variabile in funzione dei luoghi e degli ambienti. Se ricordiamo il nostro stato generale prima e dopo un temporale non ci é difficile associare che il malessere e la pesantezza che proviamo prima é associato alla alta percentuale di ioni positivi, e la leggerezza e la vitalitá che proviamo dopo é associata alla elevata percentuale di ioni negativi. L'effetto primario degli ioni negativi é quello di eliminare fumi, polveri ed eventuali sostanze tossiche che inquinano l'aria.

 

Quando le particelle inquinanti entrano in contatto con gli ioni negativi si caricano fino ad essere attratte da qualsiasi superficie di carica neutra od opposta. La qualità dell'aria che respiriamo dipende dalla quantità di anioni di ossigeno presenti in essa. L'azione di questi anioni è quella di neutralizzare tutti gli agenti inquinanti che sono presenti nell'aria come batteri, virus, acari, polline, spore, polveri varie, cattivi odori, fumo di sigarette, gas di scarico, ecc. che sono causa di svariate malattie respiratorie e di allergie.

 

Concentrazione media di anioni (segno meno) in un metro cubo di aria:

· Alta montagna 1 miliardo
· Collina 200 milioni
· Città pulite 80 milioni
· Città inquinate 20 milioni
· Luoghi chiusi (casa, ufficio, negozio, ecc.) 5 milioni

 

In natura gli anioni sono presenti nell'aria attraverso l'azione dei raggi ultravioletti del sole, la clorofilla delle piante e soprattutto sono prodotti dalle scariche elettriche dei fulmini durante i temporali.

Quando diciamo che l'aria che respiriamo in alta montagna ci sembra migliore di quella che respiriamo in città, diciamo il vero, in quanto l'ossigeno che respiriamo in alta montagna è più ricco di anioni. Due sono i fattori che incidono sulla quantità di anioni presenti nell'aria: - il primo è dovuto alla loro neutralizzazione che si determina nel momento in cui vengono a contatto con le sostanze inquinanti; - il secondo fattore è dovuto al fatto che il pulviscolo inquinante si concentra maggiormente sotto i 700-800 metri di altitudine per azione della pressione atmosferica e della gravità terrestre.

Tutte le particelle sotto i 6 micron formano la cosiddetta frazione respirabile delle polveri, in grado di penetrare in profondità nell’apparato respiratorio. Anche gli ioni più grossi sono enormemente più piccoli di 6 micron (siamo nell’ordine dei milionesimi di millimetro, anziché dei millesimi), quindi tutti gli ioni sono potenzialmente in grado di raggiungere gli alveoli polmonari.

Il problema è un altro: gli ioni gassosi respirati, come tali, hanno una vita brevissima, e cedono la loro carica elettrica alle particelle con cui entrano in collisione, ionizzandole, aggregandole tra loro e facendole precipitare più o meno profondamente sulle superfici del sistema respiratorio, a seconda della massa dell’aggregato che si forma (più è grosso, prima precipita). Il risultato è che, grandi o piccoli che siano, gli ioni vengono tutti consumati in questo processo di precipitazione delle particelle. Infatti e’ proprio così che funzionano i filtri elettrostatici: l’aria viene fatta passare in una barriera di ionizzazione, dove gli ioni caricano elettrostaticamente le polveri e le fanno precipitare. All’uscita del filtro, l’aria si trova priva di particelle ma anche di ioni, in condizioni di neutralità elettrica. Per questo motivo, se l’aria non è più che pulita, di di ioni a livello alveolare non ne arrivano… né grandi, né piccoli.

La ionizzazione dell’aria ed i suoi effetti fanno parte dei fenomeni fisici. Ecco una semplice soluzione utilizzare lo ionizzatore e pulire l'aria dalle micro polveri: durante il funzionamentoa appoggiare lo ionizzatore su un foglio di alluminio per alimenti (tipo domopack alluminio), più grande dell’apparecchio almeno una decina di centimetri per lato (un po’ di più sul lato dove sono presenti gli aghetti, circa una quindicina di centimetri). Il foglio deve essere messo “a terra” (niente collegamenti elettrici, è sufficiente che sia appoggiato su un mobile o un tavolo in legno o metallo (no plastica o vetro, no piedini in gomma) a sua volta appoggiato su un pavimento in piastrelle (no tappeti o moquette).

Il foglio si sporcherà in modo notevolissimo in un tempo più o meno lungo a seconda della quantità di polveri che c’è nell’aria. Quando il foglio sarà completamente annerito, appallottolarlo e buttarlo nella pattumiera, sostituendolo con uno nuovo. In questo modo, le particelle elettrizzate non andranno più in giro ma precipiteranno sul foglio. Quando l’aria sarà abbastanza ripulita, gli ioni non saranno più consumati dalla precipitazione delle polveri e saranno liberi di diffondersi nell’aria dell’ambiente, e si potrà quindi goderne gli indubbi benefici senza rischi.

 

fonte: salbos.it

 

 

La carenza di anioni nell'aria predispone l'organismo all'insorgenza di patologie: rinite, enfisema, asma, affezioni respiratorie, allergie varie, etc.

Numerosi studi dimostrano come alla carenza di anioni il nostro organismo reagisca producendo una minor quantità di serotonina e la carenza di questo neurotrasmettitore provoca molti disturbi: irritabilità, svogliatezza, scarsa concentrazione, depressione, ipertensione, insonnia, etc.

 

Al contrario, quando la concentrazione di anioni risulta superiore a quella che la natura è in grado di fornirci, si hanno nell'organismo una serie di benefici:

- rallentamento del processo d'invecchiamento delle cellule
- aumento della concentrazione mentale
- eliminazione dello stato depressivo, d'irritabilità, dell'insonnia
- miglioramento del sistema immunitario
- riduzione degli attacchi di asma, della tendenza al raffreddore e all'influenza
- riduzione drastica delle allergie respiratorie, etc.

Per ottenere i benefici sopracitati ed eliminare dall'ambiente, dove si soggiorna abitualmente, tutti gli agenti inquinanti presenti nell'aria e ripristinare la quantità ottimale di anioni, risulta efficace l'uso di ionizzatori. Gli ionizzatori d'aria ad alta frequenza sono apparecchi in grado di emettere milioni di anioni al secondo (in base alla loro potenza) che rendono l'aria pulita e ionizzata come in alta montagna.

 

fonte: sico-teck

 

 

fonte: mistersconto

 

 

Le molecole dell'acqua hanno una leggera tendenza a ionizzarsi dando ioni H+ e OH- secondo la reazione

H2O + H2O « H3O+ + OH-.

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 264

Privacy Policy