Funghi storia e testimonianze


 

Funghi storia e testimonianze

I funghi hanno una storia antichissima, sono sempre stati considerati dotati di poteri misteriosi e magici.

In Europa, durante il periodo del Medioevo, erano spesso associati a spiriti maligni e a folletti, questo, probabilmente a causa delle loro forme stravaganti e forse anche per il fatto che alcuni di loro dietro colori accattivanti celavano potenzialità letali.

La storia del loro uso medicinale risale ad almeno 5000 anni fa, anche se è arduo documentarlo, sicuramente le proprietà terapeutiche dei funghi erano note ai nostri antenati preistorici, conseguentemente la suddivisione tra funghi "buoni" e quelli "cattivi" è più antica di quanto siamo riusciti a catalogare dalle fonti a noi note.

Fin da tempi remoti, i funghi con le loro misteriose qualità hanno suscitato l'interesse degli uomini, che ne hanno scoperto benefici e pericolosità, e li hanno usati per estrarne pigmenti, per farne accessori e tanti altri usi, oltre che come alimento e come medicinale.

Le più antiche tracce di questa conoscenza risalgono a 9000 anni fa, si trovano nel deserto del Sahara, e ritraggono un tipo di Amanita, un fungo allucinogeno, che probabilmente secondo gli archeologi, poteva essere correlato con qualche rituale religioso o forse con un ipotetico culto del fungo allucinogeno.

Durante il Paleolitico infatti, l'uso di funghi allucinogeni, era comune nei riti religiosi e sciamanici.

Tracce certe dell'uso terapeutico di questi organismi, risalgono a circa 5300 anni fa; conferma di ciò si ebbe nel 1991 quando sulle Alpi Tirolesi venne rinvenuto il cadavere mumificato di un uomo vissuto alla fine del quarto millennio prima di Cristo, poi ribatezzato Otzi.

In un sacchetto legato alla cintola, l'uomo aveva due funghi essiccati del genere Piptoporus Betulinus, ricchi di sostanze antibiotiche, e, un'altro fungo della specie Fomes Fomentarius, che usava come esca per accendere il fuoco.

Altre testimonianze del rapporto tra funghi e uomo arrivano dall'Antico Egitto, dove essi erano considerati "figli degli dei" giunti sulla terra attraverso i fulmini, erano quindi considerati sacri e solo i Faraoni potevano consumarli, in quanto erano ritenuti anche erbe dell'immortalità.

Greci e Romani pur facendone largo uso alimentare non ne compresero a pieno le qualità, secondo la mitologia greca da un fungo ebbe origine la città di Micene (da mykes fungo in greco).

Nel Medioevo si credeva che fossero tuoni e fulmini a fare spuntare funghi, e, in Europa erano considerati ingrediente fondamentale per lanciare incantesimi e nella preparazione di pozioni magiche; la tradizione popolare sconsigliava di entrare nei cerchi formati da funghi nei boschi, in quanto sosteneva che erano opera delle streghe:

in realtà questa forma è dovuta al micelio dei funghi che può svilupparsi in maniera circolare.

Alcuni funghi hanno proprietà allucinogene, dovute a due sostanze in essi contenute, la psilocibina e la psilocina.

In molte zone del Guatemala e del Messico sono state trovate "pietre-fungo" e alcune sculture che ritraevano funghi allucinogeni considerati sacri.

Anche i Maya e gli Atzechi facevano uso di funghi allucinegeni, li chiamavano "carne degli dei" e li consumavano gli sciamani, poichè li mettevano in condizione di comunicare con il divino attraverso le visioni provocate.

L'Amanita musicaria è il fungo bianco e rosso, tipico dell'immaginario fiabesco dell'Europa, e probabilmente deve la sua notorietà alle antiche pratiche sciamaniche delle popolazioni nordiche; l'uso rituale di questo fungo è documentato in queste zone fin dalla preistoria da alcune incisioni rupestri e i popoli nomadi della tundra li usano tuttora per darsi vigore durante gli spostamenti.

 

 

Si sottolinea infine che l'azione dei betaglucani è potenziata se,
contemporaneamente ai funghi si assumono anche alimenti ricchi di vitamina C.

 

 

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1242

Privacy Policy