Ftalati nei cibi, torna l’allarme: dove sono e come evitarli




 

Fa discutere la presenza di ftalati nei cibi, riguardo ai quali c’è un vero e proprio allarme.

E’ importante sapere dove sono e come evitarli, anche perché costituiscono un pericolo per la salute.

Possono determinare dai danni al fegato, ai reni e ai testicoli e agiscono come interferenti endocrini sul testosterone. Uno studio si è occupato di prendere in considerazione il rapporto che c’è fra queste sostanze e l’alimentazione.

 

Dove si trovano

In base a ricerche precedenti, era stato messo in evidenza che gli ftalati si trovano nei giocattoli, perché questi composti vengono aggiunti alle materie plastiche. L’Unione Europea si è attivata in questo senso, facendo in modo che nei giochi non vengano riportate queste sostanze, per evitare che i bambini siano esposti ad esse, masticando o succhiando a lungo oggetti che le contengono.

Adesso uno studio dell’Environmental Protection Agency ha fatto notare che alcuni cibi, che comunemente utilizziamo, possono contenere delle alte concentrazioni di ftalati:

 

Si tratterebbe in particolare di carne, soprattutto pollame, latte intero, panna, margarina e alcuni oli da cucina.

I ricercatori hanno raccolto i dati provenienti da altri studi, che si sono occupati di misurare le concentrazioni di queste sostanze pericolose nei prodotti alimentari, prendendo in considerazione diversi tipi di dieta.

I risultati sono stati significativi, perché il regime alimentare considerato meno a rischio di esposizione è quello basato sul consumo prevalente di frutta e verdura.

La dieta a base di carni e latticini è risultata piuttosto pericolosa, soprattutto per i bambini.

La contaminazione degli alimenti, secondo gli studiosi, avverrebbe perché gli ftalati possono passare dai materiali ai cibi stessi.

 

Si tratta più che altro di materiali in PVC, che servono a costruire i guanti usati per preparare gli alimenti, i nastri trasportatori, le pellicole per gli imballaggi.

Tra l’altro gli ftalati si potrebbero rintracciare anche in quegli inchiostri o negli adesivi che vengono posti sulle involucri e sulle confezioni che contengono gli alimenti.

 

 

 

 

 

 

Come evitarli

E’ importante, quindi, fare molta attenzione, soprattutto per evitare una lunga esposizione a queste sostanze, cercando di salvaguardare il più possibile la propria salute generale. I ricercatori stessi hanno messo a punto dei consigli utili a questo proposito.

Si dovrebbero evitare la panna, il latte intero, le carni grasse, oltre che i cibi in scatola e trasformati.

La frutta e la verdura andrebbero acquistate fresche. Inoltre è importante non usare materie plastiche per la conservazione dei cibi: a queste sono da preferire altri materiali, come il vetro, la ceramica, il legno o l’acciaio inossidabile.

Una particolare attenzione dovrebbe essere riservata ai liquidi caldi, che non dovrebbero essere versati in contenitori realizzati in materie plastiche in policarbonato.

Allo stesso tempo ci sono delle altre accortezze, che dovrebbero essere prese come punto di riferimento nelle abitudini quotidiane. Fra queste, il rifiuto di acquisto di creme cosmetiche che contengono ftalati o di prodotti che abbondano di sostanze chimiche.


Fonte: www.ecoo.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More




CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  



| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1246

Privacy Policy