Epatite C: un miliardo per il "farmaco d'oro"





 

Finalmente la legge di stabilità è stata approvata e salvo cambiamenti improbabili alla Camera dei Deputati, sarà disponibile nel 2015 il finanziamento di 1 miliardo di euro per sostenere l'acquisto del nuovo farmaco che svolge un importante effetto terapeutico sulla infezione indotta dal virus dell'epatite C.

Tuttavia la somma sarà per 100 milioni di euro a carico dello Stato,mentre 400 milioni saranno disponibili nel 2015 e 500 milioni nel 2016 da reperire su fondi del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).Si tratta quindi per il prossimo anno di una disponibilità di 500 milioni di euro che verranno interamente dedicati all'acquisto del Sofosbuvir il nuovo promettente farmaco che dovrebbe rappresentare una cura fino al 90 percento dei pazienti affetti da epatite C, una grave malattia che può indurre cirrosi epatica e tumori del fegato.

Si stima infatti che solo in Italia muoiano a causa di queste malattie ben 10.000 persone ogni anno.

L'Italia e' uno dei Paesi a più alto tasso di epatite C, anche se i nuovi casi sono in diminuzione.

Le conoscenze epidemiologiche sono ancora relativamente grezze perchè molti portatori sani del virus e molti ammalati non vengono diagnosticati.

Comunque con molta approssimazione si può ritenere che vi siano in Italia 1 milione e mezzo di infetti e di questi circa 3-400.000 persone diagnosticate con oltre 50.000 casi veramente gravi. L'epatite C ha una maggior prevalenza nel Sud con la Campania "maglia nera" a causa dei suoi 84.000 infetti.

 

 

Ritornando al nuovo farmaco non ci si può che rallegrare per questo nuovo strumento terapeutico reso possibile, e' utile sottolinearlo dalle ricerche condotte sugli animali da esperimento, anche se rimangono alcuni punti di domanda che potranno essere annullati nel futuro quando si avrà una idea più precisa della entità delle reinfezioni e sopratutto della tossicità del sofosbuvir che nel breve tempo sembra comunque essere soddisfacente anche se il farmaco verrà utilizzato in associazione all'interferone e alla ribavirina che hanno una loro tossicità.

In ogni caso sono ormai sulla direttiva d'arrivo anche in Europa altri farmaci quali il Simeprevir, il Ledispavir ed altri ancora che si spera possano rappresentare un ulteriore passo avanti nel trattamento della epatite C ed anche una prospettiva competitivita' riguardante il prezzo.

 

Infatti il punto dolente nella utilizzazione del sofosbuvir è il suo prezzo, il più alto nella storia della farmacologia.

 

 

La ditta produttrice,l'americana Gilead Sciences ha infatti fissato per gli Stati Uniti il prezzo di quasi 1000 dollari per compressa determinando un costo per ciclo di terapia di circa 84.000 dollari pari a circa 68.000 euro.

Se questo prezzo venisse applicato in Italia verrebbe sbancato il SSN.

Infatti per acquistare il prodotto per un milione di ammalati si dovrebbero spendere circa 68 miliardi di euro, una cifra impossibile considerando che l'intero budget del SSN supera di poco i 100 miliardi di euro e che la spesa totale dei farmaci per il territorio e per gli ospedali si aggira sui 18 miliardi di euro.

Per la prima volta anche in Italia ci troveremmo nella condizione dei Paesi in via di sviluppo: non avere le risorse per curare una grave malattia.

Attualmente la situazione non e' molto chiara; l'AIFA, l'organismo italiano che determina la rimborsabilità dei farmaci nella sua determina del 12 novembre ha stabilito il prezzo al pubblico del prodotto farmaceutico contenente il Sofosbuvir a 74.258 euro più IVA per 84 compresse che rappresentano un ciclo terapeutico e per gli acquisti ospedalieri la cifra di 45.000 euro più IVA, cifre spaventose che permetterebbero a livello ospedaliero di trattare con i 500 milioni di euro disponibili poco più di 10.000 pazienti.

Tuttavia non si conosce per il momento quale sia il prezzo che pagherà il SSN perchè è ancora avvolto dal segreto. Sarebbe invece molto importante che fosse reso nota quale sarà la reale spesa e di conseguenza quanti saranno i pazienti che potranno usufruire del trattamento nel 2015.

In attesa di queste informazioni non si può non essere impressionati dal prezzo imposto dalla ditta farmaceutica e non chiederci quali siano le voci che lo determinano,considerando che già in pochi mesi si ritiene che la Gideas abbia incassato più di 20 milioni di euro al giorno!

 

Non è certo il costo del principio attivo considerando che si ritrova sul mercato dei prodotti chimici anche per piccoli acquisti al prezzo di circa 12.000 euro al kilogrammo.

 

 

Un semplice calcolo indica che con un kilogrammo di Sofosbuvir si possono confezionare 30 cicli terapeutici che permettono un ricavo di oltre 2 milioni di euro (prezzo al pubblico).

Questa stratosferica moltiplicazione è assolutamente inaccettabile tanto è vero che è attualmente in corso al Senato americano una inchiesta per ottenere dati che permettano una maggiore trasparenza sul prezzo del Sofosbuvir.

Fra l'altro va segnalato che lo stesso farmaco è venduto in Egitto al prezzo di 700 euro per ciclo ed è improbabile che la ditta voglia fare beneficienza.

Questo tentativo di speculare sulla salute deve essere contrastato anche al punto di annullare temporaneamente il brevetto per evitare che questi esempi si moltiplichino nel tempo.

 

Silvio Garattini Direttore, IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”, Milano

 

Silvio Garattini, Il Mattino, 24/12/2014

 

 

 

Fonte: redattoresociale.it

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 

| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 4849

Privacy Policy