Tè all’Artemisia annua – una rivoluzione nella storia della medicina tropicale


 

Tè all’artemisia annua – una rivoluzione nella storia della medicina tropicale –
è un’occasione d’oro che, a causa delle politiche economiche e interessi burocratici,
il mondo rischia di perdere.

 

Ogni anno 300 milioni di persone soffrono di malaria, e tra 1 e 3 milioni ne muoiono. La riscoperta della pianta artemisia annua è quindi motivo di gioia nel mondo della medicina tropicale. L’artemisinina, estratta dalla pianta, agisce da 10 a 100 volte più velocemente di tutti gli altri farmaci malaria conosciuti (1).

 

Ecco la questione chiave che poniamo: è necessario estrarre prima l’artemisinina dalle foglie essiccate con un solvente organico, e quindi produrre delle compresse, oppure è meglio coltivare semplicemente l’artemisia e fare il tè con le foglie essiccate?

 

Pensiamoci un po’: una riduzione solo del 20% del tasso di mortalità dovuto alla malaria in Africa si tradurrebbe in un vantaggio economico pari all’intera “industria d’aiuti” che Africa riceve (20 miliardi di dollari all’anno).

Oppure, se potessimo dimostrare che l’artemisia può guarire l’80% dei casi di malaria, allora questa medicina naturale, a costo di produzione quasi nullo, potrebbe portare un beneficio finanziario pari a 4 volte l’intera “industria d’aiuti”!

 

In un programma televisivo, a proposito dell’artemisia annua, il canale tedesco RTZ ha annunciato: “Malaria: vittoria in vista!” E poi il “Sueddeutsche Zeitung” (un giornale della Germania meridionale), descritto l’artemisia annua come “La pianta che potrebbe salvare l’Africa”. Noi, molto semplicemente diciamo, sì – la vittoria è in vista, non nel senso della distruzione del nemico, ma nel senso di coesistenza.

 

L’umanità non potrà mai sradicare la malaria, ma la malaria non deve più minacciare di sradicare l’umanità!

La nostra visione è che la malaria può essere curata, che può essere trattata per i prossimi mille anni, e che anche i più poveri possono avere un adeguato trattamento per migliaia di anni. Questa è un’occasione d’oro.

 

 

A questo scopo abbiamo proposto delle dettagliate linee guida al trattamento.

Si consiglia l’uso essiccato e polverizzato di foglie d’artemisia annua come un tè per uso interno.

Per i pazienti incoscienti sotto la forma di un estratto acquoso da applicare come un clistere.

Per i casi in cui solo l’artemisia non è sufficiente, si descrive quali vecchi, privi di brevetto – allora economici – sintetici medicinali contro la malaria possono essere usati insieme all’artemisia; si tratta prevalentemente di malati di AIDS e i bambini sotto i 5 anni.

Con l’utilizzo di questi trattamenti, basati sull’infuso di artemisia, un paese africano potrebbe costruire un efficace fronte contro l’avanzata minacciosa della malaria, senza soffrire l’aumento dei prezzi dei farmaci e senza porgere la mano mendicante a Bill Gates.

 

 

Risposte alle critiche

Parecchi non sono d’accordo con le nostre raccomandazioni. Prendiamo sul serio le loro osservazioni e rispondiamo alle loro critiche come segue:

 

1. “Non avete esaminato un numero sufficiente di pazienti affetti da malaria per rivendicare che il tè d’artemisia è efficace.”

Negli ultimi anni, i collaboratori di Anamed, hanno raccolto una grandissima esperienza. Ad esempio, Ralph Wiegand in Arba Minch, Etiopia, e Maike Ettling in Musoma, Tanzania, hanno trattato oltre 1.000 pazienti affetti da malaria con un tasso di successo tra l’80 e il 100% .

 

2. “Il tasso di guarigione con l’estratto dall’intera pianta è troppo basso.

” Nella letteratura scientifica, tre studi cinesi hanno dimostrato fino al 100% di efficacia, quando le foglie essiccate d’artemisia sono state somministrate direttamente in polvere, o miscelate con l’olio, o come l’estratto alcolico (1). Tutti quei trattamenti che anche le più remote cliniche africane possono seguire.

 

3. “Il tè non uccide ogni singolo plasmodium.”

La cosa più importante per un Africano è l’assenza di sintomi di malaria e non il fatto che ogni singolo plasmodium sia distrutto. Molti Africani hanno sempre un numero di plasmodium nel sangue, i quali forniscono anche una protezione contro le nuove infezioni.

Lo studio del dottor Mueller presso l’Università di Tubinga ha dimostrato che 7 giorni dopo l’inizio del trattamento con tè d’artemisia, il 77% dei pazienti non aveva più una temperatura elevata, nel 88% la stanchezza era scomparsa, e nel 92% dolori dei muscoli e la nausea erano scomparsi.

Veramente l’esperienza di gruppi ANAMED in molti paesi africani testimonia che il tasso di guarigione ed il tasso di perdita di sintomi è molto più alto di quello appena riportato. Se in questa fase il paziente non è guarito completamente, almeno dovrebbe avere la forza sufficiente per camminare alla clinica più vicina, dove sottoporsi agli esami per determinare ciò che la sua malattia è in realtà. (In Congo facilmente potrebbero essere 100 km (7); in Amazzonia un viaggio di tre giorni in barca ).

 

 

4. “Il livello d’artemisinina nel sangue è troppo basso. Per trattare la malaria correttamente, i pazienti dovrebbero bere 20 litri di tè al giorno.

” L’Università di Tubinga ha dimostrato che bevendo 1 litro di artemisia tè per 7 giorni, si raggiungono efficaci livelli antimalarici nel sangue.

I volontari che hanno bevuto il tè fatto da 9 grammi di foglie essiccate d’artemisia hanno avuto un picco plasmatico di 240 nanogrammi d’artemisinina per ml.

Questo livello è 26 volte superiore alla concentrazione minima d’artemisinina necessaria per l’inibizione della crescita di plasmodium falciparum in vitro . Questa università, tuttavia, non consiglia l’artemisia per il trattamento della malaria, perché, entro quattro settimane dopo il trattamento con l’artemisia, molti pazienti hanno avuto un nuovo attacco di malaria.

Probabilmente questi nuovi attacchi erano dovuti alle nuove infezioni.

Vorremmo sottolineare che l’artemisinina ha una breve emivita, solo 1 ½ ore,

rispetto, ad esempio, al Fansidar, di cui l’emivita dura fino a 3 settimane! Per questo motivo insistiamo sul fatto che il tè deve essere bevuto per 7 giorni, a volte anche per 12, per prevenire una nuova infezione. E’ importante anche ricordare che l’artemisinina nel l’infuso d’artemisia ha l’ulteriore effetto di rafforzare il sistema immunitario.

Molti pazienti, compresi quelli che soffrono di malattie molto diverse come la febbre tifoide, AIDS, reumatismi o bronchiti, ci riferiscono che, dopo aver bevuto il tè, si sentono rafforzati.

 

 

5. “La paura maggiore al livello mondiale è che il parassita della malaria potrebbe sviluppare resistenza ad artemisinina, e questo pericolo aumenta attraverso l’uso di artemisia. Ciò renderebbe l’ultima arma nella lotta contro la malaria inutile.

” Condividiamo questa preoccupazione, ma non abbiamo assolutamente paura che usando l’artemisia stiamo aumentando questo pericolo. Il tè è stato utilizzato in Cina per 2000 anni, e non si era sviluppata la resistenza all’artemisinina.

Negli ultimi anni nella faccenda è stata coinvolta l’industria farmaceutica.

Le compagnie farmaceutiche hanno isolato l’artemisinina e prodotto compresse di questo singolo componente antimalarico, e in meno di 20 anni sono stati osservati i primi segni di resistenza .

Se l’artemisinina dovesse diventare inefficace, allora, ci dispiace, ma è l’industria e non una terapia a base di erbe naturali che sarebbe da biasimare.

 

Nel corso della storia, non vi è infatti, alcuna traccia di qualsiasi parassita diventare resistente ad un estratto d’intera pianta.

Ad esempio, vi è la resistenza alla cloro-china sintetica, ma l’infuso di corteccia dell’albero di china è altrettanto efficace oggi come lo è stato per centinaia di anni.

 

 

6. ”Con i moderni farmaci a base di artemisinina abbiamo una terapia assolutamente affidabile per la malaria – perché usare un primitivo tè?

” Secondo noi è proprio al contrario!

In primo luogo, nei paesi tropicali, ci si può fidare molto di più di un tè a base di artemisia, cresciuta nel giardino davanti alla propria casa, che delle compresse acquistate in farmacia. L’artemisinina o i suoi derivati (ad esempio l’artesunato, dihydro-artemisinina) sono costosi in tutto il mondo e non sono disponibili in quantità sufficienti.

Questo provoca, a sua volta, la situazione ideale per la produzione illegale di medicinali contraffatti. (Vedi: “Manslaughter by Fake Artesunate”, 15). Ciò significa che chi produce queste medicine aggiunge appena la quantità sufficiente di ingredienti dichiarati, all’incirca 1%, in modo da poter passare i controlli di qualità. E questo equivale ad un omicidio.

In più, i plasmodi della malaria hanno maggiore opportunità di sviluppare la resistenza. Contrariamente alle medicine, il caratteristico gusto della artemisia è tale che non sono stati segnalati fin ora dei falsi della pianta.

 

In secondo luogo, oggi, anche la maggior parte di farmaci ACT (Artemisia Combination Therapy), venduti in Vietnam e Cambogia sono falsi !

In terzo luogo, nelle preparazioni ACT, abbiamo due diversi farmaci antimalarici che hanno diversi brevi emivita nel sangue.

Il farmaco ACT è preso di solito per 3 giorni.

Il primo componente è un derivato d’artemisinina che ha sempre un’emivita di una o due ore. Ciò significa, che la sera del terzo giorno, non c’è più l’artemisinina nel sangue del paziente.

Il secondo farmaco è comunque lumefantrina con un’emivita di 5 giorni, oppure meflochina con un’emivita di 3 settimane!

 

Allora, se un paziente prende derivato d’artemisinina + lumefantrina, dal 4 al 9 giorno ha solo la lumefantrina nel sangue. Se invece prende il derivato d’artemisinina + meflochina, dal 4 al 25 giorno ha solamente la meflochina nel sangue, oltre alle dosi sub-terapeutiche di esso per molte più settimane.


Ciò significa che se una persona viene punta da una zanzara durante il periodo di “no artemisinina nel sangue”, (e molti pazienti sono punti dalle zanzare ogni giorno) il plasmodio è attaccato dalla mono-terapia. Ha quindi abbastanza tempo per sviluppare resistenza a questo secondo componente del farmaco.

Citiamo, “sono emerse segnalazioni di fallimento del trattamento con l’artemeter – lumefantrina, che è stato introdotto in Zanzibar, con la prova genetica dei parassiti resistenti alla lumefantrina”. E’ assurdo allora pretendere di non usare tè all’artemisia per il trattamento della malaria, per non mettere al repentaglio l’efficacia delle compresse:

il tè all’artemisia è una soluzione di gran lunga più sostenibile!

 

 

7. “Rispetto all’uso di una singola sostanza isolata, l’effetto di un intero estratto non può essere quantificato con precisione e quindi dà troppe incertezze.

Dovremmo imparare dalla storia. Per decenni gli scienziati hanno condannato tintura di valeriana, perché nessuna singola efficace sostanza poteva essere isolata. Il conflitto è stato risolto con il riconoscimento, che la tintura di valeriana è efficace solo a causa della sinergia di tutti i varii componenti, e che cercare di isolare un componente solo non ha senso.

(è quello che sostengo io da sempre nei confronti dei funghi titolati....
io per le stesse ragiuoni preferisco il fungo in toto)

Molti scienziati indipendenti confermano che questo è vero anche per il tè d’artemisia.

 

8. “Il tè all’artemisia è una mono-terapia e pertanto non deve essere usata.

” Il tè all’artemisia è ovviamente la mono-terapia. Le sostanze antimalariche nella pianta includono l’artemetin, il casticin, il chrysoplenetin, il chrysosplenol – D e il cirsilineol .

L’efficacia del questo tè dipende dall’effetto sinergico di 29 sesquiterpeni, 36 flavonoidi e una varietà di oli essenziali .

L’efficacia dell’artemisia dipende soltanto in bassa misura dal contenuto d’artemisinina. Più volte è stato anche dimostrato che il tè non contenente l’artemisinina è ancora efficace contro la malaria. Ci sono infatti varietà di artemisia che non contengono affatto l’artemisinina, ma sono efficaci nel trattamento della malaria, come ad esempio Artemisia absinthium, abrotanum e afra.

 

9. “Dopo sei mesi le foglie secche di artemisia perdono la maggior parte del loro contenuto di artemisinina e sono quindi inutili.”

Abbiamo dimostrato che il contenuto di artemisinina, in un campione di artemisia correttamente essiccato, rimane stabile per tre anni. Il ricercatore Dr. Pedro Mellilo dell’Università di Campinas in Brasile ha mostrato, che nei campioni conservati nel modo giusto, il contenuto di artemisinina in realtà aumenta con il tempo, a seguito della conversione dei precursori (9). ANAMED si assicura che i nostri collaboratori in Africa seguano il processo di essiccazione e conservazione nel modo corretto.

 

10. “Rispetto alle compresse, è troppo difficile misurare il corretto dosaggio di tè all’artemisia.

” Nelle pubblicazioni ANAMED abbiamo chiaramente definito la quantità minima di “tè all’artemisia annua anamed”.

Questo tè può essere somministrato in dosi che sono altrettanto precise come quelle delle compresse. ANAMED in Tanzania riempie manualmente le bustine con le precise dosi di artemisia. ANAMED in Sud Africa utilizza una macchina per riempire d’artemisia le bustine da tè o le capsule, e ora produce 3 tonnellate l’anno (10).

 

 

 

Presentazione Completa e UNICA di ACQUA KANGEN

Cambia la tua acqua ---- CAMBIA LA TUA VITA ;-)

per info contattami:       arturovillamarco@gmail.com

 

Se vuoi capire come funziona guardati questi video - Nessuno ha mai spiegato meglio ;-)

 

PREVENTIVI ACQUA KANGEN
(Clicca qui)

 

per info contattami: arturovillamarco@gmail.com

 

 

-

N-Acetil Cisteina - precursore Glutatione

Il glutatione è un tripeptide naturale, vale a dire una sostanza costituita da tre amminoacidi, nell'ordine acido glutammico, cisteina e glicina.

-

L - Glutatione - Studi del ricercatore G. Puccio

Esso e' un composto organico la cui carenza nei globuli rossi congenita od acquista nel corso dell'esistenza, per via di vaccinazioni, assunzione di farmaci, droghe, alimentazione inadatta, ecc., determina il precoce invecchiamento (cellulare, sistemico ed organico) per via di un anomalo metabolismo OSSIDATIVO,..............

-

Le Virtù del Glutatione

Il Glutatione viene costruito all’interno delle cellule partendo dai tre aminoacidi che lo compongono che sono la glicina, l’acido glutammico e la cisteina. Il fattore limitante la sintesi del glutatione è la disponibilità di cisteina che è piuttosto rara negli alimenti...............

-

IL SAMe ed il Fegato - S-adenosil metionina

La S-adenosil metionina (SAM) è un coenzima coinvolto nel trasferimento di gruppi metile (un processo definito metilazione).
La molecola è anche conosciuta con il nome ademetionina o SAMe ...

-

Produzione Endogena di vitamina D

Al contrario di tutte le altre che assimiliamo dal cibo, questa vitamina viene prodotta in gran parte dal nostro organismo. Il metabolismo della vitamina D è un processo estremamente complesso: tutto ha origine in quella che potremmo definire l'industria chimica del nostro organismo, il fegato, organo che svolge un ruolo fondamentale in molti processi,.....

-

Fisiopat. vit. D - Differenziazione cellulare - Apoptosi

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina....................

-

Fisiopatologia della vitamina D - Altre malattie

Malattie autoimmuni, osteoartriti e diabete La vita a elevate altitudini aumenta il rischio di diabete tipo 1, sclerosi multipla e malattia di Crohn. Vivendo al di sotto dei 35 gradi di latitudine, per i primi 10 anni di vita, si riduce il rischio di sclerosi multipla di circa il 50%................

-

Osteoporosi e Vitamina D3

La scoperta che le cellule della maggioranza dei tessuti posseggono un recettore per la vitamina D e che gran parte di esse possiede il complesso macchinario enzimatico per convertire la 25-idrossivitamina D circolante, nelle forma attiva, cioè nell'1-25 diidrossivitamina D, ha fornito nuove acquisizioni per conoscere meglio l'attività di questa vitamina................

-

Vitamina E - ( Tocoferolo )

La Vitamina E o Tocoferolo è un potente antiossidante liposolubile che aiuta le cellule del nostro organismo a proteggersi dai radicali liberi, responsabili principali dell’invecchiamento cellulare. La vitamina E (tocoferolo) all’interno del nostro corpo agisce contro le patologie cardiovascolari, ............

La vitamina C

Iniziamo col dire che la vitamina C esistente in natura in frutta e verdure è molecolarmente identica all'acido L-ascorbico prodotto in laboratorio, non esiste nessuna differenza. Aggiungiamo che per un difetto genetico il nostro corpo non produce la vitamina C pertanto siamo costretti a somministrarcela per via orale,

 

Tumori: iniezioni di vitamina C ad alte dosi per uccidere cellule cancro

L'iniezione di un concentrato di vitamina C ad alte dosi può aiutare a eliminare le cellule tumorali. A stabilirlo, per ora sui topi, è una ricerca dell'Università del Kansas pubblicata su 'Science Translational Medicine'. Secondo gli scienziati, la somministrazione per via endovenosa di vitamina C potrebbe...........

 

 

Vitamina C? - sopravvalutata

Molti giornali nei giorni scorsi hanno eletto la vitamina C a farmaco antitumorale, usando espressioni come “la vitamina C tiene a bada il cancro” quando addirittura non è stata usata la parola “cura”. Tutto parte da una pubblicazione su Science Translational Medicine, ma tra quello che lo studio dice e quello che gli autori hanno gettato in pasto ai media c’è un bel po’ di differenza.

 

La vitamina C in gravidanza protegge il cervello del bebè

Via libera al ribes, ai peperoni, ai kiwi, ai broccoli, ai cavoli, alle arance e ai mandarini: in gravidanza, oltre ad aiutare il senso di sazietà favorendo una dieta sana e variegata, aiutano anche ad apportare la giusta quantità di vitamina C nell'organismo, indispensabile per un sano sviluppo cerebrale del nascituro.

 

La Melatonina

La melatonina, chimicamente N-acetil-5-metossitriptamina, è una sostanza prodotta da una ghiandola posta alla base del cervello, la ghiandola pineale (o epifisi). Agisce sull'ipotalamo e ha la funzione di regolare il ciclo sonno-veglia. Oltre che negli esseri umani essa è prodotta anche da animali, piante e microorganismi.

 



 


 

Motore di ricerca interno Carcinomaepatico.it

Condividi Sui SOCIAL -

Facebook Twitter Delicious Digg Stumbleupon Favorites More

 



CARC. EPATICO  
PROTOCOLLO 123     
PROTOCOLLO SFLTV5     
IRCAV 1     
IRCAV 2     
IRCAV 3     
IRCAV 4     
VIDEO IRCAV     
QUADRO CLINICO     
PILASTRI  
SUCCHI VERDI     
ACQUA KANGEN     
SYNCHROLEVELS     
ALOE ARBORESCENS     
GANODERMA LUCIDUM     
ASCORBATO POTASSIO     
ALIMENTAZIONE  
ALIMENTAZIONE 1     
ALIMENTAZIONE 2     
ALIMENTAZIONE 3     
ALIMENTAZIONE 4     
ALIMENTAZIONE 5     
ALIMENTAZIONE 6     
TABELLE ALIMENTARI     
RICETTE SALUTARIANE     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
STRUMENTI IRCAV  
CERTIFICO IO     
LA LIBRERIA     
PERCORSO     
LA SCELTA     
SORAFENIB     
IL CANCRO     
TUTTI I VIDEO  
VIDEO SUCCHI VERDI     
VIDEO ALIMENTAZIONE     
VIDEO ACQUA KANGEN     
VIDEO IRCAV     
CANALE YOUTUBE     
INFODAY  




 

 


| Nota | Dove contattarmi | Disclaimer |

Utenti Connessi: 1264

Privacy Policy